Notizie

Qui troverete tutte le notizie e le ultime novità nel mondo della pesca subacquea, inclusi gli articoli e le normative da altri siti di rilievo.

  • Incidente Pesca Sub: 19enne Muore a Torre Astura, a 15 metri di Profondità
    by Redazione Apnea Magazine on 19 Luglio 2019 at 10:02

    Il tuffo fatale sarebbe avvenuto intorno alle 21, probabilmente l'ultimo prima di risalire a bordo e tornare a casa... Apnea Magazin […]

  • Celebrazione dei 154 anni del Corpo delle Capitanerie di porto e dei 30 anni della Guardia Costiera
    on 18 Luglio 2019 at 16:30

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaSi è svolta quest’oggi, in contemporanea con tutti i Comandi regionali d’Italia, la celebrazione del 154esimo anniversario dell’istituzione del Corpo delle Capitanerie di porto, avvenuta il 20 luglio 1865 con la firma del Decreto istitutivo da parte del re Vittorio Emanuele II. La cerimonia è stata anche l’occasione per ricordare il 30esimo anniversario della costituzione della Guardia Costiera, che del Corpo rappresenta l’articolazione tecnico-operativa, avvenuta l’8 giugno del 1989.Per la prima volta nella storia del Corpo, quest’anno, in occasione delle importanti ricorrenze, è stata deposta una corona di alloro presso l’Altare della Patria.Successivamente, nella sede del Comando Generale del Corpo, si è svolta la visita del Presidente della Camera dei Deputati, on. Roberto Fico, del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, sen. Danilo Toninelli, e del Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Giuseppe Cavo Dragone, accolti dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino.Nel suo discorso di apertura l’Ammiraglio Pettorino, rivolgendo un saluto ideale agli 11.000 uomini e donne del Corpo, rappresentati dai colleghi in servizio presso la sede, ha ripercorso brevemente la storia recente, con particolare riferimento agli eventi più salienti degli ultimi 30 anni."Nel 1989" ha ricordato l’Ammiraglio, “con un Decreto Ministeriale a firma dell’allora Ministro della Difesa Zanone e dell’allora Ministro della Marina Mercantile Prandini, veniva costituita la Guardia Costiera, che altro non era che l’articolazione operativa del Corpo delle Capitanerie di porto; un Corpo che dal 1923 è un Corpo della Marina Militare e che ha e mantiene una dipendenza funzionale dai Ministeri che si occupano degli usi civili del mare, cioè dal Ministero dei Trasporti, dal Ministero dell’Ambiente e dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Le nostre missioni” ha proseguito l’Ammiraglio, “sono quelle della salvaguardia della vita umana in mare, della sicurezza della navigazione, della tutela dell’ambiente marino, del controllo delle attività di pesca, ma anche di tutte quelle attività amministrative di cui tutti coloro che lavorano sul mare o che sul mare trascorrono il loro tempo libero hanno ogni giorno bisogno. Abbiamo dedicato questa giornata al lavoro di tutti coloro che ci hanno preceduto, perché se oggi la Guardia Costiera è uno strumento operativo importante, se le Capitanerie continuano ad assolvere a quel ruolo fondamentale di amministrazione che accompagna ogni giorno gli usi civili del mare lo dobbiamo anche al loro lavoro e alla loro perseveranza”.Al discorso dell’Ammiraglio hanno fatto seguito due brevi filmati che hanno ripercorso i momenti più significativi della storia del Corpo​​. Particolare commozione ha suscitato il ricordo dei caduti e delle Medaglie d’Oro.Successivamente, il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio Cavo Dragone, ha rivolto parole di stima e vicinanza a tutti gli uomini e donne, militari e civili, del Corpo, soprattutto a quelli impegnati a bordo dei mezzi navali e aerei per il servizio e per il bene del Paese.Quindi è stata la volta del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti sen. Toninelli, il quale, nel congratularsi con l’Ammiraglio Pettorino per i risultati raggiunti dal Corpo, ha rivolto un plauso per lo svolgimento dell’operazione Mare Sicuro: operazione inaugurata il 1° giugno e volta ad assicurare la sicurezza in mare di bagnanti e diportisti per tutta la stagione estiva. "Tutti gli italiani apprezzano il vostro sforzo per la tutela dell'incolumità delle persone e per la difesa della legalità. E' anche grazie alla vostra attività che milioni di nostri concittadini possono e potranno godersi l'estate in tranquillità sulle nostre splendide coste. Ecco perché possiamo dire che il lavoro delle Capitanerie ci aiuta a valorizzare le bellezze del nostro Paese".Infine, alle parole del Ministro Toninelli hanno fatto eco quelle del Presidente della Camera dei Deputati, on. Fico, ribadendo - nel suo intervento - l’apprezzamento delle Istituzioni per il lavoro che con tanto impegno la Guardia Costiera svolge quotidianamente nell’assolvimento dei suoi compiti istituzionali e, in particolar modo, a salvaguardia della vita umana in mare.A conclusione della cerimonia gli illustri ospiti, accompagnati in Centrale Operativa dal Comandante Generale, hanno potuto apprezzare le moderne tecnologie costituenti il nucleo operativo della Guardia Costiera, i sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo e le relative tecnologie con le quali il Corpo espleta le diverse attività di competenza. […]

  • Video Pesca Sub: la Grande Ricciola dopo il Lungo Aspetto (42 kg)
    by Redazione Apnea Magazine on 17 Luglio 2019 at 15:33

    Diego Rodriguez dopo un tuffo in assetto costante e un lungo aspetto al riparo della fluttuante vegetazione della secca, si ritrova faccia a faccia con una grossa ricciola solitaria. Il colpo è preciso, il pescione è fiaccato ma non fulminato, ma basterà doppiarlo per issarlo finalmente sul pagliolo del gommone. Un incontro come forse tutti abbiamo sognato almeno una volta...e i più fortunati, magari anche realizzato! Apnea Magazin […]

  • Visita della Commissione parlamentare Ecomafia alla Direzione Marittima del Veneto
    on 17 Luglio 2019 at 11:49

    Data: 17/07/2019 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: VeneziaLo scorso 10 luglio, la Commissione parlamentare Ecomafia presieduta dall'on. Stefano Vignaroli ha fatto visita alla Direzione Marittima del Veneto. Ad accoglierla, al suo arrivo, il  Direttore Marittimo Contrammiraglio Piero Pellizzari. Durante l'incontro sono stati illustrati i compiti della Guardia Costiera con specifico riferimento ai temi ambientali: un particolare interesse è stato rivolto alle attività di controllo della Capitaneria sul destino dei fanghi di dragaggio dei canali portuali e sulle terre scavate nel SIN (Sito di interesse nazionale) di Marghera per le bonifiche in corso.L'Ammiraglio Pellizzari ed il Comandante Nuccio, nell'occasione, hanno illustrato alla Commissione parlamentare d'inchiesta, nell'ambito di un ciclo di audizioni che sta svolgendo su tutto il territorio nazionale, la particolarità delle attività di controllo ambientale su un'area portuale di 2.200 ettari, nonché le modalità di monitoraggio delle unità impiegate nelle operazioni di bonifica e smaltimento.Al termine della visita la Commissione, accompagnata dal Capo Reparto Tecnico Amministrativo, il Comandante Sandro Nuccio, è imbarcata a bordo della dipendente motovedetta CP 287 per un sopralluogo in ambito portuale. […]

  • NICOLA RIOLO Abbandona Definitivamente l’Agonismo.
    by Redazione Apnea Magazine on 16 Luglio 2019 at 16:29

    Il pluricampione Italiano, dopo una carriera agonistica ricca di soddisfazioni e che sfiora i quarant’anni, abdica. Apnea Magazin […]

  • Il Procuratore Generale Militare Marco De Paolis in visita al Comando Generale
    on 16 Luglio 2019 at 5:34

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaIeri, 11 luglio, il Procuratore Generale Militare presso la Corte Militare d'Appello di Roma - Dottor Marco De Paolis ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera.Ad accoglierlo, al suo arrivo, il Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, i Capi Reparto e i Capi Ufficio di staff del Comando Generale.Dopo il tradizionale saluto di benvenuto, i partecipanti all'incontro si sono ritrovati in sala crisi dove è stato prospettato, a cura del Comandante Generale, un quadro di sintesi dell'attuale assetto funzionale ed ordinamentale del Corpo.L'incontro è poi proseguito con la visita in Centrale Operativa, dove sono state mostrate le moderne tecnologie costituenti il nucleo operativo della Guardia Costiera, i sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo e le relative tecnologie con le quali il Corpo espleta le diverse attività di competenza.Il Procuratore De Paolis, a conclusione della visita, ha ringraziato per l'esaustiva illustrazione dei tratti distintivi della realtà odierna della Guardia Costiera ed ha rivolto un particolare apprezzamento per l'attività svolta dal Corpo.&nbs […]

  • Pesca Sportiva: il Limite di Prelievo Oltre le 12 Miglia (Acque Internazionali)
    by Redazione Apnea Magazine on 13 Luglio 2019 at 14:22

    I Banchi di Sicilia, le secche in mezzo all'Adriatico, quanto è lecito prelevare oltre il limite delle acque territoriali? Apnea Magazin […]

  • FIPIA: La Pesca in Apnea NON Deve più Nascondersi!
    by Redazione Apnea Magazine on 11 Luglio 2019 at 13:14

    Riceviamo dal presidente FIPIA una riflessione cruda, ma molto condivisibile, sullo stato della pesca sub in Italia. Apnea Magazin […]

  • A Messina il 1° Modulo navale di altura per secondi Capi Scelti
    on 11 Luglio 2019 at 11:34

    Data: 11/07/2019 00:00:00Categoria: Attività, Eventi, Corsi di formazioneLuogo: MessinaSi è recentemente concluso, presso il Centro di formazione specialistica VTMIS ed attività operative di Messina, il 1° Modulo navale di altura rivolto ad un'aliquota di 14 Militari del Ruolo Sergenti con il grado di 2°C° Scelto. Tale attività formativa, nata da un'approfondita analisi di fattibilità che ha permesso di rivisitare ed ampliare i requisiti per l'accesso all'abilitazione per la conduzione delle unità di altura,  scaturisce dall'esigenza di fornire una risposta concreta alle crescenti esigenze operative, all'incremento delle unità navali del Corpo destinate a tale tipo di navigazione, nonché alle modifiche ordinamentali relative al reclutamento ed impiego dei Marescialli del Corpo. Obiettivo del Corso è stato infatti quello di consentire al personale, di comprovata esperienza professionale, di effettuare un'intensa attività addestrativa a bordo delle principali unità di altura attualmente nella disponibilità del Corpo (400, 200, 300 e 800) nonché di ricevere un aggiornamento sui principali compiti istituzionali attribuiti alla Guardia Costiera (SAR, Pesca e Ambiente) mediante l'erogazione di moduli teorici-professionali.In chiusura di Modulo Navale i frequentatori hanno avuto modo di incontrare il Capo Reparto personale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Nunzio Martello, che ha dettato loro le linee di indirizzo da seguire nell'assolvimento del futuro delicato incarico. […]

  • Campagna #PlasticFreeGC “Proteggiamo il mare dalla plastica, proteggiamo la nostra vita”
    on 10 Luglio 2019 at 14:46

    Categoria: Attività, EventiLuogo: FiumicinoSensibilizzare i cittadini a una maggiore responsabilità e attenzione alle questioni ambientali, promuovere e stimolare comportamenti attivi e virtuosi finalizzati al rispetto e alla conservazione dell'habitat marino, attraverso iniziative di educazione ambientale.Questi in sintesi gli obiettivi del progetto #PlasticFreeGC - promosso dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera su mandato del Ministero dell’Ambiente della tutela del Territorio e del Mare e presentato ieri, 9 luglio, a Fiumicino, presso la Base Navale della Capitaneria di porto di Roma, alla presenza del Ministro Sergio Costa e dell’Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino.Il progetto #PlasticFreeGC è partito nel 2019, proseguirà per tutto l’arco dell’anno sarà rivolto ad alimentare una nuova cultura della sostenibilità, soprattutto tra le nuove generazioni, con particolare riferimento alla tematica “Plastic Free”.All’evento, erano presenti anche il sottosegretario di Stato all’Ambiente on. Salvatore Micillo, con delega alla tutela dell’ambiente marino, e il Segretario generale del Ministero, prefetto Silvana Riccio.Le attività del progetto saranno realizzate principalmente attraverso l'utilizzo dell'hashtag #PlasticFreeGC, che costituisce lo slogan identificativo della campagna di comunicazione ed educazione ambientale in materia di lotta alla dispersione delle microplastiche nell’habitat marino.La campagna è stata presentata dalla giornalista Rai Valentina Bisti e dal Capo Ufficio Comunicazione della Guardia Costiera il Capitano di Vascello Cosimo Nicastro.Durante l’incontro è stato mostrato, in anteprima nazionale, uno spot televisivo realizzato dalla Guardia Costiera e dalla RAI, previsto andare in onda su tutte le reti Rai a partire dal 12 luglio,  con l’obiettivo di sensibilizzare il grande pubblico sull’importanza della lotta alla dispersione delle microplastiche in mare e sulle conseguenze dannose che la plastica produce per le nostre coste, i nostri mari, la nostra salute.Nel corso della conferenza è stata presentata anche una nuova applicazione, utilizzabile su tutti i supporti multimediali, pensata per favorire iniziative concrete e mirate - mediante un piano di attività d'informazione -  ad una maggiore responsabilità e attenzione per la salvaguardia del mare.Durante l’incontro sono state illustrate le attività promosse dai Comandi territoriali della Guardia Costiera lungo gli 8.000 km di coste del Paese per incentivare le buone pratiche da adottare in mare e sulla spiaggia a tutela dell’ambiente. 800 gli istituti scolastici incontrati e 18 lectio magistralis tenute presso le principali università italiane. La Guardia Costiera grazie a questa iniziativa ha incontrato oltre 40 mila studenti in tutta Italia. Diversi gli eventi realizzati sul territorio con il coinvolgimento di Amministrazioni locali e associazioni ambientaliste: in soli 4 mesi raccolte oltre 70 tonnellate di plastica lungo i litorali italiani.Nell’occasione è stata lanciata, inoltre, l’operazione “reti fantasma”, attività mirata al recupero delle reti da pesca abbandonate volontariamente (talvolta accidentalmente) sul fondo del mare, in aree di particolare pregio ambientale, che incidono sul processo di cambiamento dei fenomeni naturali e che rappresentano anche un rischio per la sopravvivenza della flora e fauna marina e per la sicurezza dei subacquei.La giornata si è conclusa con il recupero di una rete abbondonata sul fondale ad opera dei nuclei subacquei della Guardia Costiera.Il progetto è stato inserito all’interno della campagna nazionale di sensibilizzazione #IoSonoMare promossa dal sottosegretario Salvatore Micillo, con il Ministero dell’Ambiente e ISPRA-SNPA, per accendere i riflettori sui temi del mare e su quanto lo Stato fa per tutelarlo, divulgando i risultati del monitoraggio marino che il Ministero dell’Ambiente svolge costantemente da anni in attuazione della Direttiva europea ‘Strategia Marina’. […]

  • Video Pesca Sub: 4 Grosse Spigole nel Paradiso dei Branzini
    by Redazione Apnea Magazine on 10 Luglio 2019 at 14:34

    L'estate è la stagione delle spigole, certo non nel nostro Mediterraneo, ma nelle coste meridionali dell'Inghilterra, dove è girata questa bella clip di Kevin Daly, sembra senza dubbio di si! Diverse catture, di pesci dai 4 ai 5 kg e mezzo, in varie situazioni: dall'agguato alla tana, con alcuni spettacoli veramente mozzafiato, compreso l'agguato poi non finalizzato (perchè il carniere era già pieno a sufficienza) ad un grosso spigolone sotto una tettoia di roccia. Insomma, se siete appassionati di pesca alla spigola e non sapete dove andare in vacanza questa estate, pensateci! Apnea Magazin […]

  • LUGLIO E’ IN EDICOLA
    by Luca on 10 Luglio 2019 at 8:37

    Ormai è scoppiata l’estate ed è tempo di vacanze. Il bravo Alberto Martignani ci parla di Spagna e di dentici e precisamente delle Baleari, isole che sono famose per ospitare una gran quantità di questi predoni. Ci segnala i 3 posti top, uno a Minorca, uno a Maiorca e uno a Ibiza. E sempre Alberto […]

  • Assoluto Pesca Sub 2019: il Racconto di Giacomo De Mola
    by Redazione Apnea Magazine on 8 Luglio 2019 at 15:19

    Giacomo De Mola racconta la sua prima esperienza ad un campionato assoluto, sfiorando la vittoria per una manciata... Apnea Magazin […]

  • Assoluto Pesca Sub 2019: il Racconto di Luigi Puretti
    by Redazione Apnea Magazine on 4 Luglio 2019 at 15:25

    Il campione 2019 ci racconta, con dovizia di particolari, una gara entusiasmante che credeva di avere ormai perso... Apnea Magazin […]

  • A Genova la 4ª edizione della Genoa Shipping Week
    on 3 Luglio 2019 at 13:50

    Categoria: Eventi, AttivitàLuogo: GenovaDal 24 al 30 giugno si è svolta a Genova la 4a edizione della "Genoa Shipping Week", una settimana nella quale si sono tenuti oltre 50 eventi tra incontri, tavole rotonde e momenti di divulgazione, nell'ambito dei quali la portualità italiana si è interrogata sulle prospettive future per rendere il Port Community System ancora più efficiente e competitivo.La manifestazione organizzata da Assagenti, l'Associazione degli agenti e dei mediatori marittimi, con il pieno supporto della Capitaneria di porto di Genova, ha consentito al Corpo di confrontarsi con i più importanti operatori e stakeholders dei porti e della logistica italiana.Suggestiva la cerimonia di inaugurazione, che quest'anno ha avuto luogo a bordo della Nave "Dattilo" della Guardia Costiera, ormeggiata per l'occasione al Molo Vecchio del Porto Antico di Genova di fronte agli storici Magazzini del cotone. A fare gli onori di "casa" il Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Giovanni Pettorino accompagnato dal Direttore marittimo della Liguria Ammiraglio Ispettore (CP) Nicola Carlone. Tra gli altri ospiti intervenuti all'evento, anche il sindaco di Genova, il dott. Marco Bucci, e Alberto Banchero, presidente di Assagenti, nonché i rappresentanti delle maggiori istituzioni locali e dei i professionisti del settore.Molti gli eventi che si sono susseguiti nel corso della settimana e che hanno visto il coinvolgimento della locale Direzione Marittima e della stessa Nave Dattilo.Il 25 giugno, presso l'Acquario di Genova, il cluster marittimo ha incontrato i biologi marini e i divulgatori scientifici nell'ambito della conferenza "An oceanic awakening" organizzata in collaborazione con il Corpo delle Capitanerie di Porto. Nel corso del dibattito si è parlato delle azioni concrete che l'industria marittima può mettere in campo per trasformare il settore marine&energy in un ecosistema sostenibile, efficiente e connesso. Alla conferenza è intervenuto l'Ammiraglio Pettorino, che ha illustrato ai presenti l'impegno quotidiano della Guardia Costiera in difesa dell'ambiente marino.Altra importante novità della IV edizione della GSW è stata rappresentata dall'assemblea a Genova, per la prima volta, dell'Advisory board dell'EMSA con la partecipazione dell'Ammiraglio Carlone e dell'Ammiraglio Pellizzari – rappresentanti per l'Italia - e delle 28 delegazioni dei Paesi UE e della Commissione europea. Un'occasione importante per rimarcare come il porto di Genova sia sensibile ai temi della sicurezza. L'argomento è stato, peraltro, approfondito nella mattinata del 28 giugno nel corso del convegno #Maritime Safety che ha visto con il prestigioso intervento dell'Executive Director dell' EMSA, Mrs. Maja Markovčić Kostelac, la quale ha presentato la strategia per i prossimi 5 anni dell'agenzia europea.Numerosi sono stati, infatti, i momenti di approfondimento tenutisi durante la main conference "Port & Shipping Tech" della GSW. Oltre 10 interventi sono stati curati da relatori del Corpo nelle varie sessioni, alle quali l'Ammiraglio Carlone non ha voluto far mancare il proprio saluto in qualità del Comandante del porto di Genova. Durante i tre giorni di conferce, i rappresentanti della Guardia costiera hanno in particolare discusso della normativa sullo Ship Recycling, dell'impiego dell'LNG nel settore marittimo, dell'applicazione del Regolamento europeo 352/2017, delle più recenti direttive IMO inerenti gli unmanned vessels, del monitoraggio dei fumi delle navi e delle competenze di security in ambito marittimo e portuale in capo al Corpo. Peraltro, nell'ambito del Port & Shipping Tech, il 27 giugno si è tenuta la conferenza #Fattori Competitivi 2.0, una tavola rotonda, a cui hanno preso parte il Comandante Generale e i Presidenti delle Autorità di Sistema portuale, che ha avuto quale tema di discussione e di confronto i fattori di sviluppo del sistema portuale: risorse economiche, sburocratizzazione, regime speciale, modelli europei. Durante tutta la settimana Nave Dattilo ha, inoltre, aperto le porte al pubblico, rendendosi disponibile per delle visite a bordo. Ma non solo. In favore delle Sezioni dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia di Genova, Milano e Biella ha effettuato un'uscita in mare. La presenza della nave Dattilo a Genova è stata l'occasione per una visita da parte del Comandante e del suo equipaggio ai bambini dell'Ospedale Gaslini. […]

  • Video Pesca Sub: 3 Grossi Saraghi con 1 Solo Tiro
    by Redazione Apnea Magazine on 2 Luglio 2019 at 14:27

    Una coppiola si può cercare, ma una tripletta di pesci con un solo tiro è certamente una grande sorpresa. Come questa di manocity22 che, sotto un ciglio, si imbatte in alcuni grossi saraghi maggiori. Qualche attimo per decidere quando scoccare la freccia e poi un gran polverone. E da quel polverone spuntano 3 grossi saraghi perfettamente centrati dalla tahitiana...un pizzico di fortuna ogni tanto non guasta! Apnea Magazin […]

  • Bruno De Silvestri: Tra Amici e Parenti, la Cerimonia del Suo “Ritorno” al Mare
    by Redazione Apnea Magazine on 30 Giugno 2019 at 20:02

    Il fratello Angelo, la sorella Silvia, la madre e poi gli amici più cari, hanno disperso le sue ceneri in quel mare... Apnea Magazin […]

  • Il Comandante Generale in visita agli Uffici Marittimi del Circondario di Loano – Albenga
    on 25 Giugno 2019 at 12:24

    Categoria: Attività, EventiLuogo: Loano – Albenga​Lo scorso 23 giugno, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, si è recato in visita agli Uffici Marittimi del Circondario di Loano - Albenga, comprendente l'Ufficio Locale Marittimo di Alassio, la Delegazione di Spiaggia di Andora e la Sezione Marittima di Laigueglia.                Accolto dal Capo del Compartimento Marittimo di Savona, Capitano di Vascello Massimo Gasparini e dal Capo del Circondario Marittimo di Loano - Albenga, Tenente di Vascello Camilla Ripetti Pacchini, l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato il personale del Comando ed il Vice Sindaco Dott. Angelo Galtieri, con il quale sono state affrontate importanti questioni inerenti la comunità locale. La visita istituzionale si è conclusa con la visita del Comandante Generale agli uffici di Laigueglia e di Andora ed anche in tali occasioni ha incontrato il personale in servizio presso i predetti Comandi ed i rappresentanti delle Amministrazioni locali. […]

  • Il Comandante Generale in visita alla Guardia Costiera di Pesaro, Fano e Marotta
    on 20 Giugno 2019 at 13:36

    Categoria: Attività, EventiLuogo: PesaroLo scorso 13 giugno il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accompagnato dal Direttore Marittimo delle Marche, Contrammiraglio Enrico Moretti, si è recato in visita presso i Comandi Territoriali di Pesaro, Fano e Marotta.Accolto dal Capo del Compartimento Marittimo di Pesaro, il Comandante Maurizio Tipaldi, l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato il personale militare e civile del Comando ed il Sindaco di Pesaro Dott. Matteo Ricci.Nell'occasione il Comandante Generale ha espresso parole di vivo compiacimento a tutto il personale per il prezioso operato svolto a favore di tutta la comunità marittima e portuale.Successivamente il Comandante Generale si è recato in visita all'Ufficio Circondariale Marittimo di Fano e all'Ufficio Locale Marittimo di Marotta dove, anche in questa occasione, ha avuto modo di incontrare il personale militare ed esprimere un sincero ringraziamento per l'impegno profuso. […]

  • Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli in visita alla Capitaneria di porto di Venezia
    on 17 Giugno 2019 at 13:15

    Data: 17/06/2019 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Venezia​Lo scorso venerdì 14 giugno, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Senatore Danilo Toninelli, ha effettuato un sopralluogo sulle aree portuali di Venezia e Chioggia, prima a bordo di un elicottero della Guardia Costiera e successivamente, imbarcando su una motovedetta, ha ispezionato l'area della Stazione Marittima e, navigando lungo il Canale Vittorio Emanuele, è giunto sino a Porto Marghera.A bordo della motovedette CP287 della Capitaneria di porto lagunare, insieme al Ministro, accompagnato dal Direttore marittimo del Veneto Ammiraglio Piero Pellizzari, erano presenti anche il Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale Dott. Pino Musolino, il Provveditore Interregionale OO.PP. del Triveneto Ing. Roberto Linetti e l'Ing. Andrea Ferrante del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.Dopo aver incontrato gli organi di stampa, il Ministro ha fatto visita alla sede della Capitaneria di Porto dove l'Ammiraglio Pellizzari ha evidenziato la rilevanza che riveste nell'ambito dello scenario marittimo e portuale la Guardia Costiera di Venezia la cui giurisdizione si estende per circa 44 mila km² comprendendo ben 1430 Comuni del litorale e dell'entroterra."Saluto con grande affetto tutti i militari ed il personale civile della Capitaneria di porto. Vi ringrazio per il servizio quotidiano che svolgete a favore di noi cittadini": queste le parole rivolte dal Ministro Toninelli al termine della sua visita, conclusasi con la firma del libro d'onore. […]

  • Inaugurata la nuova sede dell’Ufficio Locale Marittimo di Senigallia
    on 17 Giugno 2019 at 11:05

    Data: 17/06/2019 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Senigallia​Lo scorso giovedì 13 giugno, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, ha presenziato alla cerimonia di inaugurazione della nuova sede dell'Ufficio Locale Marittimo di Senigallia, accolto dal Direttore Marittimo delle Marche, Contrammiraglio Enrico Moretti.A presenziare all'evento il Sindaco di Senigallia – Prof. Maurizio Mangialardi, il Vescovo della Diocesi di Senigallia – S.E. Rev.ma Franco Manenti, il Provveditore Opere Pubbliche Toscana-Umbria-Marche Avv. Marco Guardabassi nonchè le massime autorità militari e civili della Regione.La struttura, posizionata al centro dell'area portuale, già sede del Genio Civile Opere Marittime e della Lega Navale  è stata completamente ristrutturata grazie all'intervento del Provveditorato per le Opere Pubbliche di Ancona.Il Direttore Marittimo, nel proprio intervento ha precisato che "non si inaugura solo un edificio, per quanto pregevole sotto il profilo estetico, ma si consente a chi svolge un servizio pubblico importante per la comunità costiera, di assolvere al meglio a tutti i compiti attinenti agli usi pubblici del mare".ll Sindaco di Senigallia ha sottolineato che il nuovo Ufficio Marittimo "completa la riqualificazione dell'intera area portuale", sottolineando che tutto è realizzabile grazie alla collaborazione di tutti gli Enti.ll Comandante Generale, dopo aver ripercorso la storia del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, ha ribadito che la cooperazione tra Enti è l'unica via che porta alla concretizzazione di grandi progetti: "da soli si cammina, ma insieme si può correre e questo Paese ha davvero bisogno che gli Enti corrano insieme". Nel concludere il proprio intervento, l'Ammiraglio Pettorino ha ricordato che "in un Paese come l'Italia, che è costituito più da mare che da terra, gli Uffici Marittimi restano un presidio fondamentale del territorio e dei mari italiani".Madrina dell'inaugurazione la Sig.ra Micaela De Palo, figlia dell'Ammiraglio Ispettore Capo Mario De Palo, già Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera e cittadino di Senigallia.&nbs […]

  • Idrotech Arabalete Artigianale
    by PescaSubacquea.net on 13 Giugno 2019 at 11:39

    In questo articolo illustreremo alcuni dettagli del fucile artigianale Idrotech, ed infine parleremo del modello di lunghezza 90, recentemente acquistato per la pesca nel basso fondo. Cominciamo col dire che l’idrotech è un arbalete realizzato in teak, un legno colore bruno, resistente, leggero e di facile lavorazione. Si tratta di uno dei materiali migliori in assoluto per […] L'articolo Idrotech Arabalete Artigianale proviene da Pesca Subacquea. […]

  • A Livorno il 18° seminario per l'incarico di Titolare di Ufficio minore
    on 13 Giugno 2019 at 7:08

    Categoria: Attività, EventiLuogo: Livorno​"Si è recentemente concluso, presso il Centro di formazione specialistica "Cap. B. Gregoretti" di Livorno, il 18° seminario a favore di un'aliquota di Sottufficiali destinati ad assumere l'incarico di Titolare di Ufficio minore.Tale attività formativa, recentemente rivisitata in modalità "laboratorio di esperienze", costituisce un momento di confronto fondamentale nel percorso propedeutico all'assunzione del futuro incarico di Titolarità. Obiettivo del Seminario è stato infatti quello di consentire al personale, di comprovata esperienza professionale, l'aggiornamento sulle principali tematiche di interesse mediante laboratori di approfondimento sulle materie di riferimento del Corpo e analisi di case studies, relativi a particolari attività tecnico – operative – amministrative, proposti dai diversi colleghi relatori e conferenzieri che si sono succeduti durante l'intero momento formativo.In chiusura di Seminario i frequentatori hanno avuto modo di incontrare il Capo Reparto personale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Nunzio Martello, che ha dettato loro le linee di indirizzo da seguire nell'assolvimento del futuro delicato incarico."&nbs […]

  • Il Vice Comandante Generale della Guardia Costiera in visita alla Capitaneria di porto di Civitavecchia
    on 13 Giugno 2019 at 6:03

    Data: 13/06/2019 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Civitavecchia​Ieri, il Vice Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Antonio Basile, ha visitato la sede della Capitaneria di porto di Civitavecchia accolto dal Direttore Marittimo Capitano di Vascello Vincenzo Leone.L'Ammiraglio, ha incontrato il personale militare e civile, nonché gli equipaggi dei mezzi nautici che quotidianamente svolgono con passione il proprio lavoro al servizio del cittadino, esprimendo il proprio compiacimento per le iniziative recentemente poste in essere dalla Guardia Costiera laziale.Durante la mattinata il Vice Comandante Generale ha altresì incontrato il Sindaco uscente, Ing. Antonio Cozzolino e il Procuratore della Repubblica di Civitavecchia, dott. Andrea Vardaro che hanno manifestato il proprio apprezzamento per l'attività svolta dalla Guardia Costiera nei settori di competenza. Al termine della visita l'Ammiraglio, in passato Comandante della Capitaneria di porto di Civitavecchia, ha espresso la volontà di incontrare tutti i rappresentanti del Cluster marittimo civitavecchiese presso la Sala Biblioteca del Forte Michelangelo. L'incontro, ha visto la partecipazione sentita di tutti gli operatori portuali, forze di polizia, agenzie marittime, comparto pesca e servizi tecnico – nautici, ed ha assunto le vesti di un sereno confronto sui punti di forza e le potenzialità del porto di Civitavecchia ma anche sulle problematiche che attanagliano diversi aspetti connessi al suo sviluppo. L'Ammiraglio ha sottolineato così l'importanza di un sinergico approccio alla realtà portuale, che miri ad un confronto corretto e sincero tra tutti gli operatori del settore e che porti ad uno sviluppo concreto del porto di Civitavecchia. La visita è infine terminata presso l'Ufficio locale marittimo di Ladispoli, presidio della Guardia Costiera operante lungo il litorale dei Comuni di Ladispoli e Cerveteri. &nbs […]

  • Guardia Costiera italiana: riconosciuto l'alto livello di eccellenza internazionale nel campo della sicurezza della navigazione
    on 11 Giugno 2019 at 14:26

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaLa Guardia Costiera italiana ha confermato l’alto livello di eccellenza internazionale nel campo della sicurezza della navigazione; è risultata, infatti, a livello mondiale - tra le 27 Amministrazioni eleggibili per l’attribuzione del riconoscimento “QUALSHIP21 and E-Zero Programs” rilasciato dalla Guardia Costiera statunitense, con riferimento all’implementazione delle normative in tema di sicurezza della navigazione e di tutela ambientale.Infatti, delle ben 217 navi di bandiera italiana ispezionate dalla US Coast Guard nel periodo di riferimento (triennio 2016 – 2018), solo due sono risultate non conformi alla normativa vigente subendo provvedimenti di “fermo nave”. Un obiettivo raggiunto grazie all’attività di ispezione e certificazione del naviglio nazionale cd. Flag State svolto da ispettori specializzati del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera e alla competitività della flotta italiana, che conferma il rispetto dei rigorosi standard di sicurezza ed una formazione sempre più qualificata degli equipaggi.Tale importante risultato è stato reso noto nel report annuale Port State Control in the United States, da poco pubblicato, nel quale sono descritte le statistiche e i risultati relativi all’attività condotta dalla US Coast Guard nell’anno 2018.All’interno del report è presente una sezione dedicata a un programma di riconoscimento denominato “QUALSHIP21 and E-Zero Programs”, che si pone l’intento di premiare le Amministrazioni di Bandiera che abbiano conseguito, nell’ultimo triennio, risultati di eccellenza in occasione delle ispezioni di sicurezza condotte alle proprie navi mercantili che arrivano nei porti statunitensi, dalla US Coast Guard.Tale ambito riconoscimento, conseguito per il periodo 2016-2017 dalla Guardia Costiera italiana - quale Amministrazione di bandiera - permetterà agli armatori diretti nei porti statunitensi di richiedere, per le loro navi, l’attestazione “QUALSHIP 21”, usufruendo così di un regime agevolato d'ispezione.Dall’Annual report 2018 sulle attività svolte dalla Guardia Costiera, tramite il 6° Reparto - Sicurezza della navigazione del Comando Generale, è infatti possibile apprezzare gli sforzi ed i risultati raggiunti in tale campo.L’attività di Flag State, di ispezione e certificazione delle navi italiane, ha permesso alla bandiera italiana di essere nella white list di tutti gli accordi internazionali stipulati in materia di sicurezza della navigazione.L’attività ispettiva cd. Port State Control, effettuata invece sul naviglio estero che giunge nei porti italiani, ha contribuito a raggiungere ed ampiamente superare la soglia del Fair Share (numero di ispezioni da eseguire nell'anno di riferimento) assegnata dalle norme dell'Unione.Grazie a tale impegno, l’Italia è giunta al 2° posto tra i Paesi che hanno maggiormente contribuito al raggiungimento del committment per l’anno 2018 all’interno del Memorandum di Parigi. Un impegno volto a promuovere il valore della sicurezza quale forma di investimento per futuro di un settore che rappresenta per l’intero Paese un fondamentale volano economico. […]

  • Il Direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Dott. Mineo in visita al Comando Generale
    on 11 Giugno 2019 at 10:04

    Categoria: AttivitàLuogo: RomaLo scorso 31 maggio, il Dott. Benedetto Mineo, Direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera.Ad accoglierlo al suo arrivo il Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino.Dopo il tradizionale saluto di benvenuto, il Comandante Generale ha offerto un quadro dettagliato delle dipendenze funzionali del Corpo con particolare riferimento alle principali mission della Guardia Costiera  nei settori della salvaguardia della vita umana in mare, tutela dell'ambiente marino, la sicurezza della navigazione e dei traffici marittimi. Tra gli argomenti trattati, una speciale menzione è stata riservata alle importanti sinergie che vedono le Capitanerie di porto a fianco degli uffici doganali nelle attività di controllo. Il Dott. Mineo ha rivolto un particolare apprezzamento per l'attività svolta dal Corpo in supporto all'Agenzia delle dogane. La Guardia Costiera assicura, infatti, all'Agenzia delle Dogane la possibilità di adottare misure di snellimento delle procedure, soprattutto per quanto concerne le operazioni di pre-clearing delle navi e al controllo del traffico transfrontaliero di rifiuti.A conclusione della visita, il Dott. Mineo ha ringraziato il Comandante Generale per l'accoglienza ricevuta e ha espresso parole di vivo apprezzamento per il lavoro svolto dalla Guardia Costiera non solo in sinergia con l'Agenzia delle dogane ma, soprattutto, nell'interesse collettivo legato al rilancio dei traffici marittimi e delle attività portuali.&nbs […]

  • 1989 - 2019: la Guardia Costiera celebra 30 anni di storia
    on 8 Giugno 2019 at 8:45

    Categoria: EventiLuogo: RomaOggi 8 giugno, ricorre il trentesimo anniversario della nascita della Guardia Costiera, istituita nel 1989 quale articolazione tecnico operativa del Corpo delle Capitanerie di porto.Il Corpo nasce ufficialmente con un Regio Decreto del 20 luglio 1865. La Guardia Costiera, così come noi la intendiamo, tuttavia, appartiene a un'epoca più recente.Sarà solo con un Decreto interministeriale dell'8 giugno 1989 che verrà attribuita ufficialmente la denominazione di "Guardia Costiera" ai reparti tecnico-operativi del Corpo, attribuzione alla quale negli anni successivi farà seguito l'adozione della tradizionale livrea bianca e del logo, ormai noto, raffigurante una fascia tricolore con al centro un'àncora nera su campo circolare bianco.Per celebrare questa ricorrenza, a Catania, lo scorso 5 giugno si è tenuta, una esercitazione di soccorso in mare, che ha visto l'impiego di mezzi aerei e navali nonché la presenza di figure specialistiche come gli aerosoccorritori e i soccorritori marittimi della Guardia Costiera.Il 6 giugno è stato dedicato, invece, ad una giornata di studio nella quale è stata ripercorsa la storia della Guardia Costiera: un'istituzione moderna, che fonda le proprie radici nelle attività di carattere tecnico amministrativo connesse con gli usi civili e produttivi del mare, organizzata oggi con mezzi aeronavali e tecnologie all'avanguardia, con uomini e donne che operano ogni giorno in favore della collettività.L'evento, moderato dal dott. Filippo Gaudenzi, vice direttore del TG1,  ha visto la partecipazione del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino e la presenza degli ex Comandanti e Vice Comandanti Generali, dei Capi Reparto, dei Direttori Marittimi e del personale del Corpo insignito della Medaglia d'oro al valor di Marina e al merito di Marina nonché di una rappresentanza di giovani colleghi provenienti dai Comandi territoriali.Durante i lavori del convegno sono state ripercorse le principali tappe di questi trent'anni: dalle prime attività operate fuori dai confini nazionali alle più difficili operazioni di soccorso in mare, fino a giungere alle  più importanti attività condotte dalla Guardia Costiera in materia di tutela dell'ambiente marino e costiero e vigilanza sulla filiera della pesca.Dopo un video di saluto dell'Ammiraglio Romani, Decano dei Comandanti Generali, è seguito l'intervento dell'Ammiraglio Stefano Vignani, ex Vice Comandante Generale del Corpo, il quale ha tracciato un breve quadro delle condizioni storiche che hanno portato alla istituzione della moderna Guardia Costiera italiana. Successivamente è stata la volta dell'Ammiraglio Ferdinando Lolli, già Comandante del Corpo nel 2010, che nel suo intervento ha rievocato la Missione in Albania (1991), la prima missione internazionale della Guardia Costiera italiana. L'Ammiraglio Francesco Lo Sardo, già Vice Comandante del Corpo, ha raccontato ai presenti  l'impegno della Guardia Costiera nella tutela della filiera ittica nonché lo sviluppo della componente navale del Corpo.A seguire, l'intervento dell'Ammiraglio Pierluigi Cacioppo (Comandante Generale dal 2012 al 2013) il quale, nel riportare alla memoria la vicenda della Motonave Rhodanus, quando fu sventato un disastro ambientale sulle coste della Sardegna (2010), ha evidenziato come la Guardia Costiera negli anni si sia evoluta grazie anche agli strumenti tecnologici impiegati per le proprie attività di ricerca e monitoraggio.L'Ammiraglio Vincenzo Melone, Comandante del Corpo 2015-2018, ha ricordato le due missioni navali internazionali, Bahar e Happy Day, risalenti al 2006, mentre il Contrammiraglio Sergio Liardo, Capo del 3 reparto - Piani e Operazioni del Comando Generale, ha raccontato ai presenti alcuni dei soccorsi più importanti effettuati dalla componente aerea. Quindi è stata la volta dell'Ammiraglio Marco Brusco, già Capo del Corpo dal 2010 al 2012, che nell'illustrare la vicenda della Costa Concordia (2012), ha sottolineato non solo l'efficienza dei soccorsi, ma anche del dispositivo messo in campo per il trasferimento in sicurezza del relitto nel porto di Genova. In ultimo, l'Ammiraglio Carlone, Direttore Marittimo della Liguria, ha fatto un breve excursus circa l'impegno della Guardia Costiera nel Mediterraneo, spiegando l'evoluzione dell'attività di soccorso dal 2013 ad oggi.Particolare emozione, ha suscitato tra tutti i presenti, il ricordo tracciato dall'Ammiraglio Pettorino del Comandante Natale De Grazia, medaglia d'Oro alla memoria, morto il 12 dicembre 1995 mentre indagava, con la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, su una complessa attività ambientale legata a traffici illeciti operati da navi mercantili nel Mediterraneo.L'Ammiraglio Sicurezza, decano dei Comandanti Generali presenti all'evento, Comandante Generale dal 1999 al 2004, ha voluto esprimere il suo ringraziamento per la realizzazione di un evento che, con storie, immagini ed emozioni, è riuscito a descrivere il percorso che ha condotto la Guardia Costiera ad essere l'Organizzazione che oggi tutti conoscono.L'evento si è concluso con un ricordo commosso delle medaglie d'oro della Guardia Costiera e di tutti i caduti del Corpo. […]

  • Giglio: Capel Rosso, tra passato e presente
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 21:15

    Zona sud dell’isola, una punta sovrastata da un faro e, sotto, fondali mozzafiato caratterizzati da imponenti franate abitate da saraghi, corvine e, soprattutto, da cernie giganti. Pesci che però sono difficilissimi da portare a tiro. Bestioni di 10, 20 chili che nuotano pigri, pronti a scomparire nei meandri della roccia al primo accenno di pericolo. […]

  • C4: la nuova 400
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 21:11

    Questa scarpetta segue l’impostazione della 300, però adotta un materiale diverso, più cedevole rispetto all’altro, per renderla più morbida e confortevo […]

  • Cetma Composites: pinne Mantra  
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 21:07

    Occorre un minimo di tempo per trovare la falcata più redditizia, poi si rimane colpiti da quanto spingono, soprattutto nel nuoto in superficie, a fronte di uno sforzo davvero ridotto. Bene anche in profondità. La versioni testata aveva loghi e water rail bianchi, più adatti a chi fa apnea che non al pescatore   Per la […]

  • Omer: Stingray Dual Carbon
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 21:04

    Davvero bella esteticamente, questa pinna viene venduta in un’unica durezza e si è dimostrata semplice da usare e molto robusta. La pala è caratterizzata da una “coda” in polimero che si accoppia alla soletta della scarpetta per incrementare ulteriormente la resistenza in un punto solitamente critico        La Omer ha inserito a catalogo […]

  • Sigal Sub: Nemesis Carbon 104
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 20:57

    La nuova versione di questo riuscito arbalete monta un fusto in composito completo di guida integrale. Noi lo abbiamo testato nelle 3 versioni: Mono, Pro e Plus e le differenze sono evidenti, a testimonianza della notevole modularità del sistema    Il progetto Nemesis by Sigal Sub sta riscuotendo un notevole successo sia in Italia che […]

  • Latham, l’isola degli uccelli… e dei doggie
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 20:54

    Disabitata dagli essere umani ma colonizzata da migliaia di volatili, si trova 35 miglia a sud di Zanzibar. Le sue acque sono tra le più ricche al mondo di grandi predoni, in particolar modo di tonni dente di cane. Per cercarli un gruppo di amici ha trascorso una settimana in catamarano pescando 10 ore al […]

  • Campionato nazionale sardo: Cala Pira
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 20:49

    Il quarto appuntamento del circuito selettivo si è svolto sul versante meridionale, in provincia di Cagliari. 39 gli atleti presenti (compresa una ragazza) e Fabio Dessì ha in pratica doppiato tutti. Alle sue spalle Marco Secci e Simone Trudu Il quarto appuntamento del circuito di qualificazione in Sardegna si è svolto nuovamente sul versante meridionale […]

  • Carpaccio di spigola, ricciola e palamita
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 20:44

    Questo numero si dedicherà ad una preparazione molto attuale, moderna, caratterizzata da un trattamento a crudo del pesce: il carpaccio […]

  • Marco & Marco
    by Luca on 7 Giugno 2019 at 20:40

    La strana coppia, così potremmo definire quella formata da Marco Bonfanti e Marco Ciceri. Con uno il cui ingegno è rinomato e l’altro che ha acquistato, insieme con i suoi fratelli, il pacchetto di maggioranza di C4 e non vede l’ora di far crescere ulteriormente il brand. Li abbiamo incontrati nella nuova e bella sede […]

  • Nuovo protocollo di intesa tra Guardia Costiera italiana e Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta
    on 7 Giugno 2019 at 9:48

    Luogo: RomaÈ stato siglato ieri nel Palazzo Magistrale, sede di governo del Sovrano Ordine di Malta, il protocollo d’intesa tra la Guardia Costiera italiana e il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta – CISOM per l’assistenza e il primo soccorso sanitari nel quadro dell’attività di ricerca e soccorso in mare.Il Comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino e il Presidente della Fondazione CISOM, Gerardo Solaro del Borgo hanno firmato l’accordo alla presenza dell’ambasciatore Stefano Ronca, Segretario generale degli affari esteri e ambasciatore presso la Repubblica italiana dell’Ordine di Malta.Diversi saranno gli ambiti operativi di cooperazione: rafforzare le sinergie per affrontare con efficacia situazioni di emergenza in mare e consolidare la relazione fra i gruppi di volontari e i Comandi territoriali della Guardia Costiera. “La salvaguardia della vita umana in mare è per noi la prima missione” - ha sottolineato l’Ammiraglio Pettorino - “Questo protocollo sancisce una collaborazione che va avanti in maniera strutturata da oltre un decennio”.Al termine della cerimonia della firma, è arrivato a portare le sue congratulazioni per il rinnovo della collaborazione e l’eccellente lavoro svolto anche il Gran Maestro, Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, che si è detto “felice per l’accordo sottoscritto e ha espresso i migliori auguri agli uomini e alle donne impegnati a proteggere la vita umana in mare”.“Noi saremo sempre al fianco della Guardia Costiera, ovunque ci sia bisogno”, ha assicurato il Presidente della Fondazione CISOM Gerardo Solaro del Borgo. […]

  • European Coast Guard Functions Forum: a Catania il 3° Workshop e l’esercitazione Coastex19
    on 5 Giugno 2019 at 13:55

    Categoria: Attività, EventiLuogo: CataniaNell’accogliente cornice di Catania si è tenuto dal 3 al 5 giugno il terzo workshop dal titolo “Multipurpose Maritime Operations” (MMO) dello European Coast Guard Functions Forum (ECGFF), che nel 2019 vede la guida congiunta delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera e della Guardia di Finanza, con il concorso della Marina Militare.Il workshop è stato organizzato con il supporto della European Fisheries Control Agency (EFCA) e vi hanno preso parte circa 90 delegati in rappresentanza di 16 Stati Membri e delle tre Agenzie EFCA, EMSA (European Maritime Safety Agency) e Frontex, che stanno supportando le Autorità nazionali a svolgere le funzioni di Guardia Costiera.Dal 2009 il Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera riunisce, in maniera volontaria, numerose Organizzazioni con funzioni di Guardia Costiera dei Paesi dell’UE, EFTA (European Free Trade Association) ed area Schengen, con l’obiettivo di rafforzare la cd. Coast Guard cooperation.Come evidenziato nel suo titolo, l’evento ha affrontato il tema delle operazioni marittime complesse multiruolo, in cui più funzioni di Guardia Costiera vengono esercitate contestualmente, al fine di approntare risposte efficaci ed efficienti a sfide plurime che possono sorgere in una determinata area di operazioni. In tali contesti, risulta fondamentale la partecipazione coordinata di assetti appartenenti a diverse Organizzazioni di Guardia Costiera e alle Agenzie europee di riferimento.L’agenda dei lavori del primo giorno ha previsto lo svolgimento di una sessione plenaria e di tre gruppi di lavoro, che hanno stimolato la discussione tra i partecipanti sui diversi aspetti che caratterizzano questa specifica attività, con un focus particolare sui temi della gestione dei rischi, dell’addestramento e delle implicazioni operative e logistiche.Nella giornata del 4 giugno, invece, il concetto di MMO è stato concretamente testato nell’ambito di una esercitazione a mare denominata COASTEX19. Sotto il coordinamento svolto congiuntamente da Guardia Costiera e Guardia di Finanza, undici assetti navali, tre velivoli e tre boarding team hanno realizzato un complesso scenario che ha simulato attività di contrasto alla pesca illegale, di lotta all’inquinamento, di operazioni di ricerca e soccorso e di contrasto ai traffici illeciti.Gli uomini e mezzi della Guardia Costiera, della Guardia di Finanza e della Marina Militare, delle tre Agenzie nonché appartenenti alla Marina portoghese, alla Polizia Federale tedesca e alla Dogana spagnola si sono avvicendati nei vari momenti dell’esercitazione, cooperando con elevati standard di interoperabilità e sinergia. I delegati partecipanti al workshop hanno potuto assistere come osservatori privilegiati a tutte le operazioni direttamente da bordo di quattro unità impegnate nella Coastex19.Il workshop concluso in data odierna con la presentazione degli esiti dell’esercitazione rappresenta l’ultimo meeting preparatorio della Conferenza Plenaria dei Capi delle Organizzazioni di Guardia Costiera che si terrà a Venezia dal 12 al 15 novembre 2019. […]

  • Attrezzatura: quella giusta
    by PescaSubacquea.net on 4 Giugno 2019 at 9:15

    Questo articolo raccoglie una lista di marche e modelli per ogni categoria di attrezzatura di pesca subacquea.  Diciamo da subito che l’attrezzatura perfetta per tutte le occasioni e tutti i pescatori non esiste. Ogni persona ha i suoi gusti e certi modelli che possono essere ottimi per alcuni, potrebbero non esserlo per altri. Detto ciò, […] L'articolo Attrezzatura: quella giusta proviene da Pesca Subacquea. […]

  • “Orienta(la)mente – l’armamento incontra la scuola”: il convegno a Pozzallo
    on 3 Giugno 2019 at 6:48

    Data: 03/06/2019 00:00:00Categoria: Eventi, AttivitàLuogo: PozzalloLo scorso Giovedì 30 maggio a Pozzallo, si è svolto il convegno intitolato "Orienta(la)mente – l'armamento incontra la scuola", organizzato dalla locale Capitaneria di porto con la collaborazione del Comune di Pozzallo e dell'Istituto d'Istruzione Superiore "G. La Pira", finalizzato ad agevolare l'incontro ed il confronto costruttivo tra marittimi ed alunni degli istituti nautici con i rappresentanti delle istituzioni amministrative nazionali, regionali e le maggiori associazioni armatoriali italiane.L'incontro, ha visto la partecipazione del Contrammiraglio Luigi Giardino, capo del 6° Reparto - Sicurezza della Navigazione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, che ha tracciato un'esaustiva e dettagliata panoramica di tutti i compiti e delle varie attività svolte dal Reparto a favore di tutto il cluster marittimo nazionale. A seguire, si sono alternati, in qualità di relatori, i rappresentanti delle associazioni nazionali dell'armamento italiano, Assarmatori con il Presidente Dott. Stefano Messina, Confitarma con il Dott. Leonardo Piliego ed il Presidente dell'International Propeller Clubs, Avv. Umberto Masucci, oltre ai dirigenti amministrativi delle strutture centrali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, competenti per lo specifico settore.All'evento in questione, che ha riscosso un notevole successo in tutte le provincie della Sicilia orientale, hanno partecipato oltre 300 studenti delle classi quinte degli istituti nautici siciliani ed alberghieri, unitamente ad una corposa rappresentanza del ceto marittimo dell'area iblea, che hanno avuto l'occasione di confrontarsi con una panoramica attuale e diretta delle concrete opportunità che il mondo del lavoro può mettere loro a disposizione, allo scopo di continuare a garantire un livello di professionisti e di operatori del settore che, ad oggi, la comunità internazionale ammira come elemento di assoluta eccellenza.Numerose le Autorità locali presenti: il vice Prefetto vicario della provincia di Ragusa, il Sindaco di Pozzallo, i rappresentanti delle Forze Armate e di Polizia locali ed i comandanti dei limitrofi Compartimenti marittimi di Siracusa, Gela e Porto Empedocle, che hanno espresso il loro sentito ringraziamento ed apprezzamento per l'importanza e l'attualità delle tematiche trattate, auspicando ulteriori nuovi incontri con cadenza periodica e quale appuntamento fisso, per consolidare il legame imprescindibile esistente tra la scuola ed il mondo del lavoro.Alla termine del convegno, il Comandante della Capitaneria di porto, il Capitano di Fregata Pierluigi Milella, promotore del meeting, ha poi consegnato al Contrammiraglio Giardino, in ricordo della manifestazione, il crest della Guardia Costiera di Pozzallo, esprimendo la propria riconoscenza e gratitudine per le importanti testimonianze ed esperienze di lavoro e vita vissuta trasmesse agli allievi degli istituti scolastici presenti, quale tangibile e concreta dimostrazione del fondamentale ruolo che la formazione rappresenta per il futuro dei giovani in un contesto culturale e sociale sempre più moderno, innovativo ed in continua trasformazione. […]

  • Al Comando Generale il 23° seminario per gli Ufficiali superiori che assumeranno il Comando di Capitaneria di porto
    on 31 Maggio 2019 at 9:56

    Categoria: AttivitàLuogo: Roma​"Si è recentemente concluso, presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, il 23° seminario a favore di 30 Ufficiali superiori destinati ad assumere l'incarico di Comando di Capitaneria di porto.Tale attività formativa, resa di estremo rilievo per lo spessore dei relatori e conferenzieri intervenuti, costituisce un momento imprescindibile nel percorso propedeutico all'assunzione del futuro incarico di Comando. Obiettivo del Seminario è quello di consentire l'aggiornamento professionale sulle principali tematiche di interesse mediante interventi di personalità Militari e civili attualmente ai vertici dei settori di riferimento per il Corpo, nonchè rappresentanti di enti ed Istituzioni che hanno contribuito a dare rilevanza al momento formativo.Nella settimana di Seminario i frequentatori hanno avuto modo di incontrare anche il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, che ha indicato le linee di indirizzo da seguire nell'assolvimento dell'incarico." […]

  • A Trieste il Convegno Nazionale ANGOPI
    on 29 Maggio 2019 at 10:42

    Data: 29/05/2019 00:00:00Luogo: Trieste​Si è svolto, lo scorso 17 maggio, presso la Stazione Marittima di Trieste, il Convegno Nazionale dell'Associazione Nazionale Ormeggiatori e Barcaioli dei porti italiani, ANGOPI, nel corso del quale è stato anche festeggiato il centesimo anniversario di fondazione del locale gruppo ormeggiatori.Presenti al convegno oltre al Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino anche i Direttori Marittimi di Veneto, Toscana e Calabria, Contrammiragli Piero Pellizzari, Giuseppe Tarzia e Giancarlo Russo, e il Capo del 2° Reparto del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Capitano di Vascello Pietro Preziosi.Dopo un indirizzo di saluto del Direttore Marittimo del Friuli Venezia Giulia, Capitano di Vascello Luca Sancilio, il presidente dell'ANGOPI, Cesare Guidi, ha introdotto i lavori del convegno sul tema: "Il servizio di ormeggio a seguito dell'entrata in vigore del Regolamento Ue 2017/352". Il suo intervento ha sottolineato la centralità del "fattore umano" nella vita dei porti, argomento ripreso dall'Ammiraglio Pettorino che, ha incentrato il proprio intervento sul necessario equilibrio tra la figura del Comandante del porto e i servizi tecnico nautici, difendendo l'attuale quadro normativo. Al suo intervento si sono poi affiancati, con toni analoghi, quelli del presidente dell'Autorità di Sistema Portuale, Zeno D'Agostino, dell'Ammiraglio Spanos, rappresentante del Ministero dei trasporti greco, dei professori universitari Eric Van Hooydonk e Sergio Maria Carbone, di Victor Schoenmakers, in rappresentanza dell'Autorità Portuale di Rotterdam e dell'ex rappresentante italiano all'IMO, Ammiraglio Cristiano Aliperta. […]

  • 1° incontro di indottrinamento con i responsabili dei nuclei tecnici delle 15 Direzioni Marittime
    on 29 Maggio 2019 at 10:02

    Luogo: Roma​Il 21 e 22 maggio si è tenuto, presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, il 1° incontro di indottrinamento con i responsabili dei nuclei tecnici delle 15 Direzioni Marittime.L'incontro, coordinato dal 7° Reparto - Informatica, sistemi di monitoraggio del traffico e comunicazioni, ha visto la partecipazione anche dei Reparti 1°, 3°, 4°, 5° e della Direzione Generale per i Sistemi Informativi e Statistici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, i quali hanno dato il proprio contributo formativo e di aggiornamento in prospettiva futura. L'evento, aperto con il saluto di benvenuto dall'Ammiraglio Ispettore Nunzio Martello, Capo del 1° Reparto, ha consentito ai frequentatori di approfondire le proprie conoscenze, confrontandosi con i relatori, e condividendo le proprie esperienze "sul campo" necessarie ad affinare le relazioni tra i Comandi territoriali e il Comando Generale funzionali al raggiungimento della massima efficienza nei settori Telecomunicazioni, Vessel Traffic Service, informatica e, più in generale, tecnico-elettronici, essenziali al raggiungimento degli obiettivi assegnati al Corpo e disposti dal Comandante Generale. […]

  • Il convegno: “L'azione regionale a sostegno dell'economia ittica e del mare” presso la sede della Direzione Marittima di Genova
    on 29 Maggio 2019 at 6:28

    Data: 14/05/2019 00:00:00Categoria: AttivitàLuogo: GenovaFornire una risposta al problema dei rifiuti dispersi in mare, garantire la sicurezza alimentare ed il rispetto delle norme, promuovere strumenti di azione locale per lo sviluppo delle imprese del comparto ittico e dell'acquacoltura, il ruolo dell'amministrazione a sostegno dell'economia ittica e del mare.Se n'è parlato approfonditamente nel convegno tenutosi presso la sede della Direzione Marittima di Genova, che ha visto protagonisti la Capitaneria di porto di Genova, Regione Liguria e tutti gli attori della filiera, dai rappresentanti locali agli internazionali, per mostrare lo stato dell'arte e garantire uno scambio di cultura e buone pratiche quali basi per lo sviluppo. Il Convegno "L'azione regionale a sostegno dell'economia ittica e del mare" ha mostrato come l'unione e la collaborazione delle parti che agiscono e svolgono il lavoro in maniera organica seppur differenziata possa rendere virtuosa una Regione a tal punto da prenderla come modello. La prima sessione dedicata alla cooperazione internazionale, a coloro che dedicano le proprie forze allo studio ed al rispetto dell'ambiente, ha visto la presentazione di quattro progetti europei, presentati come strumenti fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi. Differenti le tematiche ma comune la direzione, trovare una soluzione per la protezione ambientale e lo sviluppo delle imprese che lavorano sul mare: dai rifiuti dispersi in mare, alla concentrazione e distribuzione delle microplastiche e degli inquinanti negli ambienti portuali, alla condivisione di problematiche e tecnologie per favorire lo sviluppo delle piccole e medie imprese del settore dell'acquacoltura.Dai primi risultati del progetto P.Ri.S.Ma-Med presentati in anteprima nel corso del convegno emerge che oltre al 40 % dei rifiuti in mare sono costituiti da plastica, ancor più degli scarti vegetali che raggiungono il 30 %. L'assenza delle strutture a terra è un problema sentito e condiviso che favorisce atteggiamenti di indifferenza, oltre ad essere indispensabile la creazione di una filiera del rifiuto, da rendere virtuosa, come per gli scarti dei gusci di mitili e vongole che possono diventare preziosi monili, oggetti di arredo ed uso comune. La seconda sessione ha posto l'attenzione sulle verifiche di tracciabilità dei prodotti ittici, di sicurezza alimentare, del lavoro e del controllo della filiera. Gli stessi ispettori ICCAT hanno descritto la complessità dei controlli eseguiti dalla Guardia costiera in mare e a terra, nelle regioni della Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria ed Emilia. Delle oltre 9.700 ispezioni effettuate nel 2018, ben il 75% ha infatti interessato centri di lavorazione, importazione e distribuzione dei prodotti ittici, nonché ristoranti e punti di vendita sul territorio. Queste operazioni, condotte con periodicità, si prefiggono infatti di preservare non solo le risorse ittiche - attraverso la corretta applicazione delle norme che regolano una pesca sostenibile - ma anche tutelare i consumatori e i professionisti rispettosi delle norme per garantire una concorrenza leale e prodotti sempre conformi alla qualità dichiarata sulle etichette di vendita. Numerosi sono purtroppo gli illeciti - più o meno gravi - che vengono ancora riscontrati: ammonta a circa 1 milione di euro l'importo complessivo delle sanzioni elevate nel 2018, alle quali si aggiungono circa 70 tonnellate di prodotti sottoposti a sequestro. La sessione conclusiva ha visto protagonisti i gruppi di azione locale nel settore della pesca (FLAG) di Liguria, Sardegna e Calabria, che rispondendo alle caratteristiche delle aree in cui si creano, agiscono da veri e propri strumenti per lo sviluppo locale per la valorizzazione ed il rafforzamento della filiera della pesca, per la creazione di nuovi posti di lavoro anche per i giovani oltre a costituire un mezzo per migliorare la fruibilità del patrimonio ambientale nelle zone di pesca e acquacoltura e rafforzare le comunità dei pescatori coinvolti. Le conclusioni della giornata sono state affidate al deputato On. Viviani (Commissione agricoltura), che ha evidenziato come eventi di confronto e condivisione come quello odierno siano fondamentali per dare contenuti alla rete, favorire lo scambio di cultura e buone pratiche per una presa di coscienza collettiva della necessità di un lavoro capillare e condiviso tra i differenti stakeholders. […]

  • Organizzazione di Maritime Security a Cagliari: ispezione del Comando Generale
    on 23 Maggio 2019 at 14:31

    Data: 23/05/2019 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: CagliariMercoledì 15 maggio, un team ispettivo del 6° Reparto del Comando Generale delle Capitanerie di porto ha condotto delle verifiche approfondite sull’Organizzazione di Security dei porti ricadenti nell’ambito del Compartimento Marittimo di Cagliari.L’ispezione, che ha avuto il suo fulcro nel porto, senza comunque tralasciare un’accurata disamina relativa ai porti di Arbatax, Portovesme e Sant’Antioco, rientra nel novero delle attività messe in campo a livello nazionale al fine di monitorare la corretta implementazione delle norme della cosiddetta Maritime Security, con l’obiettivo di creare un sistema armonizzato di prevenzione e protezione delle navi e delle strutture portuali contro minacce di atti illeciti intenzionali.In tale prospettiva, sono state effettuate verifiche sia per quanto attiene le navi e gli impianti portuali, ai sensi del Regolamento vigente e del Codice Internazionale relativo alla sicurezza delle navi e degli impianti portuali.L’attività, supportata dalla locale Capitaneria di porto, ha interessato l’organizzazione della security portuale nel suo complesso, inclusa la verifica a campione di alcuni terminal, le modalità di controllo delle navi straniere e la certificazione delle unità nazionali.Di particolare rilievo, peraltro, è stato l’incontro che il Team ispettivo ha tenuto con tutti gli enti ed organi istituzionali coinvolti nel sistema di security (incluse le diverse forze di polizia, che in materia di sicurezza marittima sono coordinate dalle Capitanerie di porto in qualità di “Autorità di Sicurezza Designata”), nonché con tutti gli agenti di sicurezza degli impianti portuali responsabili dell’attuazione delle norme di settore. Nel corso dell’incontro, oltre ad essere state richiamate le norme nazionali, europee ed internazionali di riferimento, è stato posto particolare accento sulle finalità della port security illustrando, in un’ottica di miglioramento continuo, le principali criticità ricorrenti, nonché le best practice da cui trarre spunti.L’iniziativa ha incontrato il vivo interesse da parte dell’utenza portuale che ha mostrato particolare attenzione alla tematica e all’opportunità di avere un proficuo confronto per un approfondimento su aspetti e procedure che incidono significativamente sulla gestione quotidiana dei terminal e del porto nel suo complesso.​ […]

  • A Venezia il Convegno “ConVivere il Mare Adriatico” per parlare di innovazione e cooperazione nella gestione delle risorse marine
    on 23 Maggio 2019 at 12:50

    Data: 23/05/2019 00:00:00Categoria: CronacaLuogo: VeneziaLo scorso 21 maggio si è svolto, presso la Stazione Marittima di Venezia un convegno pubblico, organizzato dalla Direzione Marittima di Venezia – 9° Centro di Controllo Area Pesca, dedicato all'approfondimento di specifiche tematiche ambientali e del settore pesca dal titolo "ConVivere il Mare Adriatico – Innovazione e cooperazione per un approccio condiviso delle risorse".L'evento, svolto in collaborazione con Università di Padova, Università Ca' Foscari di Venezia e Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), è stato improntato sul valore e le opportunità offerte dalla collaborazione fra ambito scientifico, istituzionale, sociale ed economico al fine di una gestione condivisa delle risorse marine ed ha rappresentato un importante momento di riflessione coinvolgendo, oltre al pubblico, anche gli operatori del mondo della pesca professionale, pescatori sportivi, diportisti, studenti delle scuole superiori e universitari.Al centro del dibattito temi quali la sostenibilità ambientale, il rispetto dell'ecosistema marino, i dati sull'inquinamento delle acque, la tutela della pesca.Dopo i saluti iniziali del Direttore Marittimo del Veneto, Ammiraglio Piero Pellizzari, del Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e del Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale Dott. Pino Musolino, il Comandante Andrea Conte (Capo del Reparto Operativo e responsabile del Centro di Coordinamento area pesca del Veneto) ha presentato il convegno relazionando sul sistema dei controlli in materia di pesca e sull'importanza strategica della pianificazione operativa.Sono stati quindi discussi esempi di buone ed efficaci pratiche già applicate in mare Adriatico sul tema delle specie protette spiaggiate/avvistate e su altri importanti temi connessi all'attività di pesca con relazioni da parte del Prof. Sandro Mazzariol (Università degli Studi di Padova) sulla minaccia alle specie marine protette e le strategie per la loro conservazione, della Prof.ssa Francesca Ronchi (ISPRA) sui rifiuti in mare, con particolare riferimento all'inquinamento derivante dalla plastica; la Prof.ssa Carlotta Mazzoldi (Università degli Studi di Padova) e il Prof. Fabio PranovI (Università Ca' Foscari) hanno poi illustrato il concetto della gestione collaborativa fornendo un panorama sulla sostenibilità futura.E' intervenuto, nel corso del convegno, anche il Dott. Gianluca Fregolent (Direttore Agroambiente, Caccia e Pesca della Regione Veneto) che nell'esprimere la sua personale soddisfazione per l'evento ha elogiato la sinergica collaborazione tra istituzioni, operatori nel settore pesca e mondo scientifico della ricerca volta ad una corretta e sostenibile gestione della risorsa ittica.Sul tema della pesca artigianale, come risorsa per l'intero nord-est, sono poi intervenuti alcuni tra i principali rappresentanti del settore pesca: Gianni Stival – Vice Presidente nazionale AGCI Pesca e Antonio Gottardo – Rappresentante Veneto Legapesca.Il convegno ha destato interesse ed apprezzamento da parte del numeroso pubblico presente in sala. Ampia la partecipazione non solo da parte di relatori di spicco del mondo accademico e scientifico ma anche da rappresentanti istituzionali, degli Enti e Associazioni di settore nonché delle Amministrazioni territoriali e dei portatori di interesse locali.Il Governatore della Regione del Veneto Luca Zaia ha espresso il proprio apprezzamento con una nota letta nel corso del convegno. […]

  • Al via l’operazione “Mare Sicuro 2019”: da quest’anno l’impegno estivo della Guardia Costiera anticipa al 1 giugno
    on 22 Maggio 2019 at 16:04

    Categoria: Attività, CronacaLuogo: OstiaOggi, presso il Porto Turistico di Roma (Ostia), il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Senatore Danilo Toninelli e il Comandante Generale delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, hanno incontrato la stampa per illustrare le importanti novità dell'operazione estiva "Mare Sicuro 2019". Un'attività che da quest'anno è stata anticipata per la prima volta al 1° giugno, e che fino al 15 settembre vedrà impegnati circa 3.000 uomini e donne della Guardia Costiera a tutela di bagnanti e diportisti e per garantire la corretta fruizione delle spiagge e del mare. Tra le istituzioni intervenute, anche il Presidente del X Municipio di Roma, Giuliana Di Pillo, e il Vice Prefetto di Roma, Lucia Volpe. Giunta alla sua 28a edizione, l'operazione Mare Sicuro esprime la vocazione del Corpo a garantire la sicurezza della navigazione e la salvaguardia di bagnanti, diportisti e subacquei: oltre 300 mezzi navali e 15 mezzi aerei saranno dislocati lungo gli 8.000 km di coste del Paese, sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore, per vigilare sul regolare svolgimento delle attività ricreative e commerciali e per tutelare l'ecosistema marino.L'importanza che da anni l'operazione riveste a carattere nazionale è testimoniata dai risultati conseguiti nell'estate 2018:·        1.703 persone salvate·        716 unità da diporto soccorse;·        20.000 attrezzature balneari sequestrate;·        620.000 mq, tra spiagge e specchi acquei, restituiti alla libera fruizione;Grazie a quest'impegno straordinario, da giugno a settembre, milioni di turisti italiani e stranieri che sceglieranno i mari e le spiagge della Penisola, potranno contare sulla Guardia Costiera per trascorrere le proprie vacanze all'insegna della serenità e della sicurezza. Un'operazione che si svolgerà in due fasi: una prima fase preparatoria, durante la quale sono già state messe in campo attività didattico-informative volte a sensibilizzare l'opinione pubblica a riguardo della sicurezza in mare e della tutela dell'ambiente marino, e una seconda fase operativa, che vedrà impegnato il personale del Corpo in missioni "terra-mare" con l'impiego contemporaneo di mezzi sia nautici che terrestri.Il soccorso in mare - ha spiegato l'Ammiraglio Pettorino nel suo discorso di apertura - per noi della Guardia Costiera rappresenta la prima missione, e con l'operazione Mare Sicuro 2019 ci prefiggiamo proprio lo scopo di tutelare coloro che frequentano le nostre spiagge e le nostre acque: basti pensare che ogni anno d'estate sono circa 40 milioni i bagnanti e 1 milione le unità da diporto presenti nei nostri mari. Inoltre - ha proseguito l'Ammiraglio - su indicazione del Ministro Toninelli già dallo scorso anno abbiamo integrato quest'operazione con un'attività di controllo ancora più mirata e accurata sull'uso corretto degli arenili e degli specchi acquei, contrastando le occupazioni illecite del demanio marittimo.Nel prendere la parola, il Ministro Toninelli ha espresso la sua personale soddisfazione per il prezioso lavoro e i brillanti risultati già conseguiti dagli uomini e dalle donne della Guardia Costiera nell'espletamento dei propri compiti istituzionali. Ma con l'approssimarsi dell'estate - ha aggiunto il Ministro - l'attività messa in campo dalla Guardia Costiera andrà a intensificarsi, rendendo più serene e sicure le vacanze di noi tutti.Anche quest'anno, a conferma del successo delle passate stagioni, i diportisti potranno contare sul rilascio del "Bollino Blu", che eviterà inutili duplicazioni nei controlli sulle unità, favorendo il principio di "autotutela" ai fini della sicurezza.Al termine della conferenza, nelle acque antistanti il litorale di Ostia, si è svolta un'esercitazione di ricerca e soccorso in mare di un diportista con l'impiego delle unità aeronavali della Guardia costiera: un elicottero AW139 "Nemo" equipaggiato per il recupero naufraghi e le motovedette del Corpo hanno mostrato le capacità tecnico-operative dei mezzi della Guardia Costiera che, il prossimo 5 giugno, festeggerà i trent'anni dalla sua istituzione. […]

  • La Guardia Costiera al Forum PA 2019
    on 17 Maggio 2019 at 15:25

    Categoria: EventiLuogo: Roma14/16 Maggio: La Guardia Costiera al Forum PA 2019Si è concluso ieri il trentesimo Forum PA, il più importante evento nazionale dedicato al tema della modernizzazione della Pubblica Amministrazione, che ha visto anche la partecipazione del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera. L’evento si è svolto dal 14 al 16 Maggio all’interno del “Roma Convention Center La Nuvola”, struttura congressuale internazionale della Capitale, dove si sono svolti numerosi workshop, convegni e tavoli di lavoro sulle attività della Pubblica Amministrazione.La Guardia Costiera è stata presente sia presso lo stand del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare che presso lo spazio espositivo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dove, nel corso della seconda giornata di lavori, il Ministro Danilo Toninelli, accompagnato dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, ha preannunciato l’operazione estiva della Guardia Costiera “Mare Sicuro”,  che verrà presentata ad Ostia, presso il porto turistico, nella mattinata del prossimo 22 maggio.Durante la stagione estiva, ha spiegato il Comandante Generale,  3 mila uomini e donne della Guardia Costiera saranno impegnati "per garantire la sicurezza dei cittadini in mare, ma anche per tutelare la regolarità di tutte le attività che si svolgono lungo il nostro meraviglioso litorale”.Nella giornata conclusiva, presso lo stand del Ministero dell’Ambiente, il Capo Ufficio Relazioni Esterne della Guardia Costiera, Capitano di Vascello Cosimo Nicastro, ha parlato dell’impegno della Guardia Costiera a tutela dell’ambiente nonché della campagna di sensibilizzazione contro l’inquinamento marino da plastica.Dopo un ricordo del Capitano De Grazia, a cui si ispira l’azione quotidiana della Guardia Costiera in difesa dell’ambiente, sono seguiti gli interventi del responsabile dei Nuclei Sub della Guardia Costiera, il Capitano di Fregata Rodolfo Raiteri, che ha presentato la complessa e variegata attività  svolta dai Nuclei Subacquei del Corpo a protezione del nostro patrimonio sommerso, e del Capo Ufficio mezzi aerei, il Capitano di Fregata Luigi Amitrano, che ha illustrato i moderni sistemi di telerilevamento in dotazione alla componente aerea del Corpo, impiegati sia per il monitoraggio periodico e sistematico dell’ambiente marino e delle aree marine protette, che in occasione delle eco-emergenze. […]

  • 3° Workshop sulle Aree Marine Protette- Confronto tra Enti gestori e Autorità Marittime per l’ottimizzazione dell’attività di sorveglianza
    on 16 Maggio 2019 at 8:42

    Categoria: AttivitàLuogo: Napoli​Il 14 maggio si è tenuto a Napoli, presso il centro congressi della Stazione Marittima, il 3° workshop sulle Aree Marine Protette, teso a favorire un confronto diretto tra gli Enti gestori e le Autorità marittime per l'ottimizzazione delle attività di sorveglianza.Al convegno, presieduto dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, hanno partecipato la Direttrice Generale della Direzione per la protezione della natura e del mare del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Dott.ssa Maria Carmela Giarratano, i Direttori Marittimi ed i Comandanti delle Capitanerie di porto in cui ricadono le dieci Aree Marine Protette dell'Abruzzo, Calabria, Campania, Puglia, e del Friuli Venezia Giulia, oltre ai rappresentanti degli Enti gestori delle stesse.L'incontro si è aperto con il saluto del Direttore marittimo della Campania, Contrammiraglio Pietro Giuseppe Vella, che ha sottolineato l'importanza di un confronto diretto con gli Enti gestori per l'individuazione, la diffusione, l'interscambio e l'utilizzazione delle "buone pratiche" adottate a livello locale e per l'elaborazione dei regolamenti di organizzazione delle Aree Marine Protette in maniera più rispondente alle reali esigenze, al fine di rendere più efficiente anche l'attività di vigilanza e controllo.Nel corso del workshop sono state discusse le procedure operative applicate dalla Guardia Costiera per assicurare la vigilanza in mare, analogamente a quanto fatto nei precedenti incontri, nonché le criticità emerse a livello locale per ciascuna Area Marina Protetta. Attraverso il confronto diretto con i rappresentanti degli Enti gestori e sotto il coordinamento della Direzione generale, si è così inteso sviluppare quel rapporto sinergico tra le Autorità marittime e gli Enti gestori che, seppur consolidato nel corso degli anni, richiede oggi un nuovo impulso per meglio calibrare l'attività di sorveglianza e gli obiettivi di intervento a fronte di più rigorose procedure di rendicontazione delle risorse.Il Comandante generale ha voluto inoltre sottolineare come la condivisione delle reciproche esigenze, tra distinte realtà e Direzioni marittime, costituisce un momento di accrescimento per tutto il Corpo, quale strumento del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare per l'attività di sorveglianza delle aree marine protette, nonché elemento di efficientamento delle risorse messe a disposizione dalla Direzione generale per la tutela delle Aree Marine Protette.In conclusione, le Autorità marittime e i vertici degli enti gestori hanno voluto così consolidare l'impegno comune a garantire, all'intera comunità, di fruire di quelle eccezionali bellezze naturalistiche che l'Italia offre ad una platea di appassionati e fruitori provenienti da tutto il mondo, pur garantendo il rispetto delle norme a protezione degli habitat marini e costieri. […]

  • Visita del Comandante Generale all’Ufficio Circondariale Marittimo di Pozzuoli
    on 12 Maggio 2019 at 10:17

    Categoria: Attività, EventiLuogo: PozzuoliNella giornata di ieri il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, si è recato in visita presso l'Ufficio Circondariale Marittimo di Pozzuoli e presso gli Uffici Locali Marittimi dipendenti di Mondragone e Castel Volturno.Il Comandante Generale, accompagnato dal Direttore Marittimo della Campania, Contrammiraglio Pietro Giuseppe Vella, è stato ricevuto dal Comandante dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Pozzuoli, Tenente di Vascello Marco Ruberto e dai titolari dei citati Comandi territoriali.Nel corso delle visite istituzionali agli Uffici Locali Marittimi, l'Ammiraglio Pettorino, ha avuto un proficuo colloquio con i Sindaci dei Comuni di Mondragone, Cellole, Sessa Aurunca e Castel Volturno; confronti dai quali è emerso il rapporto di sinergia istituzionale tra Amministrazioni che permette di sostenere costruttivamente le tematiche marittime.Durante l'incontro con il personale dei Comandi territoriali di Mondragone e Castel Volturno, il Comandante Generale ha espresso parole di sincero apprezzamento e gratitudine per il lavoro svolto, attestando la vicinanza dell'organo di vertice anche alle realtà periferiche e ricordando al personale di improntare sempre il proprio agire ai valori e alle competenze che connotano da sempre l'operato del Corpo delle Capitanerie di Porto a favore della collettività.La visita è proseguita all'Ufficio Circondariale Marittimo di Pozzuoli dove l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato il personale militare e civile del Comando ed a cui ha rivolto un vivo compiacimento per la preziosa opera prestata a favore di tutta la comunità puteolana e sempre al servizio degli interessi marittimi del nostro Paese.Nell'occasione, alla presenza del Sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, sono state affrontate le prospettive future del porto ed il primo cittadino ha sottolineato l'importanza della presenza dell'Autorità Marittima, ringraziando la Guardia Costiera per la costante presenza sul territorio, quale vero e proprio presidio di legalità.La giornata si è conclusa con una visita al complesso del Rione Terra di Pozzuoli dove sono evidenti e tangibili i segni della stratificazione storica della cittadina che per molti anni è stata crocevia e principale porto commerciale dell'epoca romana. […]