Notizie

Qui troverete tutte le notizie e le ultime novità nel mondo della pesca subacquea, inclusi gli articoli e le normative da altri siti di rilievo.

  • Siglato un protocollo d’intesa tra il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto e la Luiss, Libera Università Internazionale di Studi Sociali “Guido Carli”
    on 19 Ottobre 2020 at 8:40

    Categoria: Attività, EventiLuogo: ROMAÈ stato siglato nei giorni scorsi un Protocollo d'intesa tra il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto e la Luiss, Libera Università Internazionale di Studi Sociali "Guido Carli".Nella sede storica dell'Università Luiss intitolata a Guido Carli, economista e Governatore della Banca d'Italia, il Direttore Generale Dr. Giovanni LO STORTO ed il Comandante generale delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Amm. Ispettore Capo Giovanni PETTORINO, hanno proceduto al tradizionale scambio delle firme in calce alla Convenzione che, nel quadro delle materie di comune interesse tra la Luiss e la Guardia Costiera, costituisce la base per l'avvio di una collaborazione che si svilupperà attraverso una serie di attività didattiche, di studio, ricerca e di tirocinio, tra il personale del Corpo e gli studenti del prestigioso Ateneo."Con la firma dell'odierno Protocollo d'intesa con la Luiss" – ha dichiarato l'Amm. Pettorino nel corso della breve cerimonia – si consolida ulteriormente la vocazione del Comando generale e della Guardia Costiera tutta, già da tempo sperimentata, ad aprirsi al mondo accademico per far meglio conoscere ai giovani studenti universitari la complessità del mondo marittimo, della navigazione commerciale, delle sfide ma anche le opportunità che il mare – e soprattutto il Mediterraneo quale porta d'Europa – pone alla comunità internazionale, alle imprese ed ai manager del futuro, con il sincero e convinto auspicio che, con tali premesse, il Protocollo si traduca presto in concreti progetti di ricerca e collaborazione".Il Direttore Generale della Luiss, Dr. LO STORTO, nell'accogliere la delegazione del Comando generale, ha espresso l'orgoglio di tutto l'Ateneo per l'inizio di un percorso condiviso che, con questo importante accordo, avvierà un'attività di formazione e di avvicinamento della Università ad una realtà strategica come quella del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera. Il Protocollo d'intesa ben si inserisce – ha proseguito Lo Storto – nei percorsi di apprendimento largo che il nostro Ateneo propone ai suoi studenti, con esperienze sul campo e in sinergia con le Istituzioni quotidianamente impegnate su temi di rilevanza nazionale ed internazionale.

  • Michele Giurgola – Sogno profondo 200 metri
    by Luca on 16 Ottobre 2020 at 16:59

    Un viaggio negli abissi. Il profondo blu nasconde realtà di vita terrestre dove il buio e la luce si mescolano plasmando un’atmosfera surreale. Un sogno, rimane solo un grande sogno quello di poter immergersi in totale serenità a 200 metri di profondità. Il cortometraggio nasce dalla mia esperienza durante le immersioni a più di 100

  • Addio a Valerio Grassi, uomo che ha lasciato tanto alla pesca subacquea
    by Luca on 16 Ottobre 2020 at 16:52

    IL MONDO DELLA SUBACQUEA PIANGE UN SUO GRANDE UOMO: VALERIO GRASSI INGEGNO INEGUAGLIABILE Ci giunge una notizia che avremmo voluto sentire il più tardi possibile: la scomparsa di Valerio Grassi. L’uomo che ideò il T-20, un grande imprenditore, un creativo unico, un uomo dalle idee chiare e geniali, un amante vero del mare, che tanto

  • Le nostre prove – Seac pinne Talent
    by Luca on 16 Ottobre 2020 at 16:37

    Perfette per le battaglie nel bassofondo L’azienda con questo nuovo modello corto e pratico va a centrare perfettamente un’ampia categoria di mercato, quella di chi si avvicina a questo sport… ma non solo! Le Talent, sorelle minori delle ormai conosciute e apprezzate Shout, sono per caratteristiche e prestazioni esattamente la loro versione a pala corta,

  • Le nostre prove – Cressi Cherokee Fast 110
    by Luca on 16 Ottobre 2020 at 16:34

     di Emanuele Zara Semplice e letale Un arbalete classico, con il fusto tondo e la doppia gomma da 14 millimetri, che garantisce precisione e gittata. Tecnica di costruzione e cura dei particolari sono come al solito al top Ho ricevuto dalla Cressi Sub un nuovo arbalete, il Cherokee Fast 110. Tecnicamente è un’arma semplice, tradizionale,

  • Le nostre prove – Omer Muta Red Stone
    by Luca on 16 Ottobre 2020 at 16:30

     di Emanuele Zara Nata per la profondità Abbiamo testato questo completo scegliendo un pantalone da 5 e una giacca da 7 millimetri per andare a caccia di dentici e ricciole sulle secche al largo. Tuffi profondi, con forti sbalzi di temperatura causati dal termoclino, dove il neoprene ha dimostrato una buna memoria allo schiacciamento. Interessante

  • Le nostre prove – CarbonioGFT pinne Nano 3D
    by Luca on 16 Ottobre 2020 at 16:25

    di Alessandro Martorana Come avere 2 molle ai piedi! Un prodotto davvero interessante, unico nel suo genere. Una pala in composito ottenuta sfruttando le nanotecnologie, il cui “cuore” è rappresentato da un doppio cucchiaio capace di fornire una reattività eccellente. Sono nate per i tuffi profondi ma se la cavano anche in poco fondo. Si

  • È Morto Valerio Grassi, il Padre dell’Arbalete Italiano
    by Redazione Apnea Magazine on 16 Ottobre 2020 at 13:19

    Senza dubbio una delle menti più vulcaniche che la pesca subacquea italiana abbia mai avuto. Grande progettista, considerato unanimemente... Apnea Magazine

  • Il Comandante Interregionale dell’Italia centrale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d'Armata in visita al Comando Generale
    on 16 Ottobre 2020 at 11:23

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaNella mattinata odierna, il Comandante Interregionale dell’Italia centrale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d'Armata Andrea De Gennaro, si è recato in visita presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera.Al suo arrivo è stato accolto dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino che, dopo il tradizionale saluto di benvenuto, ha offerto all'illustre ospite un quadro dettagliato dell'attuale assetto funzionale ed ordinamentale del Corpo, ponendo in evidenza le molteplici funzioni svolte nei settori della salvaguardia della vita umana in mare, della tutela dell'ambiente marino, della sicurezza della navigazione e dei traffici marittimi, considerati fattori strategici per la crescita di un settore, quello marittimo e portuale, trainante per le economie nazionali e internazionali.La visita è poi proseguita con la firma del tradizionale “libro d’onore” e con lo scambio dei crest. Nell’occasione, il Generale De Gennaro ha ringraziato l’Ammiraglio per l'accoglienza ricevuta, esprimendo parole di vivo apprezzamento per la Guardia Costiera.L’incontro si è concluso con la visita in Centrale Operativa, dove sono state mostrate all'illustre ospite le moderne tecnologie ed i sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo.

  • 2 Record del Mondo in 24 H: Pietro Antolini Sfida le Profondità del Garda e Trionfa
    by Redazione Apnea Magazine on 15 Ottobre 2020 at 16:01

    L'atleta veronese ha ottenuto i due titoli scendendo in CWT con monopinna in lago a 81 metri di profondità e, il giorno seguente... Apnea Magazine

  • Video Pesca Sub: una Cernia Bianca in Poco Fondo (10,6 kg)
    by Redazione Apnea Magazine on 13 Ottobre 2020 at 16:24

    La cernia bianca è solitamente appannaggio di pescatori che sono in grado di raggiungere grandi profondità. Ma qualche volta, come accaduto in questa clip a Xristos Sklavenitis può capitare di imbattersi in un grosso serranide intanato in pochi metri d'acqua; situazione certamente particolare, anche per le acque della Grecia, ma non impossibile! Apnea Magazine

  • Gare Pesca Sub: Felice e Lopis Vincono il Campionato Italiano a Coppie 2020
    by Redazione Apnea Magazine on 11 Ottobre 2020 at 15:38

    Concetto Felice e Rosario Lopis si sono aggiudicati l’edizione 2020 del Campionato Italiano Assoluto di Pesca in Apnea a Coppie... Apnea Magazine

  • Campionati italiani a coppie di Pesca in Apnea: vince il team Lopis/Felice
    by Luca on 11 Ottobre 2020 at 6:45

    Si sono svolti ieri (11-10-2020) a Forio d’Ischia (NA), i Campionati italiani di Pesca in Apnea a coppie 2020. Questo Campionato (insieme a quello per Società, rinviato al prossimo 31 ottobre) sarà tra le poche competizioni a cui avremo assistito in questa seconda metà del 2020 a seguito delle restrizioni imposte dalla pandemia da COVID19.

  • VELAIR SEAWOLF: UNA SOLUZIONE CHE RIVOLUZIONERA’ LA PESCA IN APNEA?
    by Luca on 9 Ottobre 2020 at 16:58

    Vi mostriamo le prime immagini del nuovo e rivoluzionario prodotto di SEAWOLF SPEARGUNS. Vi diciamo solo che si tratta di un fucile ad aria con l’asta esterna, appoggiata sopra al fusto e le carrucole in testata!!! Le parole di Stefano Donno, patron di Seawolf: «Si chiama Velair e sarà disponibile in 3 lunghezze: 85, 95

  • Pescatori e diportisti: una convivenza sempre più difficile
    by Luca on 9 Ottobre 2020 at 12:21

    Riceviamo dalla A.Pe.Di.S. di Palermo una lettera che volentieri pubblichiamo nella speranza che questo annoso problema possa venir affrontato, una volta per tutte, nelle sedi appropriate. La lettera ricevuta rende spunto dalle riflessioni, del nostro Gherardo Zei, e postate sul suo profilo Facebook, riguardo la sentenza di assoluzione del presunto conduttore dell’imbarcazione che provocò la

  • RINVIATO IL CAMPIONATO ITALIANO PER SOCIETA’ DI PESCA IN APNEA
    by Luca on 9 Ottobre 2020 at 9:04

    (COMUNICATO FIPSAS) Si segnala che, a causa delle avverse condizioni meteo-marine che si preannunciano per il prossimo fine settimana, il Campionato Italiano in oggetto, che si sarebbe dovuto disputare a Santa Marinella (RM) il 3 Ottobre p.v., con data di riserva fissata per il 4 Ottobre p.v., è stato rinviato al 31 Ottobre p.v., con

  • Visita del Comandante Generale presso la Direzione Marittima di Reggio Calabria
    on 9 Ottobre 2020 at 8:47

    Luogo: Reggio CalabriaNelle giornate del 25 e del 26 settembre, il Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, si è recato in visita presso i Comandi territoriali del basso Tirreno.Accompagnato dal Comandante regionale della Calabria e della Basilicata Tirrenica, Capitano di Vascello Antonio Ranieri, l'Ammiraglio ha incontrato il personale degli Uffici Circondariali Marittimi di Cetraro e Tropea, degli Uffici Locali Marittimi di Paola, Bagnara Calabra e Villa San Giovanni e delle Delegazioni di Spiaggia di Amantea e di Nicotera Marina, per affrontare le principali tematiche di carattere tecnico-operativo delle realtà locali, nel solco del costate dialogo tra il Comando Generale e le diverse realtà territoriali della Guardia Costiera.A seguire, l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato i sindaci delle cittadine costiere, confrontandosi con loro sulle principali questioni riguardanti la sicurezza e l'economia del mare.La visita presso la costa tirrenica del Sud si è poi conclusa presso la sede della Direzione Marittima di Reggio Calabria, dove il Comandante Generale ha incontrato tutto il personale impiegato nei servizi operativi, verso il quale ha mostrato apprezzamento per l'impegno profuso, anche in considerazione del particolare periodo emergenziale che sta attraversando il Paese.

  • Visita degli Ammiragli Lolli e Piccolo al Comando Generale
    on 9 Ottobre 2020 at 7:56

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaNella mattinata dello scorso 5 ottobre, presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera a Roma, il Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino ha ricevuto, insieme al Vice Comandante Generale Ammiraglio Antonio Basile, gli Ammiragli Ferdinando Lolli e Pierluigi Piccolo, rispettivamente già Comandante e Vice Comandante generale del Corpo.L’incontro cordiale - nel corso del quale sono stati condivisi con gli Ammiragli gli obiettivi, i risultati raggiunti e le principali novità riguardanti il Corpo nei molteplici contesti istituzionali che lo vedono operare a tutela degli interessi marittimi del Paese – è coinciso con il ricorrere del 50° anniversario dell’ingresso dei due Ammiragli in Accademia Navale, quali giovani Ufficiali del Corpo.Il momento di confronto è stato fortemente voluto dall'Ammiraglio Pettorino, nel segno della continuità, del senso di appartenenza e di riconoscenza verso i due alti Ufficiali, ai quali è unanimemente riconosciuto un ruolo chiave nel percorso di crescita che ha portato il Corpo a divenire la moderna Amministrazione marittima che è oggi, con particolare riguardo rispettivamente per il settore operativo e quello logistico.L'importante circostanza si è conclusa con la rituale firma del libro d’onore e con l'"arrivederci" del Comandante Generale ad ulteriori appuntamenti che consolidino il connubio tra innovazione e tradizione dal quale il Corpo trae forza, nella consapevolezza – ha affermato l’Ammiraglio Pettorino – che “ciò che siamo, lo dobbiamo alla lungimiranza e all’impegno di chi ci ha preceduto”.

  • Il Comandante Generale consegna il premio “Mare Pulito Bruno Giordano”
    on 7 Ottobre 2020 at 11:38

    Data: 07/10/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: TropeaIl 25 settembre si è svolto, a Tropea, l’evento di assegnazione del premio “Mare Pulito Bruno Giordano”, un riconoscimento istituito in memoria del compianto procuratore di Vibo Valentia che viene conferito ai Comuni virtuosi che si distinguono per l'impegno nella cura dell’ambiente e del mare. In considerazione della tematica trattata, l’evento ha visto la partecipazione del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, che ha consegnato il premio al sindaco di Sellia Marina, Francesco Mauro, quale attestazione dell’operato virtuoso di quel Comune, che vanta da tre anni l’assegnazione della Bandiera Blu, diventando peraltro Amministrazione-plastic free. Alla premiazione era presente anche il Direttore marittimo di Reggio Calabria, Capitano di Vascello Antonio Ranieri. Diversi i temi trattati durante la cerimonia di premiazione, come l’imprescindibilità della tutela del mare e dell’ambiente in funzione dello sviluppo dell’industria turistica che rappresenta uno dei principali settori di interesse per il Paese. Proprio l’attività di tutela dell’ambiente marino e costiero rappresenta uno dei compiti principali che la Guardia Costiera svolge costantemente con mezzi, uomini e donne specializzati in materia, allo scopo di salvaguardare e preservare l’ecosistema per garantirne la fruibilità da parte della collettività.

  • Visita al Comando Generale dell’Ammiraglio Schultz, Comandante Generale della Guardia Costiera degli Stati Uniti d’America
    on 6 Ottobre 2020 at 15:04

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaNella giornata odierna, il Comandante Generale della Guardia Costiera degli Stati Uniti d'America, Ammiraglio Karl Schultz, ha fatto visita al Comando Generale della Guardia Costiera italiana, accolto dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino.Dopo il tradizionale saluto di benvenuto e la firma del libro d'onore, l'Ammiraglio Pettorino, in un incontro tenutosi in Sala Crisi e al quale hanno preso parte anche i Capi Reparto ed i Capi degli Uffici di Staff del Comando Generale, ha illustrato al proprio omologo statunitense le molteplici funzioni nei settori della salvaguardia della vita umana in mare, della tutela dell'ambiente marino, della sicurezza della navigazione e dei traffici marittimi, considerati fattori strategici per la crescita di un settore, quello marittimo e portuale, trainante per le economie nazionali e internazionali.L'incontro è poi proseguito con la visita alla Centrale Operativa, dove all'illustre ospite sono state mostrate le moderne tecnologie che costituiscono il "cuore" operativo della Guardia Costiera, i sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo e le relative tecnologie con le quali il Corpo espleta le diverse attività di competenza. A seguire, il Comandante generale della U.S. Coast Guard ha potuto approfondire l'organizzazione territoriale del Corpo e conoscerne le componenti operative. Attestazioni di reciproca stima hanno accompagnato la conclusione della visita, al termine della quale l'Ammiraglio Schultz ha ringraziato il Comandante Generale per l'accoglienza ricevuta, esprimendo parole di vivo apprezzamento per la Guardia Costiera italiana: "11.000 uomini e donne che animano un Corpo leader nel Mediterraneo, assai vicino nella conformazione agli omologhi statunitensi. Essere uniti dagli stessi obiettivi spinge a lavorare insieme per le sfide più complesse. Assicurate un lavoro straordinario e siamo orgogliosi di essere qui oggi a testimoniare la nostra vicinanza ai colleghi-amici italiani".Di contro, l'Ammiraglio Pettorino ha ricambiato le espressioni di stima, manifestando il proprio apprezzamento per l'impegno operativo della Guardia Costiera statunitense: "Siamo veramente onorati della visita del Comandante Generale della Guardia Costiera degli Stati Uniti d'America, al quale ho avuto il piacere di illustrare in prima persona le numerose e variegate attività della Guardia Costiera italiana , oggi più che mai vicina a quella statunitense."

  • La Guardia Costiera al 60° Salone Nautico di Genova
    on 6 Ottobre 2020 at 14:17

    Categoria: EventiLuogo: Genova​Si è conclusa quest'oggi - martedì 6 ottobre - la 60ma edizione del Salone nautico Internazionale di Genova. Una manifestazione che anche quest'anno - nonostante le difficoltà organizzative legate all'emergenza Covid 19 -  ha registrato numeri da record, con il tutto esaurito in più giornate.La cerimonia di inaugurazione - avvenuta il 1° ottobre - si è svolta alla presenza della Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti On. Paola De Micheli, che ha voluto salutare personalmente gli uomini e le donne del Corpo presenti nello stand istituzionale. Nella stessa giornata di apertura, si è svolto l'evento di presentazione dell'attività operativa estiva della Guardia Costiera. L'incontro è stato aperto dal Comandante Generale che ha esordito ricordando la prematura scomparsa del 2° Capo Aurelio Visalli, che il 27 settembre scorso ha perso la vita mentre cercava di salvare due giovani dalla forza del mare."Un sacrificio, quello del nostro Aurelio," ha detto l'Ammiraglio Pettorino "che racchiude, nella sua intensa e preziosa esistenza, ciò che di più caro e sentito guida e ispira ogni giorno il lavoro dei militari della Guardia Costiera: la generosità, il coraggio, l'umanità".Alla presenza dell'Ammiraglio Pettorino, oltreché dell'Ammiraglio Nicola Carlone, Direttore Marittimo della Liguria, il Comandante Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale, ha presentato i risultati ufficiali dell'operazione Mare Sicuro 2020, che quest'estate ha compiuto 30 anni. Un'attività che ha visto impegnati 3.000 uomini e donne del Corpo, 300 mezzi navali e 15 mezzi aerei dislocati lungo gli 8.000 km di coste del Paese, sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore, per la sicurezza in mare di bagnanti e diportisti, come pure per vigilare sul regolare svolgimento delle attività ricreative, commerciali e a tutela dell'ecosistema marino.Un anno molto impegnativo che, per diversi Comandi territoriali, ha visto affiancare alla consueta attività operativa, la partecipazione dei militari del Corpo ai dispositivi di pubblica sicurezza per la vigilanza sulle norme di contenimento del Covid19.Nel corso della presentazione sono stati illustrati anche i dati relativi alle campagne Spiagge Libere e Acque Libere - incardinate nella più ampia operazione Mare Sicuro -, svolte a garanzia della pubblica fruizione di litorali e specchi acquei da parte dei cittadini.Di seguito alcuni dati: • 2.566 persone salvate; • 754 unità da diporto soccorse; • 227.134 mq, tra spiagge e specchi acquei, restituiti alla libera fruizione dei cittadini.Da un raffronto con gli anni precedenti, è emersa una diminuzione del numero di incidenti gravi (nr. 5 nel 2020 rispetto ai nr. 29 del 2019) e del numero complessivo di persone che hanno perso la vita (nr. 116 nel 2020, 28% in meno rispetto al 2019), segno che l'attività di informazione e prevenzione gioca un ruolo chiave nell'ambito della sicurezza in mare. Si registra, inoltre, una diminuzione dell'illegalità in mare e sulle coste. Mentre resta  alto il numero dei "Bollini Blu" rilasciati, circa 4.406, che hanno evitato un'inutile duplicazione degli accertamenti in mare.Di rilievo anche i dati relativi alla sicurezza della navigazione. Grazie, infatti, all'attività svolta dal 6° Reparto "Sicurezza della Navigazione" del Comando Generale del Corpo, i trasporti marittimi, nonostante le difficoltà legate all'emergenza sanitaria, non hanno mai interrotto la loro attività, mentre il comparto crocieristico, dopo uno stop iniziale, è tornato a operare regolarmente.L'evento di inaugurazione è poi proseguito con la presentazione delle principali attività ambientali svolte durante quest'anno dal Corpo, come l'operazione "Reti fantasma", svolta su mandato del Ministero dell'Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare. Ad oggi, sono oltre 6 le tonnellate di reti abbandonate sui fondali marini rimosse dai nuclei sub della Guardia Costiera, pari a circa 200mila bottiglie di plastica. Un risultato importante se pensiamo che le reti fantasma sono responsabili dell'alterazione dell'ecosistema marino per la dispersione nell'ambiente delle micro-particelle sintetiche delle quali sono composte. Con gli ospiti intervenuti sul palco, altresì, sono state consolidate le collaborazione che già vedono la Guardia Costiera impegnata ogni giorno in diversi settori. In campo ambientale, la dott.ssa Sabina Airoldi - per l'istituto Thetys -, ha presentato i risultati del terzo anno della comune campagna nazionale "Cetacei, FAI attenzione!" (www.cetaceifaiattenzione.it). Nonostante il periodo di lockdown e la generale riduzione dell'attività diportistica, sono state raccolte le segnalazioni di oltre 600 avvistamenti di cetacei nei mari italiani, che si aggiungono alle 1395 segnalazioni dei due anni precedenti. In ambito solidale, era presente l'associazione "Porto dei Piccoli", alla quale la Guardia Costiera fin dal 2015 fornisce ogni supporto per lo svolgimento della missione associativa in favore dei bambini in cura presso le strutture ospedaliere pediatriche. Infine, in ambito editoriale, è stato annunciato l'avvio di una collaborazione con la rivista "Nautica", rappresentata sul palco dal direttore Corradino Corbò. Una rubrica della rivista dedicata alle storie di mare, sarà lo strumento attraverso il quale la Guardia Costiera metterà a disposizione dei lettori esperienza e professionalità per approfondire temi e storie legate alla salvaguardia della vita umana in mare, alla tutela dell'ambiente e alla sicurezza della navigazione.La presenza della Guardia Costiera al Salone nautico ha rappresentato un'occasione unica per la diffusione della cultura del mare. E a questo riguardo, sempre in occasione dell'inaugurazione dello stand della Guardia Costiera, è stato presentato il nuovo Totem Infopoint che dai prossimi giorni verrà messo a disposizione di tutti gli utenti della Capitaneria di porto di Genova.Nello specifico il Totem, nell'ottica della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, permetterà a tutti coloro che lo utilizzeranno, di acquisire velocemente le informazioni che riguardano le varie attività della Capitaneria - ordinanze, manifestazioni sportive, patenti nautiche ecc. - attraverso pochi, semplici passaggi. Ma non solo, l'utente potrà inoltrare al proprio indirizzo di posta elettronica tutti i dati di interesse. 

  • Video Pesca Sub: una Grossa Cernia in Caduta (20 kg)
    by Redazione Apnea Magazine on 3 Ottobre 2020 at 16:25

    David Gottschalk, filmato da Gemma Vila, atleta di primo piano della nazionale spagnola feminile di apnea, sta effettuando delle lunghe planate su un fondale di sabbia misto a lastre di roccia. Appena iniziata la risalita, scorge una grossa cernia, che conosce da tempo e che ha soprannominato Houdini (chissà perchè!), immobile davanti ad un anfratto. Rapida inversione di rotta fino ad arrivare a tiro del pescione e il tiro va a segno ma non è fulminato. La reazione è violenta ma il pesce non può arroccarsi, un secondo colpo del compagno di pesca Alfred Molina e il cernione è finamente a galla. Apnea Magazine

  • La Guardia Costiera al premio giornalistico internazionale “Cristiana Matano”
    on 3 Ottobre 2020 at 7:53

    Categoria: EventiLuogo: RomaDal 25 al 27 settembre scorsi si è svolta a Lampedusa la manifestazione "Lampedus'Amore - Premio giornalistico internazionale Cristiana Matano", giunto quest’anno alla sua quinta edizione, in memoria dell’omonima giornalista campana - scomparsa prematuramente nel 2015 - che aveva scelto di vivere e svolgere la propria professione in Sicilia. Organizzato con il patrocinio del Parlamento Europeo, della Camera dei Deputati, dell'Assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Regione Sicilia, del Comune di Lampedusa e Linosa, come pure del Comune di Palermo, la manifestazione si è articolata in una tre-giorni di eventi che hanno celebrato i valori dell’integrazione, dell’impegno civile e del giornalismo, tenendo viva l’attenzione della società e del mondo della cultura verso il Mediterraneo e soprattutto verso Lampedusa.Il premio, istituito dall'associazione "Occhiblu" onlus, ha visto la presenza del Sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello, e di esponenti del mondo giornalistico e culturale. Numerosa la partecipazione di pubblico e istituzioni. La giuria del Premio, presieduta da Riccardo Arena (Giornale di Sicilia), ha deciso di assegnare un riconoscimento speciale al Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera “per lo straordinario impegno umanitario svolto quotidianamente e in prima linea nel mare Mediterraneo e per la lodevole e riconosciuta attività di comunicazione rivolta al mondo dell’informazione”. A ricevere il riconoscimento dalle mani dell’europarlamentare Pietro Bartolo, il Vice Capo del 3° Reparto “Piani e Operazioni” del Comando generale, Contrammiraglio Giuseppe Aulicino. Su palco erano, inoltre, presenti il Sottocapo Salvatore Morale, soccorritore marittimo della Guardia Costiera e il Capo Ufficio Comunicazione della Guardia Costiera, Capitano di Vascello Cosimo Nicastro che ha voluto ricordare in quell’occasione il gesto di Aurelio Visalli, che ha sacrificato la sua vita nel tentativo di salvare quella degli altri.La consegna del riconoscimento speciale - avvenuta a Piazza Castello nella serata del 27 settembre - è stata preceduta dalla proiezione di un video realizzato dall'Ufficio Comunicazione della Guardia Costiera. Le immagini reali delle operazioni di soccorso avvenute nella giornata del 23 novembre 2019 in favore di un barchino rovesciatosi col suo carico di migranti nelle acque antistanti Lampedusa, hanno raccontato ai presenti il coraggio e la professionalità con i quali ogni giorno gli uomini e le donne del Corpo si impegnano a salvare vite umane in mare. Forti le emozioni suscitate dal video tra i presenti, come pure il senso di riconoscimento e gratitudine verso gli equipaggi della Guardia Costiera.L’evento ha rappresentato un’importante occasione di confronto sul fenomeno migratorio e sull’approccio dei media allo stesso

  • Gare Pesca Sub: Rinviato al 31 Ottobre il Campionato Italiano per Società
    by Redazione Apnea Magazine on 2 Ottobre 2020 at 8:09

    Alla competizione potranno prendere parte esclusivamente le Società che avevano iscritto le proprie squadre in previsione della gara del 3 Ottobre. Apnea Magazine

  • Parcheggio in Porto: Attenzione a Dove Metti Auto e Carrello Porta Barca
    by Redazione Apnea Magazine on 27 Settembre 2020 at 16:34

    Una volta varato, serve un parcheggio per la macchina e il rimorchio. Agosto è sempre caotico, ma riusciamo a trovare un posto dove non danno nessun fastidio a nessuno... Apnea Magazine

  • Lowrance e il Nuovo Ecoscandaglio/Cartografico Hook Reveal
    by Redazione Apnea Magazine on 25 Settembre 2020 at 15:26

    HOOK Reveal individua facilmente le principali aree di pesca, come creste, strapiombi, canali, permettendoti di pensare ai pesci e non alle impostazioni dello strumento... Apnea Magazine

  • Firmato il protocollo d’intesa tra Guardia Costiera e la Federazione italiana Canoa Kayak
    on 24 Settembre 2020 at 11:31

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaGiovedì 17 settembre, presso la sede del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, il Comandante Generale, Ammiraglio Giovanni Pettorino, e il presidente della Federazione italiana Canoa Kayak, Dott. Luciano Buonfiglio, hanno siglato un protocollo d’intesa.Il protocollo, predisposto da 2° Reparto – Affari giuridici e servizi d’Istituto, sancisce la volontà delle due organizzazioni di collaborare per la promozione, attraverso attività culturali e sportive, dell’alto valore sociale della risorsa-mare. Un’attività da svolgere in sinergia con l’intento condiviso di sensibilizzare opinione pubblica e istituzioni sull’importanza dello sport  e della tutela dell’ambiente marino. Un piano di iniziative congiunte, quello oggetto del protocollo d’intesa, che intende promuovere la cultura del mare come misura di sensibilizzazione dei cittadini e della comunità ad una maggiore responsabilità ed attenzione verso le tematiche di carattere ambientale, da attuare anche attraverso la valorizzazione degli sport sostenibili.

  • Video Pesca Sub: una Grossa Orata sotto il Ciglio (3 kg)
    by Redazione Apnea Magazine on 23 Settembre 2020 at 16:52

    SOTOSBAD ha probabilmente visto il grosso sparide intanarsi poco prima. Il riparo è un ciglio sulla sabbia, da cui la grossa orata fa capolino, pronta a fuggire verso il largo al primo accenno di pericolo. Un caduta silenziosa, in copertura totale, e un tiro non facile sulla piccola porzione di testa che spuntava dalla roccia coronano una splendida cattura che finirà subito alla griglia con tanti amici. Apnea Magazine

  • Visita al Comando Generale del Comandante in capo delle Forze Armate francesi e Prefetto marittimo del Mediterraneo, Ammiraglio di Squadra Laurent Isnard
    on 23 Settembre 2020 at 8:09

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaLo scorso 21 settembre, il Comandante in capo delle Forze armate francesi del Mediterraneo e Prefetto marittimo per il Mediterraneo, Ammiraglio di Squadra Laurent Isnard ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, accolto dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino.Dopo il tradizionale saluto di benvenuto e la firma del libro d'onore, l'Amm. Pettorino, in un incontro al quale hanno preso parte anche i Capi Reparto ed i Capi degli Uffici di Staff del Comando Generale, ha illustrato al vertice della Marina militare e Prefettura marittima francese - che esercita in mare competenze simili a quelle della Guardia Costiera italiana - le molteplici funzioni del Corpo delle Capitanerie di porto, dalle dipendenze di vari Ministeri, con particolare riferimento a quelle che, più delle altre, connotano le funzioni di Guardia Costiera nei settori della salvaguardia della vita umana in mare, della tutela dell'ambiente marino, della sicurezza della navigazione e dei traffici marittimi.L'incontro è proseguito con la visita in Centrale Operativa, dove all'illustre ospite sono state mostrate le moderne tecnologie che costituiscono il "cuore" operativo della Guardia Costiera, i sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo e le relative tecnologie con le quali il Corpo espleta le diverse attività di competenza.A conclusione della visita, il Prefetto ha ringraziato il Comandante Generale per l'accoglienza ricevuta e ha espresso parole di vivo apprezzamento per il lavoro svolto dalla Guardia Costiera e per l'opportunità di approfondirne la conoscenza e constatarne l'impegno operativo quotidiano in favore della collettività.

  • In Europa si Studia di Vietare i Palamiti, Ridurre il Prelievo a 3 kg e non Solo
    by Redazione Apnea Magazine on 21 Settembre 2020 at 16:10

    Ridurre la conflittualità con la pesca professionale è un qualcosa che si può ottenere solo nella logica del compromesso, in cui ciascuna delle parti rinuncia a qualcosa a favore dell'altra. Se invece le rinunce devono gravare solo sui ricreativi... Apnea Magazine

  • Il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto in visita agli Uffici territoriali dei Compartimenti Marittimi di Bari e Taranto
    on 21 Settembre 2020 at 14:33

    Data: 21/09/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Bari - Taranto​Si è conclusa lo scorso 19 settembre la visita del Comandante Generale agli uffici dei Compartimenti Marittimi di Bari e Taranto.Accolto dal Direttore Marittimo della Puglia e Basilicata ionica, Contrammiraglio Giuseppe MELI, e dal Capo del Compartimento marittimo di Taranto, Capitano di Vascello Diego TOMAT, il Comandante Generale, si è recato il 18 settembre presso le sedi degli Uffici marittimi di Policoro e Maruggio e, successivamente, presso quella della Capitaneria di porto di Taranto, incontrando il rispettivo personale, al quale ha manifestato il proprio apprezzamento per l'impegno profuso al servizio di quelle comunità costiere, che operano in piena sinergia  con un territorio vasto e articolato quale quello tarantino, a tutela della sicurezza e dello sviluppo ordinato di tutte le attività marittime di quella zona.Nell'occasione, l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato tutti i Sindaci dei comuni visitati, confermando loro la volontà di proseguire la proficua e sinergica collaborazione instauratasi tra Autorità Marittima e Amministrazioni locali, a sostegno dello sviluppo del litorale ionico.L'indomani, 19 settembre, il Comandante Generale, accompagnato dal Direttore Marittimo, ha proseguito la visita degli Uffici del Compartimento marittimo di Bari, recandosi presso la l'Ufficio Locale marittimo di Mola di Bari, ove è stato accolto dal Comandante in 2^ della Capitaneria di Porto di Bari, il Capitano di Vascello Attilio Maria DACONTO.Dopo la consueta firma del Libro d'Onore, l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato il primo cittadino di Mola, dott. Giuseppe COLONNA e con questi ha definito il programma di interventi programmato per il pieno recupero della sede dell'Ufficio Marittimo.A seguire, il Comandante Generale ha visitato l'Ufficio Circondariale Marittimo di Monopoli, dove ha incontrato il personale, al quale ha testimoniato l'attenzione rivolta dal Comando Generale alle realtà territoriali del Corpo e sottolineato l'importanza della capacità di "ascolto" che il proprio personale è chiamato a garantire nei confronti dell'utenza, soprattutto in un frangente delicato quale quello connesso all'emergenza sanitaria in atto.Il Comandante Generale ha poi incontrato il Sindaco di Monopoli, Angelo ANNESE, con cui ha trattato le questioni di maggior rilievo riguardanti quella articolata realtà costiera.

  • La Capitaneria di porto di Civitavecchia festeggia i suoi 150 anni
    on 21 Settembre 2020 at 13:28

    Data: 21/09/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Civitavecchia​Lo scorso 16 settembre, alla presenza del Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, la Capitaneria di Porto di Civitavecchia ha celebrato i suoi 150 anni.La commemorazione è legata all’anniversario della conquista avvenuta in modo incruento, da parte delle truppe italiane, del Forte Michelangelo e della “Capitaneria Pontificia” poi divenuta Regia Capitaneria di porto di Civitavecchia, avvenuta nel 1870, prima della Breccia di Porta Pia.Oltre all’Ammiraglio Pettorino, all’evento hanno preso parte anche le più alte cariche istituzionali Regionali e locali e tanti illustri colleghi che hanno segnato la storia della Capitaneria tra i quali ben quattro Comandanti generali emeriti, gli Ammiragli Luciano Dassatti, Ferdinando Lolli, Marco Brusco e Pierluigi Cacioppo.L’avvenimento è stato ricordato con una Santa Messa, tenuta all’interno del Forte Michelangelo, concelebrata dal Cardinale Marc Ouellet, Prefetto della Congregazione per i Vescovi, dall’Arcivescovo Ordinario Militare per l’Italia, Mons. Santo Marcianò e dal Vescovo di Civitavecchia, Mons. Gianrico Ruzza.Nel corso della celebrazione il Cardinale Ouellet ha fatto omaggio al Direttore Marittimo del Lazio, il Capitano di Vascello Francesco Tomas, di una Benedizione Apostolica del Santo Padre, impartita alla Capitaneria di porto di Civitavecchia, al suo personale ed alle rispettive famiglie. Al termine della Santa Messa gli invitati si sono spostati all’esterno del Forte, sulla banchina 8 del Porto di Civitavecchia, dove è stata scoperta una statua bronzea dal nome “Il bacio della memoria di un porto”, raffigurante un bacio tra un marinaio della Regia Capitaneria di porto ed una donna in abiti degli anni ’40. Un’opera scultorea dedicata alla memoria di una città e di un porto, testimone del transitare di migliaia di uomini e donne.

  • Il Comandante Generale della Guardia Costiera in visita presso il Compartimento Marittimo di Brindisi.
    on 20 Settembre 2020 at 11:28

    Data: 20/09/2020 00:00:00Categoria: EventiLuogo: BrindisiIl 19 settembre, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, ha fatto visita ai Comandi Territoriali del Compartimento Marittimo di Brindisi.Nella giornata di sabato, l'Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, è stato ricevuto dal Capo del Compartimento Marittimo e Comandante della Capitaneria di porto di Brindisi, Capitano di Vascello Giovanni CANU.Il Comandante Generale recatosi nelle sedi dei comandi territoriali, ha incontrato il personale dipendente degli uffici di Savelletri e Villanova, esprimendo apprezzamento per l'attività svolta, manifestando vicinanza e gratitudine per il lavoro svolto e ringraziando gli uomini e le donne del Compartimento Marittimo per il loro impegno costante al servizio della collettività e della comunità locale in sinergia con il territorio, che vanta storia e tradizioni fortemente legate al mare e all'ambiente. Ha, inoltre, espresso un vivo ringraziamento al personale per aver sempre garantito un presidio di legalità e sicurezza per la cittadinanza, svolgendo un ruolo importante in sinergia con il territorio e la locale popolazione, in un momento così delicato per il Paese ed in una stagione particolare come quella 2020, imprevedibile per le restrizioni in materia di sicurezza sanitaria. Con l'occasione  l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato il Sindaco di Ostuni, Dott. Guglielmo Cavallo, confermando la volontà di proseguire costantemente nella collaborazione e proficua sinergia tra Autorità Marittima e Amministrazioni locali, assicurando la disponibilità della Guardia Costiera a sostenere tutte le iniziative volte a favorire gli usi civili del mare e collaborando sempre al continuo sviluppo turistico e commerciale dei territori.

  • Il Dott. Bruno Vespa visita il Comando Generale
    on 17 Settembre 2020 at 14:09

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaIeri, presso la sede del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, il Dottor Vespa ha incontrato il Comandante Generale del Corpo Ammiraglio Giovanni Pettorino.Dopo il tradizionale saluto di benvenuto, il noto giornalista e ideatore di "Porta a Porta" ha visitato la Centrale Operativa, che ospita il Centro di Coordinamento nazionale dei soccorsi in mare. L'Ammiraglio ha prospettato all'illustre ospite un quadro dettagliato dell'organizzazione della Guardia Costiera, con particolare riferimento alle principali mission del Corpo nei settori della salvaguardia della vita umana in mare, della tutela dell'ambiente marino, della sicurezza della navigazione e dei traffici marittimi.A seguito della presentazione dei sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo e delle tecnologie con cui il Corpo espleta le diverse attività di competenza, il Dottor Vespa ha firmato il libro d'onore e ha ringraziato il Comandante Generale per avere avuto l'opportunità di approfondire la conoscenza delle diverse attività svolte dal Corpo e per l'accoglienza riservatagli.

  • Il Comandante Generale in visita presso i Comandi territoriali dell’Emilia Romagna
    on 12 Settembre 2020 at 8:00

    Categoria: Attività, EventiLuogo: Emilia RomagnaIl 10 e 11 settembre 2020, il Comandante Generale ha fatto visita a tutti gli Uffici del Compartimento Marittimo ed alla Capitaneria di Porto di Rimini. Nella giornata di giovedì, l'Ammiraglio Pettorino è stato ricevuto dal Direttore Marittimo dell'Emilia Romagna, Capitano di Vascello Giuseppe Sciarrone e dal Capo del Compartimento Marittimo e Comandante della Capitaneria di porto di Rimini, Capitano di Fregata Marcello Monaco.Il Comandante Generale, recatosi nelle sedi dei comandi territoriali, ha incontrato il personale dipendente degli uffici marittimi di Rimini, Cesenatico, Bellaria, Riccione e Cattolica, manifestando vicinanza e gratitudine per il lavoro svolto e ringraziando gli uomini e le donne del Compartimento Marittimo per il loro impegno costante al servizio della collettività e della comunità locale in sinergia con il territorio, che vanta storia e tradizioni fortemente legate al mare, lungo un litorale di circa 40 km da sempre votato al turismo ed alla pesca.Ha, inoltre, ringraziato il personale per aver garantito un presidio di legalità e sicurezza per la cittadinanza in un momento così delicato per il Paese ed in una stagione particolare come quella 2020, imprevedibile per le restrizioni in materia di sicurezza sanitaria, ma che ha comunque registrato milioni di presenze nel comparto turistico/balneare.Con l'occasione l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato tutti i Sindaci del territorio, confermando la volontà di proseguire costantemente nella collaborazione e proficua sinergia tra Autorità Marittima e Amministrazioni locali, assicurando la disponibilità della Guardia Costiera a sostenere tutte le iniziative volte a favorire gli usi civili del mare e collaborando sempre al continuo sviluppo turistico e commerciale dei territori.Nella mattinata di venerdì, il Comandante Generale ha fatto visita all'ufficio marittimo di Gabicce Mare, ricadente nel territorio delle Marche, dove è stato ricevuto dal Capo del Compartimento Marittimo di Pesaro, Comandante Maurizio Tipaldi, dal titolare dell'ufficio e dal Sindaco. A seguire, ha ripreso la visita agli Uffici marittimi dell'Emilia Romagna e ha colto l'occasione per salutare i militari del Corpo oggi in congedo e residenti nel territorio, per manifestare loro gratitudine e portando il loro lavoro ed impegno quale esempio per le nuove generazioni.L'Ammiraglio ha altresì incontrato il figlio dell'Ammiraglio Cavallari, cui è intitolata la sede nuova della Capitaneria di Porto di Rimini, e il Sottocapo di 1ªcl. Matteo Signani, in servizio presso la Capitaneria di Porto di Rimini, attualmente campione in carica del titolo europeo E.B.U. dei Pesi Medi.La visita del Comandante Generale è proseguita già dal pomeriggio di venerdì presso gli Uffici Marittimi di Cervia, Goro e Porto Garibaldi.

  • Conferita cittadinanza onoraria del Comune di Praia a Mare al Direttore marittimo della Calabria e Basilicata tirrenica e al Capo del Compartimento marittimo di Vibo Valentia Marina
    on 4 Settembre 2020 at 5:39

    Data: 03/09/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Praia a Mare​Nella giornata di ieri, presso la sala consiliare del Comune di Praia a Mare (CS), è stata conferita la cittadinanza onoraria al Direttore marittimo della Calabria e Basilicata Tirrenica, Capitano di Vascello Antonio Ranieri e al Capo del Compartimento marittimo di Vibo Valentia, Capitano di Fregata Giuseppe Spera.A consegnare il massimo riconoscimento civico, il Sindaco di Praia a Mare, dott. Antonio Praticò, a testimonianza della gratitudine dell'intera collettività locale per la quotidiana attività condotta dall'Autorità marittima a tutela del territorio calabrese, con una particolare menzione per l'impegno profuso per la tutela dell'ambiente marino e costiero, che ne costituisce autentico patrimonio. Nell'esprimere il proprio apprezzamento per i Comandanti benemeriti cittadini, il Sindaco ha voluto ringraziare - loro tramite - gli uomini e le donne della Guardia costiera che costituiscono, con il proprio agire quotidiano, riferimento di legalità ed espressione di tutela dell'ambiente marino.Il Direttore marittimo ha rivolto ai presenti parole di gratitudine per l'importante riconoscimento, dedicandolo al proprio personale, impegnato quotidianamente nelle attività che il Corpo garantisce a tutela della collettività e a garanzia degli usi civili e produttivi del mare. Nella circostanza, il Comandante Ranieri ha anche dedicato un pensiero al Comandante Natale De Grazia – la cui storia è stata recentemente raccontata nel libro "Navi Mute" – che, scomparso nella notte tra il 12 e il 13 dicembre 1995 mentre indagava sulle "navi a perdere", sospettate di essere state affondate con il loro carico di rifiuti pericolosi, ha rappresentato la figura di Ufficiale e collega del Corpo pioniere dell'attività di indagine e polizia in materia ambientale.

  • Il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto visita gli Uffici Locali Marittimi della Costiera Amalfitana
    on 1 Settembre 2020 at 10:55

    Data: 31/08/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Positano, Amalfi, Maiori e CetaraSi è conclusa nella giornata di ieri la visita del Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, agli Uffici locali marittimi della Costiera Amalfitana.Accompagnato dal Direttore Marittimo della Campania, Ammiraglio Ispettore Pietro Giuseppe Vella, e dal Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del porto di Salerno, Capitano di Vascello Daniele Di Guardo, l’Ammiraglio Pettorino ha fatto visita agli Uffici locali marittimi di Positano, Amalfi, Maiori e Cetara. L’Ammiraglio, incontrando il personale dipendente, ha rivolto loro il proprio ringraziamento per l’impegno profuso nella gestione di una realtà strategica quale la Costiera Amalfitana, in un contesto territoriale di particolare pregio naturalistico e dall’elevata frequentazione turistica e balneare; una realtà in cui gli Uffici locali marittimi sono chiamati a costituire presidio di legalità sul territorio, per la tutela dell’ambiente marino e delle risorse ittiche, nonché a garanzia delle attività connesse agli usi civili e produttivi del mare che, nel periodo estivo, soprattutto in realtà come “la divina costiera”, richiedono la profusione da parte della Guardia Costiera del massimo sforzo operativo.Il programma di visite istituzionali è proseguito con l’incontro dei sindaci dei Comuni visitati, oltre a quello del Comune di Minori, che vanta la passeggiata cittadina sul pontile intitolata al Corpo delle Capitanerie di porto, in occasione del 150° anniversario della sua istituzione. Agli stessi sindaci, il Comandante Generale ha confermato  la volontà di proseguire  nel solco di una continua e proficua sinergia tra Autorità Marittima e Amministrazioni locali, per la gestione e la tutela di territori complessi e di grande pregio ambientale. D’altra parte, i sindaci hanno riconosciuto il ruolo di rilievo ricoperto dagli Uffici della Guardia Costiera in realtà a così elevata vocazione marittima.La visita del Comandante Generale, avvenuta nell’ultimo fine settimana di agosto e ancora nel pieno delle attività operative, è stata l’occasione per manifestare vicinanza agli uomini e alle donne della Guardia Costiera, impegnati quotidianamente per garantire a tutti i cittadini una serena e sicura fruizione del mare.

  • Il Comandante Generale riceve l'autore di "Caesarem Vehis", il libro dedicato alla storia della Capitaneria di Civitavecchia
    on 1 Settembre 2020 at 9:32

    Categoria: Attività, EventiLuogo: CivitavecchiaÈ stato ricevuto questo pomeriggio dal Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, il Sottocapo Andrea Giattini, scrittore trentanovenne, ricercatore storico militare e autore del libro storico "Caesarem Vehis", che racconta l’evoluzione dell’Autorità Marittima nel porto di Roma, attraverso un excursus che parte dall’Impero romano e giunge al periodo napoleonico, trovando il proprio focus nell’organismo regolatore del porto e delle attività mercantili marittime di Civitavecchia.Nell’occasione, il Sottocapo Giattini ha omaggiato l’Ammiraglio Pettorino di una copia dell’avvincente pubblicazione, presentata lo scorso giugno a Civitavecchia, nel corso di un incontro storico-letterario moderato dal giornalista e conduttore televisivo Bruno Vespa, alla presenza dello stesso Ammiraglio e delle locali autorità civili e militari; una pubblicazione, quella di Giattini, che ripercorre lo spaccato di una laboriosa realtà marittimo-portuale del Paese, tratteggiando con essa l’evoluzione di intere generazioni di Ufficiali, Sottufficiali e marinai di porto, avvicendatisi nel tempo lungo il percorso di crescita seguito dall’Autorità marittima, dalle proprie prerogative e funzioni.“Ad Andrea Giattini – ha dichiarato l’Ammiraglio – il compito non semplice di compendiare in un libro lo spaccato della vita e della storia di un Corpo, quello delle Capitanerie di porto, raccontandolo anche attraverso l’indissolubile legame che unisce i porti ai tessuti sociali ed economici di intere collettività locali. Un legame – ha continuato il Comandante Generale – che i Comandi di porto sentono proprio e conoscono profondamente, quali custodi delle attività connesse agli usi civili e produttivi del mare”.“L’auspicio – ha aggiunto infine l’Ammiraglio – è che analoghe iniziative di divulgazione della cultura storico-marittima del nostro Paese incontrino la sensibilità anche di altre Capitanerie di analoga storia e lunga tradizione, come quella di Civitavecchia.”Clicca qui per consultare la versione sfogliabile online della pubblicazione "Caesarem Vehis"

  • Premio nazionale ambiente e legalità 2020: Legambiente premia la Capitaneria di porto di Salerno
    on 26 Agosto 2020 at 9:55

    Data: 26/08/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: RispesciaLo scorso 19 agosto, nell'ambito della 32ª edizione della manifestazione "Festambiente", il festival internazionale dedicato all'ecologia e alla solidarietà, organizzato da Legambiente a Rispescia, un comune della provincia di Grosseto, sito  all'interno del Parco naturale regionale della Maremma, la Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Salerno ha ricevuto il "Premio nazionale ambiente e legalità 2020". Il prestigioso riconoscimento, assegnato annualmente, intende onorare l'impegno sociale e civile di Istituzioni, Forze dell'Ordine, magistrati, giornalisti, imprenditori e cittadini che si sono particolarmente distinti nella lotta alla criminalità ambientale. Il riconoscimento è stato consegnato al Capitano di Vascello Daniele Di Guardo, Comandante della Capitaneria di porto di Salerno, per i risultati conseguiti nell'ambito dell'attività istituzionale di contrasto alle varie forme di criminalità ambientale, intesa nelle più ampie accezioni di lotta alla pesca illecita, contrasto all'uso di reti illegali, ormeggi abusivi e, con particolare menzione all'operazione che ha visto la Guardia Costiera di Salerno in prima linea nella repressione delle attività illegali di commercializzazione del corallo rosso, una specie a rischio di estinzione, assai preziosa per la conservazione dell'habitat del Mediterraneo.Il Comandante Di Guardo, nel ricevere l'importante premio, ha osservato come lo stesso renda merito alla dedizione e alla passione con cui gli uomini e le donne del Corpo, ben oltre la propria missione istituzionale, operano quotidianamente in favore della collettività e, con essa, a tutela dell'ambiente marino e costiero che ne costituisce patrimonio comune. 

  • Il Comandante Generale visita i comandi di Ischia e Procida
    on 24 Agosto 2020 at 11:49

    Data: 24/08/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Ischia e Procida​Si è conclusa ieri la visita istituzionale ai Comandi delle isole flegree del Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accompagnato dal Comandante in 2^ della Direzione Marittima di Napoli, Capitano di Vascello Gaetano Angora.Lo scorso giovedì 20 agosto, l'ammiraglio Pettorino ha fatto visita alla nuova sede dell'Area Marina Protetta Regno di Nettuno, accolto dal Direttore Antonino Miccio, con il quale ha affrontato le prioritarie tematiche relative alla gestione dell'Area Marina, tra cui la necessità di dar corso ad un progetto per la realizzazione di campi d'ormeggio, quale strumento per lo sviluppo della ricettività di quel sito di pregio ambientale a vantaggio della crescita dell'intero territorio.La visita al Circondario marittimo di Ischia è poi proseguita l'indomani, venerdì 21 agosto, con l'Ammiraglio Pettorino che, accompagnato anche dal Comandante della Guardia Costiera di Ischia, Tenente di Vascello Andrea Meloni, ha incontrato il personale dell'Ufficio Locale Marittimo di Casamicciola Terme; nella circostanza, l'Ammiraglio ha preso parte alla cerimonia di consegna di un "Encomio solenne" tributato dall'Amministrazione Comunale - nel giorno dell'anniversario del sisma che nella notte tra il 21 e 22 agosto 2017 ha colpito i comuni di Casamicciola, Lacco Ameno e Forio - al personale dell'Ufficio, chiamato nella drammatica occasione a gestire le delicate fasi del deflusso di migliaia di turisti presenti sull'isola per il rientro presso le proprie residenze, consentendo anche l'arrivo dei mezzi di soccorso giunti sull'isola dalla terraferma, a bordo di navi traghetto."La più grande risorsa del Corpo è il personale che dà forza al nostro lavoro; oggi desidero testimoniare loro la mia vicinanza e ringraziarli per quello che hanno fatto nella dotte di quel 21 agosto": sono queste le parole rivolte dal Comandante Generale al personale dell'Ufficio marittimo di Casamicciola all'atto del conferimento dell'importante riconoscimento, avvenuto ad opera del sindaco di Casamicciola Terme, Giovan Battista Castagna. Nella stessa mattinata, presso la sede dell'Ufficio di Casamicciola, l'Ammiraglio ha anche salutato il direttivo della Sezione UNSI (Unione Nazionale Sottufficiali Italiani) di Ischia.  A seguire, il Comandante Generale ha poi incontrato il personale dell'Ufficio Locale Marittimo di Lacco Ameno, presso la sede che lo ospitava fino al 2012 e ora accentrato presso il Comando di Ischia e quello della Delegazione di Spiaggia di S. Angelo, per portare loro il proprio saluto; a latere dell'incontro, l'Ammiraglio ha salutato anche il Sindaco di Serrara Fontana, Ing. Rosario Caruso.Il programma di incontri istituzionali ai Comandi flegrei è continuato sabato 22 agosto, con la visita alla Delegazione di Spiaggia di Monte di Procida ove, accompagnato anche dal Comandante della Guardia Costiera di Pozzuoli da cui esso dipende, Tenente di Vascello Cosimo Pichierri, l'Ammiraglio Pettorino ha portato la propria vicinanza al personale dell'Ufficio, apprezzandone l'impegno profuso nell'intensa attività operativa estiva e incontrando, a seguire, il Sindaco di quel Comune, Giuseppe Pugliese.  Il Comandante Generale ha poi visitato l'Ufficio Circondariale Marittimo di Procida - che con quello di Ischia condivide l'Area protetta Regno di Nettuno – ove, accolto dal Capo del Circondario, Tenente di vascello Calogero Carapezza, ha portato la propria vicinanza al personale di quel Comando territoriale, a poco più di un anno dall'intervenuta dichiarazione di parziale inagibilità della sede dell'Ufficio; nell'occasione, l'Ammiraglio Pettorino ha voluto manifestare il proprio apprezzamento per l'immutato impegno con cui - nonostante le difficoltà logistiche, temporaneamente fronteggiate con il supporto del Comune di Procida, che ha messo a disposizione alcuni uffici – lo stesso personale ha continuato ad operare in favore della collettività isolana, senza far pesare all'utenza le condizioni di estremo disagio vissute per le gravi problematiche che hanno colpito la sede di servizio.

  • Ischia: in occasione del Blueblitz, la storia del Comandante De Grazia
    on 21 Agosto 2020 at 9:48

    Data: 21/08/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: Ischia​Ieri sera, nella suggestiva cornice del Castello aragonese di Ischia, è stato presentato “Navi mute”, il libro scritto a quattro mani dai giornalisti Giampiero Cazzato e Marco Di Milla che racconta la vita, le indagini e la misteriosa morte del Comandante Natale De Grazia, l’ufficiale delle Capitanerie di porto che nei primi anni '90 indagò sugli affari delle ecomafie e in particolare sul sospetto affondamento delle cosiddette "navi a perdere". L’incontro, incentrato sulla figura del Comandante De Grazia, si è inserito in una più ampia “parentesi blu” in occasione della quale la comunità ischitana si è “immersa” in una duegiorni dedicata all’annuale appuntamento del ”Blueblitz”, un’iniziativa promossa dall’Area Marina Protetta "Regno di Nettuno" e dedicata alla natura sommersa e alla riscoperta della biodiversità come patrimonio collettivo, raccontato attraverso immagini scattate dai diving e dagli appassionati del settore. Ad aprire le porte dell’isola alle autorità civili e militari e alla nutrita platea di spettatori, tra i quali una significativa rappresentanza delle associazioni ambientaliste, il sindaco di Forio d’Ischia, Francesco Del Deo che - anche a nome dei rappresentati di tutti i Comuni isolani presenti tra i convenuti, e alla presenza del Comandante in IIª della Capitaneria di porto di Napoli, Capitano di Vascello Gaetano Angora, nonché del Comandante della Guardia Costiera di Ischia, Tenente di Vascello Andrea Meloni - ha rivolto agli intervenuti un indirizzo di saluto e benvenuto, per poi cedere la parola al giornalista di Repubblica, Pasquale Raicaldo, moderatore dell’incontro. Così, al termine della conferenza stampa conclusiva dell’evento di lancio delle immagini scattate durante il monitoraggio fotografico dell’oasi marina delle isole flegree, presentato dal Direttore del Regno di Nettuno, Antonino Miccio, si sono accesi i riflettori sulla storia di Natale De Grazia e sul libro dedicatogli, edito dalle edizioni "All Around", rappresentate dell’editrice e giornalista Lucia Visca che, nell’introdurre la pubblicazione, ha voluto rimarcare la precisa volontà editoriale incentrata su una scelta etica dei contenuti da valorizzare, forte dei messaggi sociali ad essa sottesi. A seguire, ha preso poi la parola il Capitano di Vascello Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale della Guardia Costiera, nella particolare circostanza intervenuto anche nella veste di direttore della collana "Storie di mare" – di cui "Nave Mute" è la prima pubblicazione – che ha condiviso la volontà di affidare all’editoria “tradizionale” il compito di raccontare storie di vita e valori, come quelli del Comandante De Grazia, meritevoli di essere ricordati, approfonditi e tramandati, oltre ogni forma di sollecitazioni cui è sottoposto il moderno contesto della comunicazione. Successivamente, alla presentazione di un breve filmato di presentazione del libro (guarda il video), è toccato agli autori Giampiero Cazzato e Marco Di Milla il compito di raccontare rispettivamente – come fatto nel libro – gli aspetti più oscuri del caso-De Grazia, e tratteggiarne il lato umano di uomo e militare che amava il mare, proteggendolo e battendosi per la legalità. A concludere l’evento, l’intervento del Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino che, ricollegandosi alla tematica della difesa della biodiversità nel cui solco si è inserito l’intero appuntamento, ha portato la testimonianza del quotidiano impegno del Corpo per la tutela dell’ecosistema marino (guarda il video) e costiero, che sarà peraltro prossimamente raccontato attraverso le attività condotte dai 5 Nuclei Sub della Guardia Costiera. Nell’occasione, è stata infatti proiettata una breve clip di anticipazione del Calendario istituzionale 2021 (guarda il video), dedicato all’attività dei sommozzatori della Guardia Costiera a tutela dell’ambiente marino, raccontata attraverso una suggestiva selezione di scatti fotografici dedicati, tra gli altri, alla biodiversità marina.

  • Salò: il Comandante Generale in visita al 1° Nucleo Mezzi Navali Guardia Costiera del Lago di Garda
    on 15 Agosto 2020 at 7:44

    Categoria: EventiLuogo: SalòNella giornata di ieri, l’Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, si è recato in visita istituzionale al 1° Nucleo Mezzi Navali Guardia Costiera Lago di Garda, che ha sede a Salò.Durante la visita il Comandante Generale è stato accompagnato dal Contrammiraglio Piero Pellizzari, Direttore Marittimo del Veneto e dal Contrammiraglio Sergio Liardo, Capo del 3^ Reparto ”Piani e Operazioni” del Comando Generale.L’Ammiraglio Pettorino ha incontrato i militari del Nucleo, con a capo il Comandante Ragadale, presenti in forza in questa settimana ferragostana, ringraziandoli per il costante lavoro e per i numerosi soccorsi portati a compimento durante la stagione estiva in corso sul Lago di Garda.Ha poi visitato i locali del Nucleo della Guardia Costiera di Salò portando il proprio saluto anche al personale che giorno e notte opera nella Sala Operativa per il coordinamento delle attività di soccorso su tutto il Lago di Garda.Dopo aver incontrato presso il Primo Nucleo i rappresentati dell’amministrazione comunale, l’Ammiraglio si è recato in visita alla sede della Comunità del Garda, ove ad attenderlo vi era il Segretario Generale Dott. Pierlucio Cerasa, che ha ringraziato il Comandante Generale per l’eccelso lavoro quotidianamente svolto dai trenta militari della Guardia Costiera, che con il loro operato garantiscono soccorso e sicurezza ai fruitori del lago più grande d’Italia.

  • Ferragosto: incontro operativo con i comandi regionali della Guardia Costiera
    on 14 Agosto 2020 at 10:28

    Categoria: EventiLuogo: RomaIn previsione dell'imminente ferragosto, che segna il culmine della stagione estiva, si è tenuta questa mattina la consueta videoconferenza con i quindici Direttori Marittimi del Corpo presieduta dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino.L'Ammiraglio Pettorino - che poco prima dell'avvio della videoconferenza si è recato nella Centrale Operativa del Comando Generale per un saluto al personale - ha condiviso con i Vertici regionali della Guardia Costiera le principali linee di indirizzo sulle attività da porre in essere durante il prossimo fine settimana, nel quale l'organizzazione ed il personale saranno chiamati ad esprimere il massimo sforzo in termini operativi e di presenza sui litorali, nei porti ed in mare, a garanzia della sicurezza della navigazione e delle attività balneari.Nel corso dell'incontro di coordinamento sono stati forniti, tra l'altro, puntuali aggiornamenti sulle novità che riguarderanno i mezzi del Corpo, quali la pubblicazione del bando di gara per la realizzazione della Unità d'altura Multiruolo (UAM) che affiancherà le Navi Dattilo CP940 e Diciotti CP941, la recente dotazione di una nuova e ancor più performante tipologia di battelli costieri veloci classe "Bravo", ed il rafforzamento delle capacità operative della componente aerea, con l'ammodernamento del velivolo ATR42 e l'entrata in linea dell'ultimo AW139 "Nemo16".La videoconferenza si è conclusa con gli auguri di "buon lavoro" e con l'attestazione di gratitudine che l'Ammiraglio Pettorino, per il tramite dei Direttori marittimi, ha rivolto a tutto il personale che – per mare, via terra o dalle sale operative dei Comandi territoriali – concorrerà a vigilare sulla sicurezza di milioni di bagnanti e diportisti presenti sulle spiagge e nei mari italiani.

  • Gaeta ospita la presentazione di “Navi Mute”, il libro dedicato alla vita del Comandante De Grazia
    on 13 Agosto 2020 at 14:26

    Data: 13/08/2020 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: GaetaLa vita, le indagini e la misteriosa morte del Comandante Natale De Grazia hanno conquistato la scena dell'incantevole terrazza del Bastione "La Favorita", nel centro storico di Gaeta. Davanti a una nutrita platea di spettatori e alla presenza delle autorità civili e militari della cittadina del sud pontino, nel pomeriggio di ieri è stato presentato il libro "Navi Mute", evento inserito nel programma della rassegna letteraria "un mare di storie".Scritto a quattro mani dai giornalisti Giampiero Cazzato e Marco Di Milla, il libro, uscito per le edizioni "All Around", ripercorre la storia dell'Ufficiale delle Capitanerie di porto che nei primi anni '90 indagò sugli affari delle ecomafie e in particolare sul sospetto affondamento delle cosiddette "navi a perdere", sparite nel Mediterraneo con il loro carico di rifiuti tossici e nucleari.A fare gli onori di casa il sindaco di Gaeta Cosimino Mitrano che, rivolgendosi al Direttore Marittimo del Lazio, Capitano di Vascello Francesco Tomas, alla sua prima uscita nella cittadina laziale nel nuovo incarico, ha ricordato la storica e proficua sinergia tra la cittadina laziale, la sua marineria, il suo prezioso paesaggio naturalistico e il lavoro della Guardia Costiera. Un ritorno anche affettivo quello del Comandante Tomas a Gaeta, al Comando della locale Capitaneria di porto dal 2010 al 2013 che, riferendosi alla personalità di De Grazia come a una delle più nobili che il Corpo possa vantare ha ricordato la sensibilità che il Corpo ripone nella salvaguardia del mare e del suo ecosistema. La serata è stata introdotta da Carla Casale, promotrice della rassegna, che ha invitato sul palco l'editrice del libro, la giornalista Lucia Visca. Nell'occasione Visca ha tracciato un profilo delle edizioni "All Around" improntato all'etica e al significato civile del giornalismo.Successivamente ha preso la parola il moderatore dell'incontro, il giornalista Vanni Albano che ha commentato i contenuti salienti del libro coinvolgendo gli autori e il direttore della collana "Storie di mare" - di cui Nave Mute è la prima pubblicazione - il Capitano di Vascello Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale della Guardia Costiera, anch'egli già Comandante del Compartimento Marittimo di Gaeta, che ha raccolto il testimone da Tomas, dal 2013 al 2015. L’idea di  una collana, condivisa con la casa editrice All Around – ha spiegato Nicastro - nasce dalla comune volontà di dare profondità e memoria alla tradizione marittima del nostro Paese. I libri rappresentano uno strumento indispensabile, in una società in cui la comunicazione è sempre più veloce e a volte superficiale, perché consentono di approfondire, raccontare storie e parlare di valori importanti. Per questo motivo abbiamo ritenuto che la realizzazione di una serie di libri fosse opportuna e necessaria per far emergere episodi meno conosciuti, meno clamorosi, ma altrettanto significativi ed importanti e sicuramente meritevoli di essere ricordati. Al riguardo – ha proseguito Nicastro - colgo l'occasione per annunciare la pubblicazione di un secondo  volume che a breve arricchirà la collana; si tratta anche in questo caso di una storia vera, ambientata nel 1943, dedicata alla figura di un altro ufficiale del Corpo, l'allora Comandante della Capitaneria di porto di Savona Federico Roni, che, in forma diversa, in altri contesti storici, ma quasi in modo complementare rispetto a quella del Comandante De Grazia, ha dedicato la sua vita alle istituzioni lasciando un ricordo indelebile nel capoluogo ligure.Al giornalista Cazzato il compito di tratteggiare i lati oscuri della vicenda e il lavoro di De Grazia, asse portante del pool investigativo diretto dal Procuratore di Reggio Calabria Francesco Neri. "Morte improvvisa dell'adulto dirà la prima autopsia sul corpo di De Grazia" sottolinea Cazzato " messa in discussione anni dopo dalla Commissione parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti.A Di Milla, giornalista e militare in servizio al Comando Generale della Guardia costiera di Roma, infine il compito di descrivere la personalità di De Grazia e il suo generoso lato umano. "Capitano di lungo corso – ha ricordato Di Milla – De Grazia amava il suo lavoro, proteggeva il mare e si batteva per la legalità. Riteneva le navi una famiglia galleggiante, fatta di polmoni d'acciaio e dal un cuore pulsante di un equipaggio. Ecco perché abbiamo scelto di chiamare il libro 'Navi Mute': la missione di De Grazia era ridare voce a queste navi, interrompere i traffici illegali in mare con il loro carico di morte".

  • Visita del Comandante Generale ai comandi territoriali della Sicilia Occidentale
    on 13 Agosto 2020 at 9:25

    Categoria: Attività, EventiLuogo: Sicilia Occidentale​Si è conclusa l'11 agosto la visita istituzionale alla Direzione Marittima della Sicilia Occidentale del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accompagnato dal Direttore Marittimo, Contrammiraglio Roberto Isidori.L'Ammiraglio ha incontrato i Comandanti e il personale dei comandi territoriali di Termini Imerese, Porticello,Terrasini e di Cefalù, Mondello e Ustica. Queste visite hanno costituito l'occasione per affrontare le principali tematiche di carattere tecnico-operativo delle rispettive realtà portuali, in un proficuo confronto diretto con le realtà locali.Dopo aver firmato il libro d'onore, l'Ammiraglio Pettorino ha colloquiato con i sindaci delle cittadine costiere trattando con loro le principali tematiche riguardanti la sicurezza e l'economia del mare, particolarmente fiorente  in quelle zone e confermando, nel contempo, la disponibilità della Guardia Costiera a sostenere, per gli aspetti di competenza, tutte le iniziative volte ad un rilancio turistico/commerciale degli stessi  territori.A conclusione della visita, il Comandante Generale  ha apprezzato l'impegno profuso dagli uomini e donne Corpo di stanza presso quei presìdi, anche in considerazione del particolare periodo emergenziale che sta attraversando il Paese, il cui rilancio passa soprattutto attraverso i porti, snodi fondamentali per l'economia nazionale.

  • Il Comandante Generale in visita agli Uffici del Circondario marittimo di Lampedusa
    on 11 Agosto 2020 at 14:55

    Luogo: Lampedusa​Il 9 agosto, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accompagnato dal Direttore marittimo della Sicilia occidentale, Contrammiraglio Roberto Isidori, e dal Capo Ufficio Piani del 3° Reparto del Comando Generale, Contrammiraglio Giuseppe Aulicino, ha fatto visita alla Guardia Costiera di Lampedusa.Dopo aver visitato gli uffici della Capitaneria ed aver firmato libro d'onore, l'Ammiraglio si è recato presso il molo favarolo, dove sono ormeggiate le unità della Guardia Costiera, per incontrare il personale del Corpo in servizio a Lampedusa, impegnato quotidianamente nelle attività volte a garantire la salvaguardia della sicurezza della navigazione e della vita umana in mare. Nella circostanza, l'Ammiraglio Pettorino ha rivolto agli uomini e donne del Corpo di stanza sull'isola il proprio apprezzamento per la preziosa attività svolta nell'ambito dei molteplici compiti istituzionali affidati al Corpo.Al termine della visita, l'Ammiraglio ha incontrato il Sindaco dell'isola, Salvatore Martello, e con questi ha avuto un proficuo confronto su alcune delle tematiche più rilevanti che interessano la comunità lampedusana, le cui economie locali sono incentrate sul mare, inteso in tutti i suoi molteplici aspetti.

  • Il Comandante Generale in visita all’Ufficio Circondariale Marittimo di Pantelleria
    on 9 Agosto 2020 at 13:44

    Categoria: Attività, EventiLuogo: PantelleriaOggi, 9 agosto, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, accompagnato dal Direttore marittimo della Sicilia occidentale Contrammiraglio Roberto Isidori e dal Contrammiraglio Giuseppe Aulicino, si è recato in visita all'Ufficio Circondariale Marittimo di Pantelleria. Al suo arrivo, l'Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accolto dal Comandante, il Tenente di Vascello Antonio Terrone, ha voluto in primis incontrare il personale militare assegnato al Comando pantesco portando la vicinanza e l'attenzione del Comando Generale verso chi opera in prima linea. A seguire si è tenuto l'incontro con il primo cittadino di Pantelleria dott. Vincenzo Campo nel corso del quale l'Ammiraglio Pettorino ha sottolineato l'importanza di dare avvio, con la collaborazione dell'Ufficio Circondariale Marittimo, all'iter per l'istituzione dell'Area marina protetta come peraltro già annunciato nel corso della recente visita del Ministro dell'Ambiente Sergio Costa.In ultimo il Comandante Generale, unitamente a tutto il personale dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Pantelleria, ha incontrato mister Marco Tardelli e l'esploratore dei mari Alberto Luca Recchi, entrambi grandi appassionati di mare, affettivamente legati all'isola di Pantelleria.Al termine della visita, il Comandante Generale, nell'esprimere il più sincero compiacimento, ha dedicato, sul libro d'onore della Capitaneria, un pensiero di vivissima gratitudine per la preziosa attività svolta dalle donne e dagli uomini della Guardia Costiera di Pantelleria a salvaguardia della vita umana in mare e a tutela del patrimonio marino-costiero.

  • Fiumicino: provato il nuovo battello Guardia Costiera - Classe Bravo
    on 8 Agosto 2020 at 8:11

    Categoria: Attività, EventiLuogo: FiumicinoNei giorni scorsi si è svolta a Fiumicino, presso la Base Navale della Capitaneria di Porto di Roma, la prova in mare del nuovo battello della Guardia Costiera Classe Bravo. Una linea di battelli litoranei destinati principalmente allo svolgimento di operazioni a tutela della sicurezza di bagnanti e diportisti.All'evento ha partecipato il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, insieme al Capo del 4° Reparto "Mezzi Aerei, Navali e terrestri", C.V. Luciano Del Prete.Il mezzo in questione presenta qualità tecnologicamente molto avanzate. Lungo 7.30 mt, è equipaggiato da uno scafo rigido in composito (fibra di vetro e kevlar) realizzato con la tecnica dell'infusione sottovuoto, a garantirne il massimo della resistenza e la perfetta coesione tra gli strati di rinforzo.Come per lo scafo - inoltre - anche i tubolari sono di tipo rigido, essendo composti da tre sezioni amovibili (una prodiera e due laterali) realizzate con la tecnica del fendering system: "poliurea" nella parte esterna e "poliammide a cellule chiuse a doppia densità" nella parte interna, un sistema – questo – capace di offrire resistenza e durevolezza senza pari (lo scafo è garantito per 20 anni).Notevole anche la capacità di carico e la velocità massima. Grazie ai due potenti motori da 115 HP ciascuno, il nuovo battello è capace di raggiungere i 35 nodi di velocità, per un intervento veloce e sicuro soprattutto nell'ambito costiero. Lo spazio a bordo - inoltre - è modulabile: sei sedute con la possibilità di rimuoverne quattro - quelle prodiere - per fare spazio a due barelle o, se necessario, alle dotazioni di un nucleo sommozzatori.Ma non solo. Tra le caratteristiche che connotano questo innovativo mezzo navale, anche un sistema pneumatico auto-raddrizzante ad azionamento manuale posizionato superiormente, sul rollbar. Il rollbar stesso, inoltre, è abbattibile, per un facile trasporto su carrello.Al momento il nuovo mezzo è in dotazione alla sola Capitaneria di Porto di Roma, ma altre 19 unità saranno presto consegnate (entro maggio 2022) ai comandi territoriali del Corpo.  Il Comandante Generale al termine della prova in mare si è detto molto soddisfatto della nuova Classe Bravo, evidenziando che l'impiego di questi battelli garantirà una maggiore capacità di intervento lungo le coste a garanzia della sicurezza della navigazione e delle attività balneari.

  • Il dott. Paolo Onelli, Capo di Gabinetto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, in visita al Comando Generale
    on 6 Agosto 2020 at 16:54

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaNella giornata di oggi, il dott. Paolo Onelli, Capo di Gabinetto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, si è recato in visita presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera. Ad accompagnarlo, il Segretario particolare della Ministra Bellanova, Dott. Cosimo Durante, il Capo dipartimento delle politiche competitive, della qualità agroalimentare, ippiche e della pesca, Dott. Saverio Abate, il Direttore Generale della pesca marittima e dell'acquacoltura, dott. Riccardo Rigillo e il Capo Reparto Pesca Marittima, Capitano di vascello Donato De Carolis.Al loro arrivo sono stati accolti dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino.Dopo la firma del "libro d'onore"  da parte del dott. Onelli, la visita è proseguita con un briefing al quale hanno preso parte anche il Vice Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Antonio Basile e il Capo del 1° Reparto "Personale", Ammiraglio Ispettore Nunzio Martello. Durante l'incontro l'Ammiraglio Pettorino ha illustrato alla delegazione le principali linee di attività che ogni giorno impegnano gli uomini e le donne del CorpoA seguire, ha preso la parola l'Ammiraglio Sergio Liardo - Capo del 3° Reparto "Piani e Operazioni" -  che, con un focus sulle principali attività coordinate sul territorio dal Centro di controllo nazionale pesca (CCNP) (anch'esso incardinato all'interno dello stesso 3° Reparto), ha illustrato come il Corpo operi su tutto il territorio nazionale a garanzia della legalità e della sostenibilità dell'intera filiera della pesca, assicurando al contempo la genuinità del pescato che arriva sulle tavole degli italiani.L'incontro è poi proseguito in Centrale Operativa, dove il Capo di Gabinetto ha potuto apprezzare l'azione di vigilanza espletata dal Corpo sul naviglio da pesca attraverso i più moderni sistemi di monitoraggio, quali – ad esempio – la piattaforma digitale GIANO, che permette di seguire le attività di controllo pesca svolte su tutto il territorio nazionale e di monitorare la flotta peschereccia nazionale dotata di sistema di localizzazione satellitare (VMS - Vessel Monitoring System).Al termine dell'incontro, il dott. Onelli ha espresso parole di vivo apprezzamento per l'attività svolta dal Corpo, ha ringraziato il Comandante Generale per l'accoglienza ricevuta e per l'esaustiva spiegazione circa i tratti distintivi che connotano l'odierna realtà delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera.

  • Visita del Comandante Generale al Compartimento marittimo di Imperia e all'Ufficio circondariale marittimo di Loano-Albenga
    on 5 Agosto 2020 at 10:55

    Categoria: EventiLuogo: Imperia​Nella mattinata del 3 agosto il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accompagnato dal Direttore Marittimo della Liguria, Ammiraglio Ispettore Nicola Carlone, ha fatto visita agli uomini e le donne del Compartimento Marittimo di Imperia e dei Comandi dipendenti da Ventimiglia a Diano Marina, ai quali ha rivolto il suo vivo apprezzamento per il lavoro quotidianamente svolto a servizio del cluster marittimo e dell'utenza del mare.Nell'occasione il Comandante Generale ha tenuto una conferenza stampa incentrata sull'importante tema della tutela e protezione dell'ambiente marino, con particolare riguardo alla difesa delle aree marine protette e alla conservazione degli stock ittici, costantemente minacciati dalla presenza delle "reti fantasma", reti da pesca realizzate in materiale sintetico che - abbandonate o perse nei fondali - sono causa di una crescente desertificazione degli ecosistemi marini.Nel corso della conferenza stampa l'Ammiraglio Pettorino ha inoltre posto l'attenzione sulla figura del Comandante Natale De Grazia, Ufficiale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, morto in circostanze misteriose nella notte tra il 12 e il 13 dicembre 1995, mentre indagava su quelle "navi a perdere" sospettate di essere state affondate, deliberatamente, con il loro carico di rifiuti pericolosi.Al termine dell'incontro, accompagnato dal Direttore Marittimo della Liguria, l'ammiraglio Pettorino si è recato in visita presso l'Ufficio Circondariale Marittimo di Loano – Albenga, dove è stato accolto dal Capo del Compartimento Marittimo di Savona, Capitano di Vascello Francesco Cimmino, e dal Capo del Circondario Marittimo, Tenente di Vascello Camilla Ripetti Pacchini.Nell'occasione l'Ammiraglio Pettorino ha espresso sentimenti di vicinanza alle donne e agli uomini della locale Autorità Marittima per il fondamentale contributo operativo a garanzia e salvaguardia della vita umana in mare e a tutela dell'ambiente marino e costiero. Un servizio indispensabile per tutta la comunità locale.