Notizie

Qui troverete tutte le notizie e le ultime novità nel mondo della pesca subacquea, inclusi gli articoli e le normative da altri siti di rilievo.

  • Conclusa la prima edizione del corso di alta formazione sul monitoraggio dell’ambiente marino
    on 27 Maggio 2022 at 10:17

    Data: 27/05/2022 00:00:00Categoria: Corsi di formazione, EventiLuogo: Taranto​Questa mattina nella sede di Taranto, alla presenza del Capo Reparto personale del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, Contrammiraglio (CP) Antonio RANIERI e del Magnifico Rettore dell’Università degli studi di Bari, Prof. Stefano Bronzini, si è svolta la cerimonia conclusiva della prima edizione del corso di alta formazione: L'ambiente marino: impatti e monitoraggi dalla costa al largo svoltosi dal 02 al 26 maggio.Il Corso di alta formazione, nato dalla recente collaborazione tra le due Istituzioni, è stato affidato dal Comando Generale al Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi Aldo Moro. Lo sviluppo didattico ha visto l’avvicendarsi di numerosi docenti afferenti ai diversi Dipartimenti dell'Ateneo di Bari, al Consiglio Nazionale delle Ricerche e ad ARPA Puglia, sotto il coordinamento scientifico del Prof. Roberto Carlucci e la supervisione del Prof. Angelo Tursi, consigliere scientifico per la Marina Militare. Il momento formativo è stato indirizzato a militari della Guardia Costiera, già in possesso di skills ambientali (lauree o master con indirizzo specifico) che opera nell’ambito dei Centri controllo ambientale marino (CCAM) o nei Nuclei operativi di polizia ambientale dei Comandi territoriali. Alle attività di formazione teorica sono state affiancate attività esperienziali on the job presso i laboratori del Polo Scientifico e Tecnologico Magna Grecia di Taranto, nonché in mare, a bordo delle unità dipendenti alla Capitaneria di porto di Taranto per l’applicazione sul campo di campionamenti biologici, analisi chimiche e tecniche di campionamento di acque e sedimenti.Tale attività si incardina nell’ambito della formazione avanzata in materia ambientale per la quale l’attenzione della Guardia Costiera è costantemente alta ed è finalizzata a integrare e completare tutte le competenze a connotazione tecnico-operativa per poter assolvere le mansioni e le funzioni direttive, manageriali e di staff in determinati settori specialistici in ambito nazionale ed internazionale.

  • Come Prepararsi all’Apnea e l’Importanza della Concentrazione
    by Redazione Apnea Magazine on 26 Maggio 2022 at 14:48

    L’uomo è sempre stato attratto, fin dalla sua comparsa sulla terra, da ciò che non conosce della natura. E allo stesso tempo si è sempre impegnato con tutte le forze per superare i suoi limiti, siano essi mentali, caratteriali o fisici... Apnea Magazine

  • Anche il Comitato Nazionale del Welfare della Gente di Mare all’European Maritime Day
    on 25 Maggio 2022 at 13:30

    Categoria: EventiLuogo: Ravenna​In occasione dell'European Maritime Day, svoltosi nella splendida cornice ravennate, si è tenuta, presso la Sala Convegni dell'Autorità di sistema Portuale del Mare Adriatico Centro-Settentrionale, l'Assemblea Ordinaria dei Soci del Comitato Nazionale del Welfare della Gente di Mare. L'Assemblea plenaria, presieduta dal Comandante generale delle Capitanerie di porto Ammiraglio Nicola CARLONE, in qualità di Presidente del Comitato ha visto la presenza, in qualità di osservatori, del Presidente del Comitato Territoriale di Ravenna, Capt. Carlo CORDONE, del Segretario Generale dell'Autorità di Sistema Portuale, che ha ospitato l'evento, dott. Paolo Ferrandino e dell'Assessore alla Transizione digitale del Comune di Ravenna Igor GALLONETTO, oltre ai rappresentanti di tutti i Soggetti aderenti al Welfare.L'importante cornice istituzionale ha reso l'evento ancor più rilevante, perché incardinato in un contesto sociale, quale quello ravennate, in cui è sempre stata incisiva e presente l'azione di assistenza sociale del Comitato Territoriale a favore dei numerosi marittimi stranieri che ogni anno toccano il porto e che spesso portano con loro problemi personali, familiari ed economici che richiedono attenzione da parte delle istituzioni nazionali e locali.La relazione del Capt. Cordone che ha descritto l'operato del welfare di Ravenna dell'ultimo biennio ha suscitato un sincero e generalizzato apprezzamento ed anche particolare commozione, allorchè è stato raccontato l'impegno, davvero speciale, messo in campo per consentire il rientro a casa di diversi marittimi di nazionalità Azera bloccati su mercantili abbandonati in quel sorgitore nell'anno 2020.Si può quindi considerare un vero e proprio riconoscimento all'azione del Comitato Territoriale di Ravenna, la presenza, presso quella sede, del Comitato Nazionale del Welfare della Gente di Mare, che ha svolto i suoi lavori assembleari ordinari e dove è emersa proprio la necessità di un coordinamento del cluster marittimo nazionale nell'affrontare questioni afferenti il benessere e la tutela del personale navigante che approda nei porti nazionali, anche ricorrendo a meccanismi di matrice solidaristica, proprio come quelli del Comitato Territoriale di Ravenna.Le attività di welfare della gente di mare si incardinano, peraltro, nel più ampio quadro regolamentare internazionale della convenzione internazionale ILO MLC 2006, ratificata in Italia con legge 113/2013 in base al quale gli Stati hanno il dovere di offrire al personale navigante idonei servizi di assistenza sociale nei porti.L'Assemblea del Comitato Nazionale ha, infine, deliberato di impiegare, anche per quest'anno, parte dei fondi di cui dispone, per la compartecipazione al finanziamento di progetti od iniziative, che abbiano una diretta ricaduta sul benessere del personale marittimo e che, a vario titolo, possano essere sviluppate, con efficacia, presso le singole realtà dei Comitati Territoriali distribuiti sul territorio nazionale. Tali realtà, nei porti di rispettivo riferimento, hanno da sempre garantito e continuano a garantire ai marittimi stranieri non solo assistenza per le necessità di natura ordinaria, ma anche interventi di emergenza, che si rendono all'occorrenza necessari, interpretando un ruolo essenziale per l'instradamento, la facilitazione ed il supporto all'azione delle amministrazioni pubbliche e dei servizi di assistenza socio-sanitaria del territorio (aziende sanitarie, reti consolari, enti locali, ecc..).Al termine dei lavori i soci del Comitato Nazionale si sono dati appuntamento al prossimo mese di dicembre per lo svolgimento della seconda Assemblea ordinaria dell'anno.

  • Firmato il protocollo tra Comando generale e la Fondazione CISOM
    on 25 Maggio 2022 at 10:54

    Categoria: EventiLuogo: RomaPalazzo Magistrale – Si è conclusa poche ore fa la firma del rinnovo degli Accordi tra il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera e la Fondazione CISOM. “Questa  firma rinnova un accordo istituzionale che va avanti da oramai 15 anni, con reciproca soddisfazione,  ed è la conferma di una sinergia operativa  e di intenti che vuole essere consolidata e rafforzata.” Queste le parole dell’Ammiraglio Ispettore Capo,  Nicola Carlone  che stringe la mano al Presidente della Fondazione CISOM, Gerardo Solaro del Borgo per sugellare la collaborazione e la stima reciproca tra le due Istituzioni. “Siamo fieri di continuare a collaborare fianco a fianco alla Capitaneria di Porto -  Guardia Costiera  sia in tempo di pace che in emergenza, mettendo reciprocamente a disposizione i nostri uomini e le nostre  professionalità” così  Gerardo Solaro del Borgo ringrazia l’Ammiraglio  Carlone per la fiducia dimostrata in questi anni. Forte di una struttura internazionale capace di operare in tutto il bacino del Mediterraneo il CISOM potrà dare un concreto supporto alle operazioni della Guardia Costiera, potendo salvare quindi molte vite umane. A livello nazionale la rete capillare e specializzata presente su tutto il territorio garantirà un supporto a 360 ° alla rete di soccorso della Guardia Costiera, non solo in mare ma anche nei laghi maggiori, curando anche la formazione specialistica di alto livello, per operare sempre in sicurezza nei vari scenari operativi legati alle emergenze.

  • Il Comandante Generale insignito della Cittadinanza Onoraria di San Benedetto del Tronto
    on 24 Maggio 2022 at 10:44

    Luogo: San Benedetto del Tronto​Nella giornata di ieri, durante una cerimonia tenutasi nella sala consiliare del Municipio alla presenza del Sindaco e delle massime autorità civili e militari del territorio, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, è stato insignito della Cittadinanza Onoraria di San Benedetto del Tronto. La prestigiosa benemerenza è stata conferita all’Ammiraglio per il prezioso contributo offerto allo sviluppo della realtà portuale della città durante il suo mandato al comando della locale Capitaneria di porto alla fine degli anni ’90. Nelle sue parole il sindaco Antonio Spazzafumo ha  espresso tutta la gratitudine della comunità sambenedettese per l’opera prestata dall’Ammiraglio durante il suo mandato.Prima di recarsi in Municipio, l’Ammiraglio Carlone, accolto dal Direttore Marittimo di Ancona, Capitano di Vascello Donato De Carolis e dal Comandante della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto, Capitano di Fregata Marco Mancini,  ha voluto incontrare una rappresentanza delle donne e degli uomini che lo hanno sostenuto durante il delicato incarico di Comando del sorgitore piceno, oltre al personale attualmente in forza alla Capitaneria di Porto di San benedetto del Tronto e dell’Ufficio Circondariale marittimo di Porto San Giorgio.Nel complimentarsi per il lavoro svolto e raccomandare il consueto massimo impegno al servizio dei cittadini in visione dell’imminente stagione estiva, il Comandante Generale non ha nascosto la propria emozione ed orgoglio per aver comandato una sede in cui si concentrano molteplici attività per la Guardia Costiera tutte essenziali per garantire il necessario sostegno ad una realtà marittima di così particolare rilievo.Durate la visita il Comandante Generale ha avuto modo di incontrare anche il personale della locale sezione ANMI.

  • Il Notiziario della Guardia Costiera al salone internazionale del libro di Torino
    on 23 Maggio 2022 at 11:22

    Categoria: EventiLuogo: Torino​Pubblicato il nuovo numero del Notiziario della guardia costiera: uno strumento fondamentale per raccontare le donne e gli uomini che ogni giorno presidiano i nostri mari garantendo sicurezza della navigazione e tutela dell'ambiente. Ma anche essenziale per   dialogare con la società civile e il cluster marittimo. Per fare informazione e cultura e raggiungere le giovani generazioni, "piccoli grandi custodi" del mare.  In questo numero, presentato nella prestigiosa cornice del Salone internazionale del libro di Torino, il Comandante Generale, Ammiraglio Nicola Carlone, nel suo editoriale definisce le linee di sviluppo: costruire la Guardia Costiera 3.0, ma senza dimenticare il passato. Non è un caso che l'Ammiraglio Carlone, inizi il suo editoriale parlando della prima missione internazionale del Corpo, per proseguire con le strategie rivolte a innovazione tecnologica e sostenibilità.Nella pubblicazione n.100 del Notiziario anche uno sguardo all'Europa e alle sue Agenzie, che certificano la crescita e la professionalità della guardia costiera italiana; il fascino intramontabile della radio e le sue straordinarie potenzialità comunicative. E ancora, le nuove tecnologie al servizio della navigazione, la cooperazione marittima e la missione ambientale in Libano della Guardia Costiera.Torino è stata l'occasione per parlare, inoltre, della collana editoriale "storie di mare", curata dal Comando Generale in collaborazione con le edizioni All Around, che racconta il mare in tutte le sue declinazioni e che in soli due anni vanta già 7 libri all'attivo. Tra questi "incanto nel blu", presentato al salone: "si tratta di una vera e propria guida all'utilizzo consapevole delle Aree Marine Protette – ha sottolineato il direttore della collana, il Capitano di Vascello Cosimo Nicastro - patrimonio che vive tra regole, che la Guardia costiera è chiamata a far rispettare, e possibilità di fruizione da parte di tutti, con importanti ricadute culturali ed economiche sul territorio. Presenti anche l'autrice Marina Viola e la dott.ssa Stefania Divertito, portavoce del Ministero della transizione ecologica e autrice della prefazione.  A raccontare il notiziario della Guardia Costiera, insieme al suo Direttore responsabile, Cosimo Nicastro, il coordinatore editoriale Marco Di Milla e le giornaliste professioniste Lucia Visca e Donatella Alfonso. Puoi leggere il notiziario collegandoti su https://bit.ly/3ltZY3vOppure scaricarlo al https://bit.ly/3LBxtM5

  • Rinnovato il Protocollo d'intesa tra Guardia Costiera e Unione Italiana Vela Solidale
    on 18 Maggio 2022 at 8:52

    Categoria: EventiLuogo: RomaLo scorso 5 maggio, presso la sede del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera a Roma, è stato rinnovato il Protocollo d'intesa tra il Comando Generale, rappresentato dal Contrammiraglio Massimo Seno - Capo del Reparto Affari giuridici e Servizi d'istituto e l'Unione Italiana Vela Solidale, nella persona del suo Presidente, il dott. Ubaldo Lucci.La sottoscrizione del protocollo consolida uno stretto rapporto di collaborazione e fiducia tra le due organizzazioni, instauratosi fin dal 2014, che ha consentito, grazie alle numerose iniziative svolte in questi anni, di sviluppare forme di raccordo sinergico volte a promuovere e sostenere progetti di educazione, qualificazione e riabilitazione, centrati sulle attività marittime, in favore di persone con disabilità e svantaggio sociale.In particolare, la virtuosa collaborazione consentirà di dar corso - sia a livello centrale, sia periferico, con Unione Italiana Vela Solidale - alla realizzazione del progetto di ricerca denominato "Il mare per tutti. Portolano alternativo dei mari italiani", avente come scopo prioritario la mappatura dei porti italiani secondo i principi della accessibilità, così come definita per legge."

  • L’ Amministrazione marittima supera l’ Audit dell’ IMO.
    on 18 Maggio 2022 at 6:08

    Luogo: RomaSi è concluso, con esito positivo, il piano di verifiche[1] che ha visto l'Amministrazione marittima italiana al centro di una più ampia attività di esame, mirata ad attestare la qualità del sistema di implementazione degli strumenti IMO.[2] attraverso gli impegni assunti dall'Italia in ambito internazionale.Le verifiche hanno restituito un quadro d'insieme del trasporto marittimo italiano pienamente conforme alle direttive internazionali in materia di sicurezza dei trasporti e ambientali, che rendono il sistema italiano una eccellenza e con esso la sua flotta.Dal 9 al 16 maggio scorsi, infatti, l'Italia è stata sottoposta alla prima verifica, di un ciclo a cadenza settennale, da parte di un qualificato Team di Auditor dell'IMO – composto da membri provenienti rispettivamente da Gran Bretagna, Francia, Panama, oltreché da un rappresentante dell'IMO – che ha condotto la propria attività di verifica principalmente presso la sede del Comando Generale della Guardia Costiera a Roma, e presso articolazioni territoriali, attraverso interviste e raccolta di evidenze documentali.Al centro delle attività di audit, la verifica dell'adeguatezza e dell'efficacia di attuazione degli obblighi discendenti dalle Convenzioni internazionali di cui l'Italia è Parte Contraente, ovvero le Convenzioni SOLAS, MARPOL, LOAD LINES, TONNAGE e STCW e relativi Protocolli, finalizzati ad innalzare sempre più i livelli di sicurezza della navigazione e alla prevenzione dell'inquinamento marino, garantendo l'efficienza e la sostenibilità ambientale del trasporto marittimo.Tanti i Dicasteri coinvolti dall'audit, sotto l'egida del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, capofila (Lead Entity) del trasporto marittimo in Italia, che ha affidato al Capo del Reparto VI – Sicurezza della Navigazione e Marittima – del Comando generale della Guardia Costiera italiana, il compito di gestire e coordinare tutte le attività correlate all'attività di verifica.Ruolo, quello di Single Point of Contact (SPC), che lo stesso Comando generale ha assunto anche in ragione dell'articolato quadro normativo nazionale, che gli attribuisce funzioni specifiche in materia di sicurezza della navigazione, salvaguardia della vita umana in mare e contribuisce alla protezione dell'ambiente, vedendo convergere competenze oltreché del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, anche di diversi altri dicasteri tra i quali quelli della transizione ecologica. Assai positivo è il bilancio finale: gli auditor, apprezzando la predisposizione della strategia marittima per l'implementazione degli strumenti IMO, di cui il Sistema-Italia si è dotato, attraverso la validazione del Sig. Ministro per le Infrastrutture e Mobilità Sostenibili, hanno rilevato significative best practices da condividere a fattor comune con altri Stati chiamati ad implementare i requisiti IMO, ed anche un ristretto numero di aree ove il Sistema Italia potrà già nel breve-termine ulteriormente innalzare i già elevati standard di rispondenza al sistema di audit globale.Bilancio positivo che, peraltro, si ricollega anche alla recente rielezione dell'Italia nella Categoria A del Consiglio Esecutivo dell'Organizzazione Marittima internazionale (iMO) anche per il biennio 2022-2023, conferma del prestigio di cui il Paese gode in ambito marittimo e testimonianza del particolare contributo che l'Italia, grazie anche all'attività della sua Guardia Costiera, fornisce ai settori dello sviluppo e della sicurezza marittima e della navigazione e della tutela dell'ambiente marino.   [1] L'IMSAS (IMO Member State Audit Scheme) è il sistema di audit, riguardante le procedure interne, cui vengono sottoposti gli Stati Membri dell'IMO previsto dal Codice IMO Instrument Implementation (Code III) di cui alla Risoluzione A.1070(28), in forza da gennaio 2016.[1] L'IMO è l'acronimo dell'inglese "International Maritime Organization", è un'Agenzia specializzata delle Nazioni Unite, istituita a seguito dell'adozione della Convenzione internazionale marittima di Ginevra del 1948 e incaricata di sviluppare la cooperazione marittima tra i paesi Membri, al fine di promuovere la progettazione e lo sviluppo del trasporto marittimo internazionale rendendolo più sicuro e ordinato

  • Il Sottosegretario di Stato del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Sen. Battistoni, in visita al Comando Generale
    on 13 Maggio 2022 at 9:41

    Categoria: EventiLuogo: Roma​Nella mattinata odierna, il Sottosegretario di Stato del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con delega alla pesca marittima e all'acquacoltura, il Sen. Francesco BATTISTONI, ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera.Ad accoglierlo il Comandante Generale, l’Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, con il quale ha passato in rassegna lo schieramento militare che gli ha tributato gli onori di rito.Di seguito, il Senatore ha potuto assistere ad un briefing nel quale gli è stato prospettato un quadro di sintesi dell'organizzazione del Corpo, con un focus particolare sull’attività di controllo e monitoraggio di tutto il settore pesca.Il Sottosegretario - quindi - ha firmato il libro d'onore per poi essere accompagnato in Centrale Operativa, "cuore" pulsante della Guardia Costiera, dove gli sono stati illustrati i sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo, come pure le varie tecnologie che consentono al Corpo di avere sempre una visione costante e aggiornata degli scenari marittimi.A conclusione della visita, l’illustre ospite ha ringraziato il Comandante Generale per l'accoglienza ricevuta e per aver avuto l'opportunità di approfondire alcune interessanti tematiche marittime che vedono il Corpo protagonista nella tutela degli usi civili e produttivi del mare.“La partnership che la Guardia Costiera ha con il Mipaaf”, ha aggiunto il Sottosegretario “è essenziale in un’ottica di tutela dei consumatori, di protezione degli stock ittici, ma anche di quelle imprese che operano rispettando con dedizione e meticolosità le normative vigenti”.

  • Il Comandante Generale in visita alla Guardia Costiera del Lago di Garda
    on 13 Maggio 2022 at 8:52

    Data: 13/05/2022 00:00:00Categoria: EventiLuogo: Lago di Garda​Nella giornata di ieri, 12 maggio, il Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, accompagnato dal Capo del Reparto III - Piani e Operazioni del Comando Generale, Contrammiraglio (CP) Giuseppe AULICINO ha fatto visita Nucleo Mezzi Navali della Guardia Costiera del Lago di Garda a Salò, accolto dal Direttore Marittimo del Veneto, l’Ammiraglio Ispettore (CP) Piero PELLIZZARI e dal Comandante del Nucleo, C.C. (CP) Antonello RAGADALE.La visita del Comandante Generale è coincisa con quella dei Prefetti di Brescia, Verona e Trento, occasione finalizzata anche a verificare le peculiarità della nuova sala Operativa di cui si è recentemente dotato il Nucleo del Lago di Garda, e dell’efficienza del protocollo d’intesa sottoscritto nell’aprile del 2018 tra le stesse Prefetture, la Direzione Marittima del Veneto e i Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco di Brescia, Verona e Trento.Alla visita dei nuovi Uffici della sede del Nucleo, è seguito un momento di presentazione, a beneficio dei tre Prefetti, dell’organizzazione SAR delle attività di soccorso lacuali, rimessa al coordinamento dell’Ufficio della Guardia Costiera del Lago, che collabora con i Comandi dei Vigili del Fuoco di Riva del Garda, di Bardolino e di Salò, e quelli della Polizia di Stato di Riva del Garda e di Peschiera, nonché con i Carabinieri di Torri del Benaco e della Guardia di Finanza di Salò, supportate nel periodo estivo anche dalle idroambulanze del 118 di Bardolino e di Desenzano e delle varie unità della Protezione Civile presenti sul Lago di Garda.Presente all’incontro anche il Segretario della Comunità del Garda Dott. Pierlucio CERESA, che ha messo in collegamento telefonico anche il Presidente della Comunità del Garda Ministra Mariastella GELMINI, che ha voluto personalmente salutare i vertici della Guardia Costiera e i Prefetti presenti, evidenziando La funzionalità del servizio reso in termini di soccorso e coordinamento delle attività di soccorso in acqua. A latere dell’incontro, l’Ammiraglio Carlone ha avuto altresì modo di incontrare il personale in forza al Nucleo, ringraziandolo per il prezioso servizio reso in quell’area interna strategica della penisola.

  • Il Prefetto Marittimo del Mediterraneo in visita al Comando Generale
    on 12 Maggio 2022 at 3:43

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaLo scorso 5 maggio il Prefetto Marittimo francese per il Mar Mediterraneo, l'Ammiraglio di Squadra Gilles Boidevezi, ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, accolto dal Comandante Generale, l'Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone.Dopo il tradizionale saluto di benvenuto, in un incontro al quale hanno preso parte anche i Capi Reparto ed i Capi degli Uffici di Staff del Comando Generale, il Prefetto ha potuto assistere a una presentazione sui diversi scenari in cui opera la Guardia Costiera italiana, con un particolare focus sulle attività operative di ricerca e soccorso in mare, di tutela dell'ambiente marino e di sicurezza della navigazione e dei traffici marittimi. L'importante momento di confronto ha permesso di approfondire la conoscenza reciproca, a beneficio di future progettualità condivise in settori marittimi di reciproco interesse.L'incontro è poi proseguito presso la Centrale Operativa, sede dell'Italian Maritime Rescue Coordination Centre, dove sono stati mostrati al Prefetto i moderni sistemi e le tecnologie che permettono al Corpo di assolvere ai propri compiti istituzionali.A conclusione della visita, l'Ammiraglio Boidevezi ha ringraziato l'Ammiraglio Carlone per l'accoglienza ricevuta, esprimendo - al contempo - parole di vivo apprezzamento per il lavoro svolto dalla Guardia Costiera italiana in favore della collettività.

  • A Bari la Guardia Costiera promuove la cultura del mare.
    on 10 Maggio 2022 at 13:11

    Categoria: Attività, EventiLuogo: BariSi è svolta quest'oggi a Bari, nella sala conferenze del Castello Svevo, la presentazione del libro "Il Navigar dei Santi" del giornalista Giuseppe Mazzarino, settima pubblicazione della collana “Storie di mare” edita  dalle Edizioni All Around e curata dal Comando generale della Guardia Costiera.L'evento - moderato dal Capo Ufficio Comunicazione della Guardia Costiera, il Comandante Cosimo Nicastro, e dal Direttore della Gazzetta del Mezzogiorno, dott. Oscar Iarussi - ha visto la partecipazione del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Nicola Carlone, e del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. In apertura hanno rivolto un cenno di saluto al pubblico il Sindaco di Bari, ing. Antonio Decaro e il Direttore Marittimo della Puglia e Basilicata Jonica, Contrammiraglio Vincenzo Leone.Nell'introdurre l'argomento della giornata, si sono ripercorse le pubblicazioni edite sino ad oggi nell'ambito della Collana "Storie di mare", che intende sostenere l'impegno delle istituzioni a difesa dell'ambiente e del mare, raccontandone storia, tradizioni e cultura. Il "Navigar dei Santi", infatti, contribuisce a narrare le tradizioni popolari di un territorio e il suo profondo legame con il mare.L'opera del giornalista Giuseppe Mazzarino, come egli stesso ha sottolineato nel proprio intervento, porta a conoscere la Puglia attraverso un viaggio virtuale fra Oriente e Occidente, raccontando di Santi venuti dal mare in un alternarsi di cronache e leggende e illustrando le oltre 30 processioni a mare che si svolgono nella regione.Due sono le figure in particolare risalto - quelle di San Nicola di Myra, patrono di Bari e San Cataldo, patrono di Taranto: la prima simbolo di una connessione fra Cristianesimo d'Occidente e d'Oriente e la seconda che - secondo la leggenda - sarebbe giunta dall'Irlanda e che in realtà affonda le sue radici nella presenza longobarda in Puglia.Oggi, il legame tra la ritualità in mare e la Guardia Costiera si esplicita nella tutela della sicurezza delle numerosissime processioni che si svolgono nei nostri mari. "Le Capitanerie di porto in questi contesti - ha dichiarato l'Ammiraglio Carlone, autore della prefazione del libro - sono chiamate a fare da garanti della sicurezza della navigazione, in  una cornice di solennità e tradizione che abbraccia e accomuna la quasi totalità delle comunità costiere italiane."Nell'occasione, con alcuni dati, è stato ricordato al pubblico che la sicurezza della navigazione rappresenta uno dei principali compiti istituzionali affidati dalle leggi dello Stato alla Guardia Costiera. Infatti, nel 2021, sono stati oltre 6000 i procedimenti per il rilascio di certificati di sicurezza a navi italiane, 1360 le ispezioni a bordo delle navi straniere approdate nei porti italiani, di cui 140 fermate fino al ripristino delle condizioni di sicurezza di bordo.Tali attività restituiscono l'impegno della Guardia Costiera italiana – riconosciuto in tutti i consessi internazionali - nel garantire la sicurezza di pescherecci, mercantili e le navi passeggeri nonché delle infrastrutture portuali. In chiusura, nel plaudere all'impegno della Guardia Costiera, il Presidente della Regione Puglia, Dott. Michele Emiliano, autore dell'introduzione del libro, ha altresì sottolineato il valore dei Santi pugliesi venuti dal mare, la cui vicenda storica è oggi più che mai d'attualità in una dimensione di costruzione della pace.

  • Lowrance insieme a Spazzapnea in un evento di sensibilizzazione sulla salvaguardia dell’ecosistema marino
    by Luca on 9 Maggio 2022 at 11:53

    Milano. – Lowrance®, brand leader mondiale nell’elettronica nautica per la pesca dal 1957, da sempre vicino agli appassionati del mare e sempre più impegnato nelle iniziative di valorizzazione dell’ambiente marino e dell’ecosistema, sarà al fianco della quarta edizione 2022 di Spazzapnea – Operazione fondali puliti. Presentata all’Eudi Show di Bologna da due atleti ambassador Lowrance,

  • Siglato Protocollo d’intesa tra Guardia Costiera e Le Misericordie
    on 8 Maggio 2022 at 6:18

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaÈ stato sottoscritto lo scorso venerdì 6 maggio, un protocollo tra la Guardia Costiera e le Misericordie d’Italia, nell’ottica del potenziamento di una rete di assistenza di carattere sanitario che supporta le diverse attività dei Comandi territoriali della Guardia Costiera nei molteplici e diversi scenari operativi, che già vanta altre importanti sinergie e collaborazioni.Alla luce del nuovo protocollo, l’area emergenze delle Misericordie potrà infatti essere integrata, a livello locale, nazionale e internazionale, nelle attività di ricerca e soccorso in mare, svolte sotto il coordinamento delle Autorità marittime e del Comando generale delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera.A sottoscrivere il protocollo d’intesa, il presidente nazionale della Confederazione nazionale delle Misericordie, Domenico Giani e il Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Nicola Carlone, prevedendo così l’imbarco di personale delle Confraternite per il supporto sanitario su unità aeronavali della Guardia costiera.L'accordo prevede, inoltre, da una parte lo sviluppo a cura delle Misericordie, di programmi formativi in favore del personale delle Capitanerie di porto con specifico riguardo all’ambito sanitario (primo Soccorso, BLS-D), nonché alle materie della Protezione Civile e del disaster management, e dall'altra la formazione del personale delle Misericordie a cura della Guardia Costiera sulle le normative di sicurezza della navigazione e sulle procedure da osservare in caso di emergenza.“Il protocollo odierno apre la strada ad un lungo percorso di collaborazione con un’organizzazione ricca di storia al servizio della persona in condizione di fragilità – ha sottolineato l’Ammiraglio Carlone, Comandante generale della Guardia Costiera – che sarà fonte di costruttive sinergie nelle molte attività operative che caratterizzano le missioni della Guardia Costiera al servizio della collettività e di chi è in pericolo in mare: la nostra missione a salvaguardia della vita umana in mare, da oggi, potrà così contare anche su di un partner importante come i volontari delle Misericordie d’Italia”.“Con le nostre 780 sedi operative sul territorio nazionale – ha dichiarato il presidente nazionale delle Misericordie Domenico Giani - riusciremo a garantire un capillare supporto alle Capitanerie di Porto, offrendo il nostro importante know-how nel campo dell’area delle emergenze. Abbiamo scelto di essere anche noi “a bordo” per fornire un contributo al supporto sanitario nelle emergenze in mare: una nuova sfida che ci rende orgogliosi e rappresenta un ulteriore importante impegno al servizio del Paese in collaborazione con una importante istituzione pubblica conosciuta dai cittadini per il ruolo indispensabile nella tutela della sicurezza in mare”.

  • IL NUMERO DI MAGGIO È IN EDICOLA
    by Luca on 3 Maggio 2022 at 6:00

    Il nostro numero del mese si apre con lo speciale EUDI: 15 pagine tutte dedicate all’edizione della fiera di settore dopo i rinvii determinati dall’emergenza COVID. A seguire per la rubrica “È capitato anche questo…”, il nostro Gherardo Zei incontra Giuseppe Preiti. Sempre Gherardo è autore dell’inchiesta sulle sofferenze del bassofondo dei nostri mari.  Faremo poi un

  • Il Comandante Generale incontra l'Ambasciatore d'Italia a Malta
    on 2 Maggio 2022 at 9:57

    Categoria: EventiLuogo: Malta​Nelle giornate del 27 e 28 aprile 2022, si è tenuta la visita a Malta del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, nel quadro del primo "Leonardo Helicopters Search & Rescue" workshop dove ha partecipato anche un elicottero della Guardia Costiera AgustaWestland AW139, specializzato in missioni di ricerca e salvataggio, rilevamento degli inquinamenti marini, e svolgimento di evacuazioni mediche d'urgenza.Il Comandante Generale ha colto l'occasione anche per incontrare l'Ambasciatore d'Italia a Malta, S.E. Fabrizio ROMANO e il Brigadier Jeffrey CURMI, Capo delle Forze Armate Maltesi.Nel corso delle visite istituzionali, ha inoltre fatto visita all'equipaggio della nave multiruolo della Guardia Costiera "Luigi Dattilo" in sosta a La Valletta.Durante la mattinata del 28 aprile, una delegazione composta da 14 frequentatori di differenti nazionalità del prestigioso "IMO International Maritime Law Institute" del campus dell'Università di Malta, è stata accolta dal comandante della Nave Dattilo Antonio Miniero che ha illustrato le capacità operative della nave dotata di ponte di volo ed equipaggiamenti per la tutela dell'ambiente marino, oltre a sensori e mezzi per le attività di soccorso nelle acque internazionali.Lo scopo degli incontri del vertice della Guardia Costiera rientra nel quadro delle attività di cooperazione e sviluppo volte a rafforzare le funzioni di guardia costiera con i Paesi del Mediterraneo. 

  • 1942-2022. Gli ottant’anni del Codice della navigazione tra passato, presente e futuro
    on 26 Aprile 2022 at 6:06

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaNella ricorrenza esatta dell’80esimo anniversario dalla data della sua entrata in vigore, il 21 aprile scorso si è svolto a Roma, presso la Facoltà di Giurisprudenza della Sapienza Università di Roma, il Convegno “1942-2022. Gli ottant’anni del Codice della navigazione: passato, presente e futuro”: giornata inaugurale di una serie di eventi e approfondimenti tematici dedicati a questo importante strumento normativo del mondo marittimo e aereo italiano, che abbracceranno l’intero anno 2022.L'Iniziativa, nata da un'idea dal Comando generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, si è potuta realizzare  grazie alla stretta sinergia con le competenti strutture Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile e le Cattedre di Diritto della Navigazione delle Università “Sapienza” di Roma (con i prof.ri Zampone e Tullio), dell’Università di Cagliari (con i Prof.ri Deiana e Piras) e di Udine (con il Prof. Antonini).Nella giornata inaugurale, alla quale hanno preso parte i massimi esponenti del cluster marittimo-portuale e aereo nazionale e rappresentanti delle magistrature superiori sia ordinaria che amministrativa nonché l’Avvocato generale dello Stato, il Comandante generale ha avuto modo di evidenziare,  in apertura, come, “a distanza di 80 anni dalla sua promulgazione il Codice della navigazione continua a rappresentare uno strumento fondamentale per gli operatori, pubblici e privati, di un comparto sempre più determinante per l'economia del Paese.Numerosi i temi toccati sia dagli operatori del settore, che, ancor più approfonditamente, dagli illustri docenti che hanno svolto apposite relazioni, i professori Tullio, Antonini e Zunarelli: dall’attuale dimensione globale delle esigenze trasportistiche e logistiche del cluster marittimo, alle necessarie implicazioni di sicurezza, ambientali e di sostenibilità della navigazione in sè, come fenomeno tecnico, e del trasporto marittimo, quale fatto commerciale; dalla necessità di competitività del settore quale fattore essenziale di ripresa e resilienza del nostro paese, alle sfide poste dalle nuove tecnologie (la navigazione dei mezzi autonomi) e dalle nuove frontiere del trasporto aereo (gli spazi suborbitali e il diritto “cosmico”). Tutti temi che pongono alle Istituzioni di riferimento della “funzione marittima italiana”, agli studiosi del settore ed agli stakeholders la necessità di confrontarsi su quanto ha rappresentato il codice in questi 80 anni e su come esso possa continuare a rappresentare, con le opportune e mirate modifiche e integrazioni, quel compendio di norme unitario, organico, dinamico ed efficace anche per gli anni a venire.Le conclusioni sono state affidate all'intervento del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, prof. Enrico Giovannini che, pur prendendo atto delle legittime aspettative di revisione generale del codice venute dagli interventi degli operatori del settore, ha sottolineato l'esigenza di definire anzitutto un metodo di lavoro che, partendo dalla individuazione dei bisogni più urgenti e concreti, consenta di individuare soluzioni adeguate per una riforma che duri nel tempo e consenta al Codice di rimanere al passo con i tempi e con le mutate esigenze .E proprio nel segno di tali indicazioni del Ministro, nella prospettiva voluta dagli organizzatori, alla giornata inaugurale di Roma, seguiranno altre due Convegni di mirato approfondimento tematico: il primo a Cagliari, il 9 giugno prossimo che sarà dedicato all’ “Ordinamento amministrativo della navigazione marittima”, e un secondo a Trieste che, invece, sarà dedicato ai “Contratti di utilizzazione della nave e dell’aeromobile”A questi seguirà, infine, un momento di sintesi e di proposizione dei risultati che le varie giornate di studio avranno prodotto, nell’ambito di un evento conclusivo in programma il 18 novembre, nuovamente a Roma in quella che dovrebbe essere una sede istituzionale di livello parlamentare.

  • Il Ministro Giovannini in visita alla Direzione Marittima di Bari
    on 22 Aprile 2022 at 9:41

    Data: 22/04/2022 00:00:00Categoria: Attività, EventiLuogo: BARI​Lo scorso mercoledì 20 aprile, il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Prof. Enrico GIOVANNINI, ha fatto visita alla Capitaneria di porto di Bari – sede di Direzione Marittima, ove è stato ricevuto dal Direttore Marittimo della Puglia e della Basilicata Jonica - Contrammiraglio (CP) Vincenzo LEONE. Dopo la resa degli onori, la visita è proseguita con un breafing di presentazione sulle principali tematiche portuali e con la rituale dedica sul "libro d'onore" da parte del Ministro, che ha espresso parole di ringraziamento e apprezzamento del lavoro svolto dal personale della Guardia Costiera in Puglia. La visita si è conclusa con l'imbarco sulla motovedetta CP263 della Guardia Costiera, a bordo della quale il Ministro ha avuto contezza dell'assetto logistico ed operativo del Porto del capoluogo pugliese, unitamente alle principali linee di sviluppo che lo interesseranno nel prossimo futuro

  • Il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali in visita al Comando Generale.
    on 20 Aprile 2022 at 13:43

    Categoria: Eventi, AttivitàLuogo: Roma​"Un sentito ringraziamento alle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera e a tutti gli uomini e le donne del Corpo che quotidianamente operano e si adoperano per la salvaguardia della vita umana e per la tutela della legalità in mare".Queste le parole del Senatore Stefano Patuanelli, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, in visita nella giornata odierna al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera. Accolto dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, dopo un briefing illustrativo delle linee di attività che caratterizzano l'operato del personale del Corpo, il Ministro ha avuto modo di visitare il Centro Operativo Nazionale e apprezzare l'azione di vigilanza espletata dalla Guardia Costiera sul naviglio da pesca, attraverso i più moderni sistemi di monitoraggio, quali – ad esempio – la piattaforma digitale GIANO, che permette di seguire le attività di controllo pesca svolte su tutto il territorio nazionale e di monitorare la flotta peschereccia nazionale dotata di sistema di localizzazione satellitare (VMS - Vessel Monitoring System).Al termine dell'incontro, il Ministro Patuanelli ha espresso parole di vivo apprezzamento per l'attività svolta ed ha ringraziato l'Ammiraglio Carlone per l'accoglienza ricevuta, per l'importante lavoro svolto dalla Guardia Costiera nell'attività di vigilanza sull'intera filiera ittica e per il costante supporto che questa garantisce, a livello centrale e territoriale, all'intero settore della pesca, prezioso tassello dell'economia del Paese.

  • Premio alla carriera del CONI per il Sottocapo Matteo Signani
    on 12 Aprile 2022 at 14:07

    Categoria: Eventi, AttivitàLuogo: RomaLa sera dello scorso 7 aprile, nella prestigiosa location del Salone d'onore del CONI a Roma, si è svolta la cerimonia del "premio Giuliano Gemma & FPI Awards", giunto alla sua V edizione. Il Premio, patrocinato dal Coni e, tra gli altri, dal Consiglio Regionale del Lazio, dalla Regione Marche e da Roma Capitale, riconosce i personaggi più meritevoli e rappresentativi del panorama sportivo e artistico del Paese, che anche attraverso l'esempio di Gemma, hanno saputo porsi quale esempio di integrità per le nuove generazioni.Quest'anno, il premio alla carriera è stato conferito al Sottocapo di 1^cl.Scelto Matteo Signani, in servizio alla Capitaneria di porto di Rimini, campione europeo in carica dei pesi medi di pugilato, recentemente medagliato con l'argento al valore atletico dal CONI.L'ambito riconoscimento è stato consegnato a Signani dal Presidente del Coni Giovanni Malagò, davanti a una gremita platea di pubblico e ospiti illustri, per la seguente motivazione, letta nell'occasione dal giornalista e conduttore RAI Andrea Fusco, moderatore dell'evento: "per lo straordinario percorso di vita e di sport, per la carriera consacrata con la performance che lo ha portato sulla prestigiosa vetta europea e per l'impegno profuso sul ring e nel sociale. Atleta e uomo portatore di valori e sani principi trasmessi con grande capacità comunicativa e senso di responsabilità".Alla prestigiosa serata di premiazione hanno altresì partecipato, tra gli altri, anche il Presidente della Croce Rossa e della IFRC Avv. Francesco Rocca, il Sottosegretario Cultura e Sport del Pontificio Consiglio della Cultura Mons. Melchor Sanchez de Toca, il Vicepresidente Vicario CONI Silvia Salis, l'On. Giusy Versace ed il Presidente dell'Osservatorio Nazionale Bullismo e Disagio Giovanile Luca Massaccesi.Nell'occasione, è stato anche menzionato l'Ufficio Comunicazione del Comando generale della Guardia Costiera, che in questi anni ha raccontato il "suo" atleta, sottolineandone senso di appartenenza all'Istituzione e valori sportivi. 

  • 11 aprile, “Giornata del mare e della cultura marinara”
    on 11 Aprile 2022 at 13:30

    Categoria: Attività, EventiLuogo: CivitavecchiaSono state le celebrazioni svolte questa mattina al porto di Civitavecchia ad aprire - idealmente e simbolicamente - il più ampio programma di attività ed eventi promossi, in parallelo, su tutto il territorio nazionale per la "Giornata del mare", mirati a sensibilizzare i giovani e gli utenti del mare sui principi della sicurezza in mare e della tutela ambientale.Istituita nel 2017 attraverso una specifica integrazione del Codice della nautica da diporto, la “giornata del mare e della cultura marinara” ricorre l’11 aprile di ogni anno e vede il Ministero dell’Istruzione e la Guardia Costiera impegnati nell’obiettivo di promuovere e sviluppare presso gli istituti scolastici di ogni ordine e grado la cultura del mare, intesa come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico. L'evento è stato presenziato dalla Sottosegretaria al Ministero dell’Istruzione, Sen. Barbara Floridia e dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, con il giornalista e conduttore televisivo Massimiliano Ossini - recentemente nominato Primo Ambassador dall’Osservatorio Nazionale per la Tutela del mare - a condurlo quale testimonial d'eccezione, affiancato sul palco dal Capo Ufficio Comunicazione della Guardia Costiera, Comandante Cosimo Nicastro.Presenti anche le massime autorità locali, oltreché il Direttore marittimo del Lazio e Comandante del porto di Civitavecchia, Comandante Filippo Marini.La cerimonia ha coinvolto i vincitori del concorso nazionale “La cittadinanza del mare” (*Elenco istituti vincitori), con gli oltre 400 studentesse e studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del Lazio che vi hanno partecipato ed erano "in presenza" oggi a Civitavecchia, ed è stato seguito invece in diretta streaming sui canali social del Ministero e della Guardia Costiera dagli altri istituti d'Italia vincitori del concorso, coinvolte in analoghe cerimonie organizzate dai Comandi regionali della Guardia Costiera.Proprio il concorso - giunto alla sua terza edizione e volto a promuovere una cittadinanza del mare per studentesse e studenti tutori della conservazione e della valorizzazione di un bene vitale per il pianeta e promotori della sua cultura - testimonia l’ormai consolidata collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione e il Comando Generale della Guardia Costiera e, legandosi simbolicamente all'importante ricorrenza nazionale celebrata quest'oggi, ha trattato quest'anno il tema dei cambiamenti climatici, della sostenibilità e degli effetti sull’ambiente costiero e sulle comunità che vivono in prossimità del mare.L'importante momento formativo odierno - organizzato in collaborazione con la Regione Lazio, rappresentata quest’oggi dalla Consigliera regionale Marietta Tidei - si è peraltro inserito nell'ambito di "RiGenerazione Scuola", il Piano del Ministero per la transizione ecologica e culturale delle scuole, con l’obiettivo di educare i più giovani ad abitare il mondo in modo nuovo e più rispettoso, ponendo attenzione ai temi ambientali e alla sostenibilità e sostenendo di riflesso la cultura del mare."Ho trovato i progetti premiati davvero molto interessanti, raccontati con entusiasmo sia dagli studenti che dai docenti. – Ha affermato la Senatrice Floridia - Educare i ragazzi alla cittadinanza del mare deve essere una priorità per costruire insieme un nuovo modello abitativo."“Parlare ai giovani – ha chiosato l’Ammiraglio Carlone – equivale ad investire sul nostro futuro, poiché loro saranno i custodi dell’immenso patrimonio che è il nostro mare. A tutti noi, però, spetta il delicato compito di tutelarlo, consegnandolo loro intatto, così come ce lo hanno consegnato i nostri predecessori. È questa una delle missioni più importanti che la Guardia Costiera porta avanti – ben oltre i compiti affidatigli dalle leggi dello Stato – ma in virtù di un senso di responsabilità proprio di una Organizzazione vicina ai cittadini, dalla parte dell’ambiente”.Infine, ad arricchire ulteriormente la mattinata culturale civitavecchiese, l’esecuzione di alcuni brani musicali presso il terminal crociere “A.Vespucci” a cura di studentesse e studenti dei licei musicali del mare, “Chris Cappel College” di Anzio e “Galileo Galilei” di Civitavecchia, oltreché l’esecuzione di una simulazione complessa di “recupero uomo a mare”, operata da motovedette, elicottero ed aerosoccorritori della Guardia Costiera nelle acque antistanti il porto laziale, per sensibilizzare ulteriormente i giovani spettatori sull’importanza della sicurezza in mare.

  • L’ammiraglio Carlone in Grecia incontra il Ministro della marina mercantile e della politica insulare e il Comandante Generale della Guardia Costiera
    on 7 Aprile 2022 at 12:19

    Categoria: EventiLuogo: Grecia​Lo scorso lunedì, 4 aprile 2022, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, accompagnato da una delegazione del Comando Generale composta dal Capo 3° Reparto – Piani e Operazioni, Contrammiraglio Giuseppe AULICINO e dal Capitano di Vascello Claudio MANGANIELLO – Capo Ufficio Affari Internazionali, si è recato ad Atene, dove è stato accolto dal Vice Admiral (HCG) Georgios ALEXANDRAKIS, recentemente nominato Comandante Generale della Guardia Costiera ellenica, per poi essere ricevuti con l'Ambasciatrice d'Italia in Atene, Patrizia FALCINELLI, dal Ministro della marina mercantile e della politica insulare, Ioannis PLAKIOTAKIS. Scopo della visita è stato quello di rafforzare i rapporti tra le due amministrazioni nell'ambito delle funzioni di Guardia Costiera in ambito europeo. L'incontro tecnico ha messo in evidenza come sia sempre più convergente e costruttiva la cooperazione sia a livello bilaterale (in attuazione degli accordi di Ancona 2000 in materia di ricerca e soccorso in mare e di sistemi di monitoraggio e controllo del traffico marittimo) sia con le principali Agenzie Europee: EMSA, EFCA e FRONTEX, proprio per le similitudine delle funzioni svolte dalle Guardie Costiere.L'amm. Carlone nel suo intervento ha valorizzato il ruolo della Guardia Costiera greca che svolge molteplici compiti del tutto simili a quella italiana e che la collaborazione tra le due amministrazioni si è consolidata nel tempo conseguendo eccellenti risultati per la sicurezza marittima.Nell'occasione, il Comandante Generale ha incontrato gli equipaggi delle Navi Fiorillo e De Grazia, della Guardia Costiera italiana, in sosta tecnica al porto di Rodi per la partecipazione nell'ambito dell'operazione congiunta "Poseidon" - coordinata dall'Agenzia Europea di Guardia di Frontiera e Guardia Costiera (Frontex - European Border and Coast Guard Agency), che prevede il supporto alle Autorità greche per il controllo delle frontiere esterne europee, la salvaguardia della vita umana in mare e il contrasto ai crimini transnazionali. Durante la sosta a Rodi, Nave Fiorillo e Nave De Grazia hanno ricevuto la visita dell'Ambasciatrice d'Italia in Atene, Patrizia Falcinelli e della delegazione del Comando Generale. L'Ambasciatrice, nel suo indirizzo di saluto, ha ringraziato la Guardia Costiera per il contributo fornito nella missione europea per il controllo delle frontiere esterne europee e, in particolare per la salvaguardia della vita umana in mare, esprimendo vivo apprezzamento per le attività operative svolte anche dalla componente aerea, che ha potuto apprezzare durante il volo da Atene a Rodi a bordo del velivolo ATR42 in assetto maritime patrol.Tra gli illustri ospiti presenti a bordo, anche il Governatore di Rodi Georgios CHATZIMARKOU, il Sindaco di Rodi Antonis KAMBOURAKIS e il parlamentare Emmanuli KONSALOS, il Comandante del 8° Comando Regionale della Guardia Costiera greca Pantelis CHAMETIS.

  • Aspettando la “Giornata del mare e della cultura marinara”, presentato a Bisceglie il libro "Sotto le stelle del Giglio. Il naufragio della Costa Concordia”
    on 6 Aprile 2022 at 12:01

    Categoria: EventiLuogo: BisceglieQuest’oggi - nell’ambito delle iniziative promosse in vista della “Giornata nazionale del mare e della cultura marinara” che si terrà il prossimo 11 aprile - nella splendida cornice del teatro Politeama di Bisceglie, si è svolto l’evento di presentazione dell’opera “Sotto le stelle del Giglio” dello scrittore e sceneggiatore pugliese Salvatore De Mola. L’evento, che ha visto la partecipazione del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, e delle massime autorità locali, è stato impreziosito - in apertura - dall'esecuzione dell'Inno Nazionale a cura di un’orchestra composta da alcuni alunni dell’Istituto “Riccardo Monterisi” di Bisceglie.A introdurre l’evento, il Capo Ufficio Comunicazione della Guardia Costiera, il Comandante Cosimo NICASTRO, che dopo aver rivolto un indirizzo di saluto alle autorità e agli oltre 400 studenti presenti in sala, ha passato la parola al Sindaco di Bisceglie, il Dott. Angelantonio ANGARANO, per gli onori di casa.L'iniziativa virtuosa ha messo così al centro i giovani nella promozione della cultura del mare quale patrimonio ambientale, economico, storico.Ad accompagnare il Comandate Nicastro nel "viaggio culturale", la Dott.ssa Chiara SPAGNOLO, giornalista de "La Repubblica". Intenso il programma di contenuti che hanno arricchito la presentazione, con il coinvolgimento del Contrammiraglio Vincenzo LEONE, Direttore Marittimo della Puglia e Basilicata Jonica, che ha raccontato l'impegno comune tra Guardia Costiera e l'Ufficio Scolastico Regionale pugliese per promuovere, in occasione della ricorrenza nazionale, una intera "settimana blu", con una serie di iniziative dedicate al mare che coinvolgeranno le quattro città rivierasche della BAT (la cui costa rientra nella giurisdizione della Capitaneria di porto di Barletta), con incontri rivolti alle scolaresche di Margherita di Savoia, Barletta, Trani e Bisceglie.L’evento è poi entrato nel vivo con la presentazione del progetto editoriale "Storie di mare", curato dal Comando Generale della Guardia Costiera in collaborazione con le Edizioni All Around, di cui il romanzo “Sotto le stelle del Giglio” è l'ultimo numero. Un progetto, quello della collana, che in poco meno di due anni ha portato alla pubblicazione di ben sei titoli, con l'obiettivo - ha dichiarato il Comandante Nicastro, suo Direttore editoriale - di investire su un percorso culturale volto a preservare la memoria del nostro mare e a riconoscere il valore di chi, nel tempo - come le donne e gli uomini della Guardia Costiera -  lo ha protetto e tutelato.Quindi è stata la volta, sul palco, di Salvatore DE MOLA, autore del libro, sceneggiatore, già premiato nel 2017 con un David di Donatello che, invitato dalla Dott.ssa Spagnolo, ha ripercorso la genesi del suo libro spiegando come, a dieci anni dal naufragio della nave Costa Concordia, abbia inteso narrare in chiave romanzata gli avvenimenti di quella tragica notte.A cadenzare il racconto dell’autore, con la recita di alcuni suggestivi passaggi dell'opera, l’attore pugliese Antonio PALUMBO.Infine, ad arricchire ulteriormente il racconto sugli eventi del Concordia, si è aggiunta la testimonianza dell’Ammiraglio Ilarione DELL'ANNA, già Comandante della Guardia Costiera di Livorno durante il drammatico evento, che ha ripercorso quei momenti per poi divenire protagonista, in chiave romanzata, dello stesso racconto.A conclusione dell’evento, il Comandante Generale, Ammiraglio Carlone, invitato dalla Dott.sa Spagnolo, ha preso la parola ricordando quanto già aveva espresso nella sua prefazione al libro: “La storia della nave Costa Concordia” ha detto “è una vicenda che ha messo a dura prova il dispositivo di emergenza del Paese, misurandone le capacità operative e quelle decisionali.La tecnologia, oggi sempre più, ci supporta nella delicata e fondamentale attività di monitoraggio, mettendoci in condizione di capire ciò che accade in mare.Tecnologia a cui si uniscono la specificità delle nostre competenze e la professionalità specialistica delle nostre figure operative, che in circostanze drammatiche come quella rivissuta oggi, sono elementi determinanti".

  • La Guardia Costiera partecipa all'EUROPEAN DIVE SHOW
    on 5 Aprile 2022 at 4:42

    Categoria: Attività, EventiLuogo: GenovaAnche quest’anno la Guardia Costiera partecipa all'EUROPEAN DIVE SHOW, che si svolge a Bologna dal 1 al 3 aprile.Alla più importante manifestazione europea dedicata al mondo della subacquea - giunta alla sua 28^ edizione - sono stati diversi gli eventi che hanno coinvolto le donne e gli uomini della Guardia Costiera.All'interno del proprio stand istituzionale, per tutta la manifestazione, il personale della componente subacquea del Corpo ha incontrato i visitatori per condividere utili informazioni e consigli rivolti ad aumentare la sicurezza dei tanti appassionati della subacquea.Ma non solo. Nel primo pomeriggio della giornata odierna, sul palco dell’Assosub ha avuto luogo l’evento denominato “La tecnologia per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente marino”, dove insieme a diversi partner, la Guardia Costiera si è confrontata sul ruolo sempre più determinante della tecnologia al servizio dell’ambiente.In apertura, il Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale della Guardia Costiera - il Capitano di Vascello Cosimo NICASTRO - ha presentato i risultati dell’operazione "Reti fantasma", una campagna ambientale avviata nel 2019 su mandato dell’allora Ministero dell’Ambiente, oggi Ministero della Transizione Ecologica, che vede la Guardia Costiera coordinare tutte le attività che si svolgono lungo le coste del nostro Paese, finalizzate al recupero delle reti fantasma abbandonate volontariamente o accidentalmente sui fondali marini.«Le reti fantasma» ha spiegato il Comandante Nicastro «rappresentano una vera e propria emergenza ambientale, non solo perché disperdono nell’habitat marino le micro-particelle sintetiche delle quali sono composte, ma anche perché costituiscono dei veri e propri “muri della morte” nei quali rimangono intrappolati molti pesci, anche di specie ittiche protette. Senza considerare, poi, il pericolo concreto che le stesse rappresentano per la sicurezza di sub e bagnanti. In circa tre anni di attività» ha proseguito Nicastro, «36 sono state le tonnellate di reti recuperate dai nuclei sub della Guardia Costiera, una quantità pari a circa 1 milione e 300mila bottiglie».L’evento è poi proseguito con la presentazione del progetto BlueReporter, una nuova campagna ambientale promossa da Marevivo con il supporto della Guardia Costiera. Massimiliano FALLERI, referente Divisione Sub di Marevivo, sul palco dell’Assosub ha spiegato la natura del progetto: monitorare e, laddove possibile, recuperare i rifiuti accumulati sui fondali. Attraverso l’app “Boating” di Navionics – già disponibile per i sistemi Android e iOS – sarà infatti possibile inviare a Marevivo le segnalazioni sulla presenza, la tipologia e la posizione dei rifiuti rilevati. Per farlo basterà scaricare l’app, creare un marker alle coordinate del punto di avvistamento e condividerlo con l’account dell’Associazione attraverso l’apposita funzione. Le segnalazioni ricevute andranno a costituire un database che Marevivo condividerà con la Guardia Costiera, partner del progetto, al fine di valutarne congiuntamente il possibile recupero.«La difesa dell’ambiente marino rappresenta uno degli obiettivi primari della Guardia Costiera italiana» ha sottolineato il Comandante Nicastro. «La campagna "BlueReporter" costituisce un importante, ulteriore, tassello verso la partecipazione e il coinvolgimento della società civile nell’attività di salvaguardia del nostro mare. Da oggi, grazie a Marevivo e alla tecnologia messa in campo dall’app “Boating”, abbiamo a disposizione un ulteriore strumento che ci permetterà di monitorare la salute del nostro mare e garantire, al contempo, la sicurezza della navigazione.”La presenza di tanti operatori del settore è stata l’occasione per illustrare, la campagna "Mare Pulito", che si svolgerà il prossimo 8 giugno in occasione della Giornata mondiale degli oceani. In quella data, come ormai da due anni a questa parte, centinaia di subacquei volontari, si immergeranno nelle darsene e nei porticcioli di diverse regioni costiere d'Italia, dando vita alla più importante giornata di pulizia dei fondali mai realizzata in Italia, organizzata dalla Guardia Costiera - che assicurerà una cornice di sicurezza alle operazioni – e dal progetto europeo "Clean Sea LIFE", rappresentato sul palco dalla dott.ssa Eleonora DE SABATA. Lo scopo è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della sostenibilità ambientale in difesa degli ecosistemi marini e costieri, ma anche di raggiungere obiettivi importanti e concreti, come la raccolta di rifiuti dal mare, basti pensare che, tra il 2020 e il 2021, di più di 20 tonnellate di rifiuti sono stati recuperati dai fondali marini di tutta l’Italia.A conclusione dell’evento, è stato dato spazio al progetto “Il mare, tra passato e presente”, incentrato sulla valorizzazione del patrimonio archeologico sommerso nazionale, della cui tutela e protezione si occupa, tra le diverse funzioni istituzionali, la Guardia Costiera.Nato da una collaborazione con il Parco archeologico di Ostia antica, questo progetto prevede la valorizzazione del patrimonio archeologico sommerso attraverso filmati realizzati dai nuclei sub della Guardia Costiera durante l’attività operativa e resi fruibili a tutti attraverso l’impiego della tecnologia della “realtà virtuale”.Gli spettatori potranno immergersi - attraverso l’utilizzo di visori a 360° - nelle profondità dei nostri mari, al fianco dei subacquei della Guardia Costiera, per ammirarne i tesori sommersi e conoscerne i dettagli storici, divulgati attraverso una voce narrante che accompagna il visitatore lungo il percorso virtuale.Sul palco per l’occasione, il Capitano di Corvetta Giuseppe GIANNONE, Capo del Nucleo Sub Guardia Costiera di Napoli, che ha raccontato l’esperienza vissuta per realizzazione della prima immersione virtuale svolta presso il Parco Archeologico sommerso di Baia (Pozzuoli). Il Dott. Enrico GALLOCCHIO, archeologo del Parco, presente all’evento, ha ringraziato - anche a nome del Direttore Fabio Pagano - la Guardia Costiera per questa importante iniziativa, utile per rendere ancora più accessibile e vicina alla collettività realtà di assoluto pregio culturale e storico, come il Parco di Baia.  Durante l’Eudi show tutti i visitatori avranno la possibilità di vivere quest’esperienza virtuale presso lo stand istituzionale della Guardia Costiera.Evento in collaborazione con AlmavivA S.p.A.

  • Il Comandante Generale incontra il Rettore dell'Università Aldo Moro di Bari
    on 5 Aprile 2022 at 4:27

    Categoria: Attività, EventiLuogo: BariLo scorso 1 aprile, il Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, si è recato in visita presso l’Ateneo dell’Università Aldo Moro di Bari per un incontro con il Rettore, il Prof. Stefano BRONZINI. L’occasione ha permesso di approfondire e conoscere le rispettive realtà ed è stata motivo per presentare ufficialmente un’iniziativa formativa che il Comando Generale ha affidato al Dipartimento di Biologia dell’Ateneo, sotto la responsabilità scientifica del Prof. Roberto CARLUCCI.L’Ateneo barese, infatti, organizzerà un Corso di Alta Formazione denominato “L’ambiente marino: impatti e monitoraggi dalla costa al largo” a favore di 30 Ufficiali/Sottufficiali del personale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, con  modalità di erogazione a distanza e attività on the job presso il Polo Scientifico e Tecnologico Magna Grecia di Taranto, come pure in mare per l’applicazione sul campo di campionamenti biologici, analisi chimiche e tecniche di campionamento di acque e sedimenti. Il personale del Corpo, in forza delle competenze che le leggi dello Stato affidano alle Capitanerie di porto, da sempre impegnate nella prevenzione e nell’accertamento di reati e illeciti in materia di ambiente marino e di traffici illeciti di rifiuti, ha già frequentato in precedenza corsi di Alta Formazione erogati in precedenza dallo stesso Ateneo. Quest’ultima iniziativa, oltre a rinsaldare la proficua collaborazione tra diverse Amministrazioni dello Stato, permetterà alle donne e agli uomini del Corpo di elevare ulteriormente il livello di preparazione, nell’ottica di restituire alla cittadinanza un servizio sempre più mirato al bene comune.

  • IL NUMERO DI APRILE LO TROVI IN EDICOLA
    by Luca on 4 Aprile 2022 at 6:36

    Per chi non avesse fatto in tempo a recuperare la copia di Aprile all’Eudi Show 2022, è importante sapere che può trovare la nostra uscita di Aprile in tutte le Edicole d’Italia. Questo mese Gherardo Zei ci presenta la nuova sede della Polosub: a creatura di Giuliano Tagliacozzo si è trasferita in una location più

  • Al Comando generale della Guardia Costiera, il Comitato per la sicurezza delle operazioni a mare
    on 28 Marzo 2022 at 12:58

    Categoria: Attività, EventiLuogo: Roma​In data 23 marzo 2022, presso la “Sala crisi” del Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera, si è tenuta la riunione periodica del Comitato per la sicurezza delle operazioni a mare - Comitato Offshore -. Alla riunione hanno preso parte i membri effettivi del Comitato: il Prof. Ezio Mesini, nella sua qualità di Presidente del Comitato, il Comandante generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia costiera Amm. Isp. Capo (CP) Nicola CARLONE, il Sottocapo di SM della MM Amm. Sq. Giuseppe BERUTTI BERGOTTO, il Direttore Generale del MITE DG PNM Dott. Oliviero MONTANARO, il Direttore Centrale per la prevenzione e sicurezza tecnica del Corpo Nazionale dei VV.F. Ing. Stefano MARSELLA, e in rappresentanza del MITE DG IS l’ing. Alessandra FAGIANI. Il Comitato, istituito ai sensi del D. Lgs. n° 145 del 18 agosto 2015 in recepimento della Direttiva Europea 2013/30 in materia di sicurezza delle operazioni in mare del settore degli idrocarburi e disciplinato con DPCM 27 settembre 2016, ha il compito primario di definire e attuare processi e procedure per la valutazione approfondita delle Relazioni Grandi Rischi e di tutta la specifica documentazione richiesta agli operatori Offshore e attuare le successive fasi ispettive per i 140 impianti impegnati nelle operazioni di estrazioni in mare nel settore degli idrocarburi. La riunione è stata preceduta dall’indirizzo di saluto del Comandante generale e dalla relazione tenuta dal CA. (CP) Giuseppe AULICINO, Capo del Reparto III – Piani e Operazioni - di Maricogecap sul ruolo e sulle funzioni del Corpo in materia di tutela e salvaguardia dell’ambiente marino, con un focus particolare sul dispositivo di vigilanza e monitoraggio della Guardia costiera nelle zone di mare poste sotto la giurisdizione dello Stato, a cui è poi seguita una visita presso la Centrale Operativa di Maricogecap. Nel corso della riunione sono state ripercorse in maniera sistematica le attività svolte dal Comitato negli ultimi anni, e sono stati indicati i prossimi obiettivi a breve e medio termine, rimarcando come il Comitato Offshore abbia finora garantito, attraverso una rigorosa applicazione di quanto stabilito a livello di Commissione Europea e costanti controlli da parte delle strutture all’uopo preposte – Comitati periferici -, in collaborazione con il personale degli Enti componenti il Comitato, il raggiungimento di elevati livelli di sicurezza per i lavoratori e l’ambiente. Il tutto come da Relazione prodotta a Febbraio 2022 al Parlamento sullo stato e la sicurezza delle attività minerarie in mare nel settore degli idrocarburi. I lavori si sono conclusi con l’impegno di tutti gli intervenuti a dare continuità al lavoro fin qui svolto, proprio in ragione delle finalità proprie del Comitato, al fine di consentirne una sempre più efficiente ed efficace azione in termini di valutazione Grandi rischi, sia di attività ispettiva degli impianti a mezzo dei Comitati periferici a tutela della sicurezza, sia, infine, in termini di attività di collegamento a livello europeo con le autorità competenti degli stati comunitari interessati allo sfruttamento di idrocarburi in ambito offshore.

  • Rinnovato il Protocollo d’Intesa tra Guardia Costiera e Ispettorato Centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari
    on 25 Marzo 2022 at 7:32

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaIn data 21 marzo 2022, presso la sede del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, è stato rinnovato il Protocollo d'Intesa tra il Comando Generale e l'Ispettorato Centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari. La firma è avvenuta tra l'Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE e il Capo dell'Ispettorato Dott. Felice ASSENZA. Il primo Protocollo d'Intesa, risalente al 2012, è ormai consolidato da uno stretto rapporto di collaborazione e fiducia tra le due Amministrazioni grazie alle attività svolte in questi anni.L'obiettivo di tale sinergia, mira ad accrescere le capacità e la portata di intervento delle rispettive unità, impegnate in attività di controllo, in settori definibili attigui, quali il comparto agro-alimentare, complementari o comunque connesse da aspetti legati alle rispettive attribuzioni.Il protocollo supporta cosi lo scambio tempestivo di dati e informazioni riguardo la merce agro-alimentare di interesse trasportata attraverso i vettori marittimi e ogni altro elemento utile a favorire un regime di controllo selettivo e più efficace. Attraverso una lista di merci considerate "di interesse" viene attivato il monitoraggio del trasporto e delle operazioni di movimento, quali carico, sbarco, e destinazione. Il Comando Generale si è dotato di un focal point, incardinato nel suo Reparto II - Affari giuridici e servizi d'Istituto, che assicura il necessario e tempestivo collegamento tra le due Amministrazioni, grazie anche all'istituzione di un'aliquota di personale che collabora dal 2012 al mantenimento dei rapporti diretti tra il Comando Generale e l'Ispettorato.Al contempo, lo stesso ICQRF ha istituito un focal point  che assicura il necessario collegamento tra le parti per l'attuazione del presente protocollo.L'accordo porta così Guardia Costiera e Ispettorato Centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari ad effettuare attività ispettive congiunte, con squadre miste , al fine di controllare una più ampia gamma di prodotti, agevolando così anche un'economia di risorse necessarie per l'esecuzione dei controlli.

  • L’Ammiraglio Carlone insignito della Croce di Grand’Ufficiale con Spade al merito melitense dell’ordine di Malta
    on 24 Marzo 2022 at 15:42

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaLo scorso 18 marzo il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, è stato insignito della Croce di Grand'Ufficiale con Spade al merito melitense dell'Ordine di Malta.A consegnare il prestigioso riconoscimento il Segretario Generale e Ambasciatore dell'Ordine di Malta presso la Repubblica Italiana, Ambasciatore Stefano Ronca, presso la sede dell'Ambasciata del Sovrano Ordine di Malta sita a Roma nella Villa Magistrale dell'Aventino.Il riconoscimento intende rendere merito all'impegno dell'Ammiraglio Carlone, al vertice della Guardia Costiera Italiana, che fa del soccorso in mare la sua principale "Mission" e che profonde il massimo sforzo per la tutela della vita umana, valore fondante anche per l'Ordine di Malta. "La salvaguardia della vita umana in mare è per noi la prima missione" - ha sottolineato l'Ammiraglio Carlone - "Questo riconoscimento sancisce una collaborazione che va avanti in maniera strutturata da oltre un decennio".La cerimonia è stata inoltre presenziata dal Presidente del Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta (CISOM), Dott. Gerardo Solaro del Borgo, il quale si è congratulato con l'Ammiraglio Carlone esprimendo i migliori auguri agli uomini e alle donne impegnati a proteggere la vita umana in mare, questo a testimonianza del particolare legame che unisce la Guardia Costiera e la Fondazione  CISOM – Corpo Italiano di soccorso dell'Ordine di Malta - che, in virtù di un protocollo d'intesa, vede il proprio personale a bordo delle Unità del Corpo delle Capitanerie in diversi scenari di soccorso.A concludere il momento solenne l'intervento del Direttore nazionale della Fondazione CISOM, Dott. Giovanni Strazzullo "Noi saremo sempre al fianco della Guardia Costiera, ovunque ci sia bisogno".

  • Visita d'istruzione al Comando Generale dei frequentatori dei corsi di Nomina Diretta e Ruolo Speciale
    on 23 Marzo 2022 at 15:55

    Categoria: Corsi di formazione, AttivitàLuogo: Roma​Si è svolta, presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, la visita d'istruzione dei frequentatori dei corsi Nomina Diretta e Ruolo Speciale, in formazione presso l'Accademia Navale di Livorno. Gli Ufficiali, che hanno iniziato gli studi il 27 settembre scorso, termineranno il proprio iter didattico alla fine del prossimo mese di maggio per poi proseguire con una fase di formazione esperienziale pratica, che si svilupperà in una serie di tirocini presso Comandi Territoriali del Corpo, completati da periodi di imbarco a bordo delle unità navali del Corpo.I frequentatori (5 Ufficiali Nomina Diretta e 5 Ufficiali del Ruolo Speciale) sono stati accolti dal Capo del I Reparto Ammiraglio Antonio Ranieri e successivamente hanno proseguito le attività presso il Reparto piani e operazioni ove hanno avuto modo di visitare il Centro Operativo Nazionale del Comando Generale e osservare i principali sistemi di monitoraggio e controllo del traffico marittimo nonché i sistemi e le procedure impiegate nelle operazioni di ricerca e soccorso. La visita istruttiva è proseguita anche con l'illustrazione delle attività svolte dal Corpo in materia di controllo e monitoraggio pesca e ambiente mediante il Centro controllo nazionale pesca (CCNP) e il Centro controllo nazionale ambiente (CCAM).La visita si è conclusa con l'incontro con il Comandante Generale Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone che nel suo intervento si è soffermato sul ruolo del Corpo e sull'importanza dello stesso nell'economia del Paese, salutando poi i giovani Ufficiali con un augurio per un brillante futuro.

  • Il Direttore Generale della Marina Mercantile panamense in visita al Comando Generale
    on 20 Marzo 2022 at 8:35

    Luogo: Roma​Lo scorso venerdì 18 Marzo 2022, il Direttore Generale della Marina Mercantile panamense Mr. Rafael CIGARRUISTA ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera. Ad accoglierlo al suo arrivo il Comandante Generale, l'Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Nicola CARLONE ed il Capo del Reparto VI - "Sicurezza della Navigazione e Marittima", l'Ammiraglio Ispettore (CP) Luigi GIARDINO.Durante la visita, il Direttore Generale ha avuto un colloquio molto cordiale con il Comandante Generale su tematiche afferenti gli sviluppi dei traffici marittimi delle rispettive flotte di bandiera e la possibilità di una cooperazione, anche in termini di training, che possa portare le due Amministrazioni ad una gestione del proprio naviglio ancora più efficace.L'incontro è poi proseguito presso gli Uffici del Reparto VI con una riunione a carattere tecnico tra l'Ammiraglio Giardino ed il Direttore Generale, con la partecipazione altresì del Capo Ufficio 1° C.F. (CP) Pierluigi MILELLA ed il Coordinatore Nazionale PSC C.C. (CP) Stefano CARNEVALI, su tematiche afferenti la "sicurezza della navigazione" con particolare riguardo alla organizzazione delle due Amministrazioni in materia di safety e security e con risvolti sulla "performance" delle navi di bandiera panamense sottoposte ad ispezione "Port State Control" da parte degli ispettori specializzati del Corpo; quanto sopra, nell'ottica di una sinergica collaborazione finalizzata al continuo miglioramento degli standard di sicurezza, quale obiettivo condiviso e primario di due flotte rilevanti nel panorama internazionale.A conclusione della visita, il Direttore Generale Rafael Cigarruista ha ringraziato il Comandante Generale per l'accoglienza ricevuta ed ha espresso parole di vivo apprezzamento per il prezioso lavoro svolto dalla Guardia Costiera nello scenario marittimo nazionale ed internazionale.

  • Conclusa la due-giorni di approfondimento sulla Sicurezza Marittima al Comando Generale della Guardia Costiera Italiana
    on 16 Marzo 2022 at 15:35

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaSi è conclusa quest'oggi, presso la sede del Comando generale della Guardia Costiera a Roma, una due-giorni di approfondimento scientifico incentrata sul monitoraggio, gestione, controllo del traffico della navigazione marittima, nonché su ruolo e prospettive di crescita dei centri VTS (Vessel Traffic Service) gestiti dalle Capitanerie di porto.La Guardia Costiera italiana, infatti, assicura per legge la vigilanza in mare e sul traffico marittimo, avvalendosi di avanzati sistemi tecnologici. Tra questi, i VTS: ovvero il servizio avente la capacità di interagire con il traffico marittimo e rispondere allo sviluppo delle situazioni presenti nell'area di propria competenza per incrementare la sicurezza e l'efficienza della navigazione, contribuendo, nel contempo, alla salvaguardia della vita umana in mare e alla protezione dell'ambiente (definizione dell'IMO - International Maritime Organization) . L'evento ha costituito un importante momento di confronto tra il mondo scientifico – rappresentato dalle Università degli studi di Messina e Catanzaro, intervenute attivamente al dibattito – e la Guardia Costiera, che vi ha preso parte con una qualificata rappresentanza delle sue componenti operative e di tutti i suoi centri VTS operanti sul territorio, allo scopo di discutere sulla normativa, sulle procedure e gli sviluppi del settore. A suggellare la caratura dei contenuti trattati nei diversi momenti di approfondimento, dando proiezione internazionale alla portata delle tematiche affrontate, è stato il prestigioso intervento del Dott. Francis Zachariae, Segretario della IALA – l'International Association for Marine Aids to Navigation and Lighthouse Association, il massimo organo internazionale deputato a definire gli standard internazionali degli strumenti di ausilio alla navigazione marittima."La IALA incoraggia da sempre i suoi membri a lavorare insieme in uno sforzo comune." - ha affermato il Segretario Zachariae  - "Ad oggi un importante passo in avanti è stato fatto con la trasformazione dell'associazione in organizzazione governativa internazionale, un traguardo determinante che riflette l'esperienza e la crescita della nostra organizzazione, fornendo ulteriore impulso alle sinergie in questo campo.  Sono certo che l'Italia continuerà a fare la sua parte e auguro alla Guardia costiera italiana il miglior futuro per i centri VTS.""IALA e Guardia Costiera Italiana navigano nella stessa direzione, con obiettivi comuni – ha affermato il Comandante generale, Ammiraglio Nicola Carlone, nell'introdurre il Segretario Zachariae – che mettono al centro l'incremento della sicurezza ed efficienza della navigazione, nell'ottica di un continuo e costante miglioramento della sostenibilità del settore marittimo, contemperando così aspettative economiche degli operatori con le crescenti istanze ambientali e sociali."I lavori, aperti nella prima mattinata dal Vice Comandante generale, Ammiraglio Nunzio Martello, hanno visto susseguirsi in una serie di interventi, titolari di cattedra delle due realtà universitarie, ed esponenti del Corpo, tra cui il Contrammiraglio Giuseppe Aulicino, Capo Reparto Piani e Operazioni del Comando generale. A coordinare i lavori del workshop, l’Ammiraglio Piero Pellizzari, membro del consiglio IALA e responsabile unico del procedimento del progetto VTMIS nazionale.

  • Il Ministro Giovannini in visita alla Capitaneria di porto di Messina
    on 8 Marzo 2022 at 14:15

    Data: 08/03/2022 00:00:00Categoria: EventiLuogo: Messina​Nella giornata di ieri, lunedì 7 marzo, il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Prof. Enrico GIOVANNINI – a Messina in occasione dell'inaugurazione della nuova nave-traghetto "Iginia", l'unità green pronta a entrare il linea nella tratta dello Stretto – ha fatto visita alla locale Capitaneria di porto, accompagnato dal Vice Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Nunzio MARTELLO.Ad accoglierli, il Capo del Compartimento marittimo di Messina, Capitano di Vascello Andrea TASSARA, oltrechè una rappresentanza del personale militare e civile di stanza nel Comando messinese: è a loro che il Ministro Giovannini si è rivolto – in occasione di un momento d'incontro e conoscenza con il personale – esprimendo il proprio apprezzamento per il lavoro svolto nel quotidiano, al fianco dell'utenza del mare e a beneficio degli interessi marittimi del Paese. Un impegno, quello delle donne e degli uomini del Corpo, riconosciuto loro anche dai cittadini che, come emerso dai dati divulgati dal Rapporto Italia 2021 di Eurispes, ripongono nella Guardia Costiera la propria incondizionata fiducia, nella piena consapevolezza del suo operato in favore della collettività marittima."Vi ringrazio – si legge nelle parole della dedica lasciata dal Ministro nel "libro d'onore" della Capitaneria messinese – per il contributo dato alla storia, alla cultura, ai traffici e alle persone, e per l'impegno che spesso supera le regole burocratiche, dando ulteriore valore a quello che fate".

  • Buon compleanno Amm. Romani! Cento anni sulla cresta dell’onda…
    on 2 Marzo 2022 at 13:44

    Categoria: Attività, EventiLuogo: LericiCento anni sulla cresta dell'onda, dall'infanzia trascorsa a Lerici fino ad assumere, nel 1982, il Comando Generale delle Capitanerie di Porto per poi, nell'età matura, "navigare" nel mare dell'arte, coltivando le sue grandi passioni per la musica, la letteratura, la pittura, il cinema e il teatro. Un uomo di mare e di cultura a tutto tondo. L'Ammiraglio Luigi Romani, al traguardo del secolo di vita e decano dei Comandanti Generali del Corpo, è stato festeggiato lo scorso 28 febbraio a Lerici, nella splendida cornice di Villa Marigola, per iniziativa del Comando Generale delle Capitanerie di Porto.A porgere il saluto del Corpo delle Capitanerie di Porto, il Comandante Generale, l'Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone. Il Capo Ufficio Comunicazione della Guardia Costiera, il Comandante Cosimo Nicastro, e il giornalista Corrado Ricci si sono alternati nel proporre ai gentili ospiti interventi e filmati: dalla video-intervista a Romani, risalente a tre anni fa, fino al saluto degli allievi dell'Accademia Navale. Infine, la professoressa Eliana Bacchini, con l'intermezzo dei ragazzi del Conservatorio spezzino, ha raccontato l'impegno culturale dell'ammiraglio. Fra i messaggi di saluto, anche quelli degli alunni della scuola primaria "Paolo Fiori" di Lerici. E in chiusura dell'evento, il video augurale del Ministro Enrico Giovannini.Tante le autorità intervenute, tra cui il Sindaco di Lerici, gli ammiragli che si sono succeduti a Romani alla guida del Corpo, nonché il Direttore Marittimo della Liguria, Contrammiraglio Sergio Liardo, e il Capitano di Vascello Alessandro Ducci, Comandante della Capitaneria di porto di La Spezia.Buon compleanno Ammiraglio Romani! 

  • OPERAZIONE METROPOLI Roma-Milano: maxi operazione della Guardia Costiera a tutela dei consumatori
    on 2 Marzo 2022 at 9:15

    Categoria: Attività, EventiLuogo: Roma, MilanoSi è conclusa nei giorni scorsi l'operazione complessa della Guardia Costiera denominata "Metropoli", una due-giorni di ispezioni e controlli con la finalità principale di garantire la provenienza del prodotto ittico che giunge sui tavoli della ristorazione, a beneficio della qualità offerta ai consumatori. L'operazione ha preso il nome dalle grandi città sui cui si sono concentrati i controlli: Roma e Milano. Le due principali metropoli italiane nelle quali si attesta il maggior consumo di prodotti ittici, attraverso operatori della ristorazione etnica-orientale che promuovono formule "All you can eat". Una serie di verifiche volta a contrastare anche il fenomeno che correla il taglio dei costi alla scarsa qualità del prodotto servito.L'operazione – sviluppatasi nei giorni di giovedì 24 e venerdì 25 febbraio - ha visto impegnati nelle due grandi città, 60 ispettori pesca della Guardia Costiera, organizzati in  10 team su Milano e 10 su Roma, che hanno passato al setaccio la rete della ristorazione attraverso mirati accertamenti: circa 100 esercizi commerciali verificati, oltre che al Mercato ittico di Milano e al Centro agroalimentare di Guidonia (Roma), i due rispettivi maggiori poli di approvvigionamento nazionale di prodotti ittici.  Al centro dell'operazione, la tutela dei consumatori, attraverso il rispetto delle informazioni previste per la tracciabilità del prodotto somministrato e la verifica della rispondenza  tra quanto offerto sulla carta e quanto effettivamente portato in tavola. Aspetti non secondari anche il contrasto al mancato rispetto delle norme sulla sicurezza alimentare (soprattutto per quanto attiene alla conservazione del pescato) e all'inosservanza delle disposizioni inerenti l'igiene dei prodotti e dei locali, attività svolte grazie al coinvolgimento delle autorità sanitarie territorialmente competenti, intervenute sul posto quando necessario.Con un'azione coordinata dal Centro Controllo Nazionale Pesca del Comando Generale della Guardia Costiera di Roma, i due Centri di Controllo Area Pesca dei comandi regionali del Lazio e della Liguria, nelle settimane precedenti, hanno svolto sul territorio un'attività di monitoraggio e raccolta informazioni utili per l'individuazione di obiettivi sensibili, pianificando le successive verifiche.   Questi i dati salienti dell'operazione:Verifiche condotte: 59Sanzioni amministrative elevate: 54Importo totale sanzioni: 84.000,00 €Kg di prodotto ittico sequestrato: 655 Dati, quelli di Metropoli, che rispecchiano la proiezione delle irregolarità emerse nell'attività di controllo della Guardia Costiera nel 2021, che vede particolarmente ricorrenti gli illeciti legati alla inosservanza delle norme sulla tracciabilità del prodotto ittico, cartina di tornasole della sua qualità.  Il 2021, infatti, si attesta su oltre 100mila verifiche, con l'elevazione di circa 5mila sanzioni – il 25% delle quali sulla tracciabilità - per complessivi 7 milioni di euro e oltre 480 tonnellate di prodotto ittico sequestrato. «Con questa operazione, partita da Roma e Milano, e che proseguirà in altri importanti città italiane - ha dichiarato l'Ammiraglio Nicola Carlone, Comandante Generale della Guardia Costiera – abbiamo inteso in primo luogo dare una risposta concreta alle aspettative del consumatore di trovare prodotto ittico certificato e sicuro, ripagando la fiducia che egli stesso ripone nell'attività che la Guardia Costiera assicura lungo l'intera filiera ittica per conto del Ministero delle politiche Agricole, Alimentari e forestali e tutelando, nel contempo, tutti gli operatori onesti del settore».

  • IN EDICOLA IL NUMERO DI MARZO
    by Luca on 1 Marzo 2022 at 4:00

    Questo mese, nel nostro numero di Marzo, troverete tanti ed interessanti lettura dalla Rubrica Primi passi del nostro Gherardo Zei, che ci parla della cattura del cefalo all’Amarcord di Emanuele Zara che ci racconta di un tonno catturato senza aiuti. Nicola Refolo ci presenta con il suo tratto inconfondibile, Gianpiero Montinero ed il Nostro Jack

  • Sottoscritto a Roma il protocollo d'intesa tra Guardia Costiera e Marevivo
    on 23 Febbraio 2022 at 8:34

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaÈ stato sottoscritto lunedì 21 febbraio a Roma, presso la sede dell'associazione ambientalista Marevivo sul lungotevere, il protocollo d'intesa che vedrà la stessa associazione continuare ad operare in prima linea, al fianco della Guardia Costiera, per la tutela dell'ambiente marino e costiero.A firmare l'importante documento d'intenti, sono stati rispettivamente l'Ammiraglio Nicola Carlone, Comandante generale delle Capitanerie di porto, e la Dott.ssa Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo.La sottoscrizione del protocollo dà di fatto continuità al precedente accordo formalizzato nel giugno 2018, nel solco del quale l'Associazione ha virtuosamente e concretamente collaborato sul territorio nazionale con i Comandi della Guardia Costiera, per perseguire mirate attività a sostegno della cultura ambientale e difesa del suo habitat.Ancora, il nuovo accordo rinsalda il legame di collaborazione istituzionale, dando trasversalità alle iniziative di comune interesse, che continueranno a vedere la Guardia Costiera e Marevivo impegnati in progetti comuni."collaborazioni virtuose con associazioni ambientaliste da sempre attive sul territorio come Marevivo - ha affermato l'Ammiraglio Carlone - testimoniano la volontà di seguire una "rotta green" che ha già consentito di raggiungere risultati significativi e che, soprattutto, porterà a nuove e avvincenti sfide, con progetti che metteranno l'ambiente al centro."

  • Casino Rulet Bahisleri Nedir?
    by admin on 21 Febbraio 2022 at 21:12

    Casino rulet bahisleri nedir: Casino rulet, en çok ilgi gören oyunların içinde bulunuyor. Özellikle şansın öne çıkması, bir çark üzerinden oynanması ve bunun gibi farklı birçok özelliği söz konusudur. Rulet betleri her zaman katılım sağlayacak olan kişiler tarafından bilinmek zorundadır. Makalemizde bunların neler olduğunu sizler için hazırladık. Casino Rulet Nedir?[Read more] The post Casino Rulet Bahisleri Nedir? appeared first on ilovepescasub.com.

  • Firmato l’accordo di collaborazione tra il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto e l’Associazione dei porti italiani
    on 10 Febbraio 2022 at 9:29

    Categoria: Attività, EventiLuogo: RomaÈ stato firmato, nella giornata di ieri, presso la sede di Porta Pia del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, un importante accordo di collaborazione tra il Dipartimento della mobilità sostenibile facente capo allo stesso Dicastero, il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera e l'Associazione dei porti italiani.L'accordo prevede l'istituzione di un comitato paritetico a cui saranno affidati lo studio e l'analisi delle tematiche di interesse comune. Le relative soluzioni condivise e proposte saranno rimesse agli opportuni apprezzamenti del Ministero di riferimento ai fini della successiva valorizzazione.Un accordo che si prefigge lo scopo di mettere a fattor comune dati e informazioni di reciproco interesse, nonché specifiche esperienze o problematiche interpretative/applicative di norme, direttive o linee di indirizzo, che richiedano un esame interdisciplinare, in modo da generare soluzioni condivise e sostenibili in chiave propositiva e di uniformità di governance dei porti.A sottoscrivere l'intesa, il Comandante generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, il Capo del Dipartimento della mobilità sostenibile, Consigliere dr. Mauro Bonaretti, e il Presidente dell'Associazione dei porti Italiani, dr. Rodolfo Giampieri. L'iniziativa nasce dal preciso auspicio, espresso dal Ministro prof. Enrico Giovannini, di un proficuo rapporto di collaborazione tra i principali attori del settore marittimo, per meglio favorire lo sviluppo della portualità italiana, del trasporto e della sicurezza in ambito marittimo, in coerenza con il più ampio disegno governativo di rafforzamento della competitività e della modernizzazione del sistema della portualità e della logistica nazionale.Questa la dichiarazione dell'Ammiraglio Carlone subito dopo la stipula dell'accordo: "Grazie alla sottoscrizione dell'accordo odierno, l'azione di comando svolta dalle Capitanerie di porto, titolari di funzioni e compiti in materia di sicurezza della navigazione e portuale, potrà svolgersi in maniera ancora più efficace, contribuendo significativamente a uno sviluppo sostenibile di tutto il comparto. Marittimità, logistica e intermodalità, rappresentano elementi essenziali dell'economia del Paese e il nostro obiettivo è omogenizzare la risposta all'utenza su tutto il territorio italiano, in accordo col più ampio disegno di efficientamento auspicato dal Ministro".Dal canto suo, il Presidente Giampieri ha dichiarato: "oggi abbiamo aggiunto un altro tassello a favore del settore portuale. Una condivisone formale a beneficio dello sviluppo della portualità mirata a favorite un'ulteriore fluida applicazione delle norme che interessano, nel rispetto delle relative competenze, la vita nei porti in un disegno generale sostenuto del Ministro Giovannini. Lavoreremo insieme, in un format oggi indispensabile, per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile in ambito ambientale, economico e sociale". "Il Ministero gioca un ruolo di impulso e di facilitatore sui temi oggetto del protocollo, non solo di tipo amministrativo ma anche strategico – ha affermato il Capo Dipartimento Bonaretti – le parti possono contare sul nostro massimo supporto nell'interesse di un settore tanto rilevante per lo sviluppo del nostro Paese."Presenti alla sottoscrizione del protocollo, la Dott.ssa Maria Teresa Di Matteo, Direttore generale per la vigilanza sulle Autorità di sistema portuale, il trasporto marittimo e per vie d'acqua interne, il Capitano di Vascello Massimo Seno, Capo del 2° Reparto - Affari giuridici e servizi d'Istituto del Comando Generale e il Dott. Oliviero Giannotti, Segretario Generale dell'Associazione dei porti italiani.

  • Travolse e Uccise con la Barca un Pesca Sub: Condannato a 8 Mesi
    by Redazione Apnea Magazine on 6 Febbraio 2022 at 15:48

    L’investitore si era fermato e aveva prontamente soccorso il malcapitato, che però era arrivato già morto al porticciolo, a causa di un violentissimo shock emorragico... Apnea Magazine

  • Casino Poker Türleri Nelerdir?
    by admin on 5 Febbraio 2022 at 21:12

    Casino poker türleri nelerdir: Casino poker, en çok tercih edilen oyunların başında geliyor. Birden fazla kişinin katılımı sayesinde çok kolay bir biçimde oynanır. Kuralları kesinlikle en ince detayına kadar bilinmelidir. Oyunun birden çok türü söz konusu olmasından dolayı bunların neler olduğuna dair bilgi sahibi olabilmek adına yazımızı okuyabilirsiniz. Casino Türk[Read more] The post Casino Poker Türleri Nelerdir? appeared first on ilovepescasub.com.

  • Mares: arbalete Strike
    by Luca on 4 Febbraio 2022 at 11:28

    (di Martina Laudati) Un classico fucile mono o doppia gomma, caratterizzato però da tante migliorie, in particolar modo per quanto riguarda l’impugnatura Si chiama Strike la nuova linea di arbalete targata Mares. E’ caratterizzata da linee semplici e “racchiude” diverse migliorie estetiche, ma soprattutto funzionali. Iniziamo dalla testata, che è stata rivisitata e ora prevede

  • Nave “Roberto Aringhieri”: a Genova per ricordare l’Ufficiale genovese a cui è stata intitolata l’ultima unità della Guardia Costiera 
    on 4 Febbraio 2022 at 5:54

    Data: 03/02/2022 00:00:00Categoria: Eventi, AttivitàLuogo: Genova​"Tempestate maris spe volat - Nella tempesta del mare vola con speranza” è il motto ufficiale della nave “Roberto Aringhieri”, l’ultima unità entrata in servizio nella flotta della Guardia Costiera e dedicata alla memoria del Tenente di Vascello Roberto Aringhieri, morto nel Canale d’Otranto il 28 ottobre del 1995 mentre era impegnato in una ispezione connessa all'operazione di embargo nei confronti dei Paesi della ex-Jugoslavia."Tempestate maris spe volat" come motto per tramandare il senso di appartenenza al Corpo delle Capitanerie di Porto che Aringhieri aveva dimostrato scegliendo di arruolarsi come pilota della Guardia Costiera per portare soccorso in mare. Un motto che identifica la nuova unità, lo scopo per il quale è stata progettata e un lascito per le nuove generazioni.«È una giornata per me molto emozionante – racconta Elvira Ristaino Aringhieri, madre di Roberto -. Ho l’onore di ricordare mio figlio Roberto che ha scelto questa carriera. Oggi sento che è qui con noi. Ringrazio il Sindaco e l’Ammiraglio Liardo con il quale ho un rapporto speciale. Questa unità è bellissima e nuovissima, comandata da un ragazzo giovanissimo e porta il nome di mio figlio, c’è un collegamento. Roberto era un ragazzo molto coraggioso nel suo lavoro, rispettoso, educato: tutto quello che poteva essere. Ha vissuto tanto le sue cose in 26 anni, purtroppo però 26 anni sono pochi per viverle tutte».Ad Aringhieri, date le circostanze della sua morte, è stata conferita la Medaglia d’oro al Valore di Marina: «Aveva chiesto e ottenuto di essere imbarcato su unità navale assegnata a missione multinazionale di pace durante il conflitto iugoslavo – recita la motivazione dell’onorificenza . Nel corso di una impegnativa operazione di polizia marittima, si offriva volontario prodigandosi con generoso slancio, nonostante le avverse condizioni ambientali, per aprire la strada al successivo impiego della squadra. In tale circostanza rimaneva vittima di mortale incidente. Nobile esempio di Ufficiale e di marinaio caduto nell'adempimento del dovere».«Ho conosciuto Roberto grazie alla signora Elvira, lo conoscevo poco nonostante fossimo entrambi piloti, ma sapevo quanto fosse attaccato al lavoro che faceva, quanto lui avesse questa passione, questa dedizione – dice l’ammiraglio Sergio Liardo, Direttore marittimo della Liguria e Comandante del porto di Genova - e quanto lui fosse altruista. Nella motivazione di intitolare la nave a Roberto c’è tutto quello che è riuscito a dare a tutte le persone che lo hanno conosciuto».«Oggi ricordiamo un genovese che ha perso la vita servendo un Corpo che ha come missione salvare vite in mare – ha aggiunto il sindaco Marco Bucci -. Search and Rescue significa “cercare e salvare” le persone in mare. Lui l’ha fatto e ci ha rimesso la vita. Roberto è un esempio di persona che fa della sua passione, del suo cuore, cervello e capacità e tempo un mezzo per servire gli altri. Questa è una cosa importantissima e vogliamo ringraziare la sua famiglia: ogni volta che questa nave passerà da Genova sarà una grande emozione e porterà in tutti i mari che solcherà il nome di un valoroso concittadino».Alla cerimonia di questa mattina ha partecipato il Capo del 4° Reparto “Mezzi aerei, navali e terresti” del Comando Generale della Guardia Costiera, il Capitano di Vascello Luciano DEL PRETE, e anche il Prefetto di Genova Renato FRANCESCHELLI che ha voluto sottolineare il ruolo della Guardia Costiera al servizio del Paese e che la nuova unità è stata realizzata con fondi europei del Programma Nazionale del Fondo Sicurezza Interna 2014-2020 - a titolarità del Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Azione specifica 70.2.AS2 - mirati a garantire uno spazio comune di sicurezza, libertà e giustizia all’interno dei confini europei, attraverso il contrasto e la prevenzione di fenomeni criminosi e la gestione integrata delle frontiere. Dopo la cerimonia in Comune, la famiglia Aringhieri è stata accolta a bordo dal primo Comandante, il TV (CP) Arturo INCERTI e dal saluto, in collegamento da Roma, del Comandante generale del Corpo della Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Nicola CARLONE, che ha voluto portare un messaggio di vicinanza ai familiari di Aringhieri, a nome degli 11 mila donne e uomini del Corpo, che traggono esempio, nel loro agire quotidiano, dall’operato di chi ha perso la vita in servizio con generosità e sacrificio.La nave è approdata per la prima volta a Genova ieri con il suo equipaggio di 10 militari della Guardia Costiera. La Nave “Roberto Aringhieri”, così come la gemella nave "Natale De Grazia”, prima della classe “Angeli del Mare”, risponde alle caratteristiche di una nuova tipologia di navi pensate e progettate per assolvere al compito più importante che la storia e la legge affidano alla Guardia Costiera: la ricerca e il soccorso in mare; una missione che la nuova unità potrà svolgere anche in condizioni meteomarine estreme. Eccellenza della cantieristica italiana e vanto delle capacità marinaresche del nostro Paese, si distingue per essere una delle navi del comparto SAR (Search and Rescue) più grandi al mondo, nonché la più lunga imbarcazione “autoraddrizzante” e “inaffondabile” mai costruita in Italia. La “Aringhieri” rappresenta il meglio della tecnologia navale odierna con propulsione e strumenti di comunicazione all’avanguardia. Lunga 34 metri, è dotata di un sistema avanzato di comando e controllo che assicura maggiore autonomia, maggiori capacità ricettive e una migliore logistica per l’equipaggio e per il ricovero di eventuali naufraghi. Ha una velocità massima di oltre 31 nodi con un’autonomia, alla velocità di 28 nodi, di oltre 1.000 miglia nautiche. La nave è stata costruita negli stabilimenti di Messina, dai Cantieri Navali Intermarine SpA (Gruppo Immsi) di Sarzana (La Spezia).

  • Visita del Prefetto Ferrandino al Comando Generale
    on 3 Febbraio 2022 at 14:14

    Categoria: EventiLuogo: Roma​Martedì mattina, 1 febbraio 2022, il Prefetto Francesca FERRANDINO, Capo Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione, ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera. Ad accoglierlo al suo arrivo il Comandante Generale, l'Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE ed il Vice Comandante Generale, l'Ammiraglio Ispettore Nunzio MARTELLO.Durante la visita, il Prefetto ha potuto assistere ad un briefing a cura del Capo del Centro Nazionale Operativo della Guardia Costiera, Capitano di Vascello Gianluca D'AGOSTINO, durante il quale sono stati illustrati i diversi scenari in cui la Guardia Costiera opera, con un particolare focus sull'attività operativa di ricerca e soccorso in mare.L'incontro è poi proseguito presso la Centrale Operativa sede dell'Italian Maritime Rescue Coordination Centre, dove il Capo del 3° Reparto, Contrammiraglio Giuseppe AULICINO, ha mostrato i sistemi e le tecnologie che permettono al Corpo di assolvere ai propri compiti istituzionali.A conclusione della visita, il Prefetto Ferrandino ha ringraziato il Comandante Generale per l'accoglienza ricevuta ed ha espresso parole di vivo apprezzamento per il prezioso lavoro svolto dalla Guardia Costiera nello scenario marittimo nazionale e internazionale.

  • Cambio di comando alla Direzione Marittima della Puglia Basilicata Jonica e Capitaneria di porto di Bari
    on 3 Febbraio 2022 at 12:19

    Data: 03/02/2022 00:00:00Categoria: EventiLuogo: Bari​Venerdì 21 gennaio 2022, presso il Terminal Crociere del porto di Bari, si è tenuta la solenne cerimonia del passaggio di consegne del Comando della Direzione Marittima della Puglia e Basilicata Jonica, e della Capitaneria di porto di Bari, tra l'Ammiraglio Ispettore Giuseppe MELI ed il Contrammiraglio Vincenzo LEONE. Erano presenti alla cerimonia di avvicendamento, svoltasi nel rispetto delle misure imposte dall'emergenza sanitaria in corso, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, il Comandante del Comando Marittimo Sud, Ammiraglio di Divisione Salvatore VITIELLO e le massime Autorità civili, militari e religiose della Regione Puglia. Nelle parole dell'Ammiraglio Carlone sono state espresse le più vive congratulazioni all'Ammiraglio Meli per la dedizione e l'alta professionalità dimostrate alla guida della Direzione Marittima, nonchè i migliori auguri all'Ammiraglio Leone subentrante.

  • Il Ministro Giovannini in visita alla sede del Comando Generale
    on 2 Febbraio 2022 at 13:19

    Categoria: EventiLuogo: RomaNella giornata di ieri, in occasione delle imminenti festività natalizie, il Ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, prof. Enrico GIOVANNINI, accompagnato dal Capo di Gabinetto Alberto Stancanelli, ha incontrato il personale civile del MIMS e quello militare del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera presso la sede del Comando Generale. Al suo arrivo è stato accolto dal Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE, dal Direttore generale per la vigilanza sulle Autorità di sistema portuale, il trasporto marittimo e per vie d'acqua interne, dott.ssa Maria Teresa DI MATTEO, dal Direttore generale per la digitalizzazione, i sistemi informatici e statistici, ing. Mario NOBILE e dal Direttore generale del personale, del bilancio, degli affari generali e della gestione sostenibile del Ministero, dott. Massimo PROVINCIALI. Dopo aver passato in rassegna lo schieramento militare che gli ha tributato gli onori di rito e un breve incontro con il Comandante generale e i Direttori generali, il Ministro ha effettuato una visita agli uffici delle Direzioni generali, per poi recarsi in “Sala Crisi” per uno scambio di saluti e un ringraziamento per il quotidiano impegno istituzionale, con i Direttori Marittimi dei comandi territoriali della Guardia Costiera, collegati in videoconferenza. Al termine della visita - conclusasi in Sala Cinema - il Ministro Giovannini ha incontrato una rappresentanza di tutto il personale militare e civile impiegato nella sede. A loro ha rivolto un plauso per l’importante lavoro svolto durante tutto l’arco dell’anno grazie al quale è stato possibile rispettare, nei tempi previsti, gli impegni assunti dal Dicastero per la collettività.   Al personale e alle loro famiglie, in prossimità delle feste natalizie, ha infine formulato l’augurio di buone feste, estendendolo a tutti gli uomini e le donne del Corpo impegnati quotidianamente a salvaguardia della vita umana e a tutela del mare.

  • Il NUMERO DI FEBBRAIO È IN EDICOLA
    by Luca on 1 Febbraio 2022 at 6:53

    Un numero ricco di interessanti articoli e immagini mozzafiato, vi aspetta questo mese in edicola. La rivista apre con la rubrica “Riflessioni” del nostro Gherardo Zei tutta dedicata alle sue esperienze con gli oleo. Segue appuntamento ormai fisso, con la rubrica Fiocina e Rosseto, curata da Alice Ferrari. Parleremo poi della brutta avventura vissuta da

  • Casino Oyunlarına Hile Yapılır Mı?
    by admin on 30 Gennaio 2022 at 21:11

    Casino siteleri, gerçekte oynanan kumar oyunlarına içerikleri arasında yer vermiştir. Slot oyunları, rulet, blackjack gibi popüler kumar oyunlarına casino sitelerinde katılabilirsiniz. Casino oyunlarına hile yapılır mı: Casino siteleri, yasal denetimleri yapılan ve oyunlarında hile yapılmasına izin verilmeyen sitelerdir. Casino Oyunları Nelerdir? Casino oyunları, rulet, blackjack, bakara, poker ve slot oyunlarının[Read more] The post Casino Oyunlarına Hile Yapılır Mı? appeared first on ilovepescasub.com.

  • Gare Pesca Sub: il 6 Febbraio la 32a Coppa Carnevale
    by Redazione Apnea Magazine on 29 Gennaio 2022 at 17:27

    La manifestazione è entrata di diritto fra le classiche di pesca in apnea essendo la prima prova a livello nazionale di apertura della stagione agonistica del mondo della pesca in apnea. Apnea Magazine

  • Il Generale di Corpo d’Armata dell’Esercito Antonio Vittiglio, Direttore generale di PERSOMIL, in visita alla sede del Comando Generale.
    on 27 Gennaio 2022 at 14:21

    Categoria: Attività, EventiLuogo: Roma​Lo scorso lunedì 24 gennaio 2022, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE ha ricevuto, presso la sede del Comando Generale, il Generale di Corpo d'Armata dell'Esercito Antonio VITTIGLIO, Direttore generale di PERSOMIL. Ad accoglierlo al suo arrivo il Comandante Generale, l'Ammiraglio Ispettore Capo Nicola CARLONE ed il Vice Comandante Generale, l'Ammiraglio Ispettore Nunzio MARTELLO. Dopo il saluto e la firma del "libro d'onore", l'incontro è poi proseguito in un clima di reciproca stima, rappresentando anche un'opportunità per potersi confrontare sulle tematiche di comune interesse.A conclusione, il Generale Vittiglio ha ringraziato l'Ammiraglio Carlone per la squisita ospitalità, assicurando la pronta e completa collaborazione della Direzione Generale del Personale, nelle specifiche tematiche connesse al personale militare.